SE TUTTO VA BENE SIAMO ROVINATI – DUE MESI DOPO DAGOSPIA, ANCHE FASSINA AMMETTE CHE SERVE UNA MANOVRA DA 23 MLD – QUALCUNO AVVISI PITTIBIMBO CHE STA PER SCHIANTARSI CONTRO UN MURO DI VENDITE DI BTP

Padoan dice che la ripresa “è in ritardo”, manco fosse un treno e lui solo un passante. Non vuol sentir parlare di “manovra”. Ok, la chiameranno “Pippo”, ma è pur sempre una correzione da 30 miliardi, da fare prima che i mercati si accorgano che il nostro debito pubblico sta arrivando al 140% del Pil…

Condividi questo articolo

Superbonus per Dagospia

 

Stefano Fassina Stefano Fassina

A soli due mesi di distanza da Dagospia anche Stefano Fassina, ex viceministro dell’Economia, si e’ accorto che servirebbe una manovra da 23 miliardi di euro per riportare i conti pubblici nella carreggiata dei criteri di bilancio europei.

 

Il Ministro delle Finanze, Piercarlo Padoan, sfiora invece il ridicolo quando dice che la ripresa “è in ritardo”, come se stesse aspettando un treno e non fosse invece lui uno dei responsabili della politica economica italiana. Quello che entrambi non dicono è che il saldo IRES (imposta sui redditi delle imprese) che deve essere versato entro luglio sarà nullo o addirittura negativo rispetto all’acconto versato.

 

Il perverso meccanismo secondo il quale le imprese versano in anticipo una parte delle tasse basandosi sul fatturato dell’anno precedente non tiene infatti conto di 5 anni di crisi. Per un semplice ragionamento statistico se l’economia arretra per vari anni consecutivi l’acconto versato prima o poi coinciderà con il saldo da versare e questo e’ proprio quello che potrebbe succedere quest’anno. Quando il Ministero delle Finanze divulgherà i dati relativi all’entrate IRES avremo la sorpresa di un Stato a cui non mancano solo 23 miliardi per chiudere i conti, ma almeno 30.

pier carlo padoan pier carlo padoan

 

Una Waterloo in piena regola che non dipende dai “Gufi” o da chi rema contro, ma da una politica economica senza contenuti e senza riforme che pensa di restare agganciata all’Euro semplicemente con gli annunci o con 80 euro in busta paga che non sono serviti, e non serviranno, a niente se non a scassare ancora di più il bilancio dello Stato.

 

E Padoan? Che da presidente dell’OCSE da Parigi ci ammoniva a tener sotto controllo le spese, ora che cosa fa? Niente di niente, la sua trasformazione da rigido tecnico controllore del governo in politicante propagandista si e’ completata con la promessa: “Nessuna manovra”.

MATTEO RENZI MATTEO RENZI

 

Probabilmente ha ragione: non la chiameranno “manovra” la chiameranno “Pippo”, ma il concetto sarà sempre quello di rastrellare 30 miliardi in tutta fretta prima che i mercati si accorgano che il debito pubblico arriverà al 140% del Pil già nel secondo semestre 2015, proprio mentre la Federal Reserve comincerà ad alzare significativamente i tassi d’interesse.

 

Qualcuno dica a Pittibimbo che sta per schiantarsi contro un muro di vendite di BTP, e non pensi di andare a elezioni prima perche’ Fassina lo ha avvisato: la manovra e’ tua e te la gestisci tu!

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica