A SEI GIORNI DAL VOTO, PD E RENZIANI PENSANO SOLO AL RIMPASTO - È PARTITO ANDREA ORLANDO, OGGI ARRIVA ETTORE ROSATO, IN ITALIA VIVA PARLANO DI UN ''CAMBIO DI SQUADRA PER SPENDERE TANTI SOLDI E SPENDERLI BENE''. I PARTITI ANNUSANO LA CUCCAGNA DEL RECOVERY FUND E CHI HA IN MANO I MINISTERI CON PIÙ FONDI AVRÀ IN MANO QUALCHE MILIARDO DA INDIRIZZARE…

-

Condividi questo articolo

Paolo Festuccia per www.lastampa.it

 

Zingaretti Renzi Zingaretti Renzi

Una fase nuova, «un tagliando»: se servirà «una rimpasto». Ad aprire le danze sul governo ci ha pensato ieri il vice segretario del Pd Andrea Orlando. Oggi a stretto di giro di posta arriva l’apertura anche di Italia Viva alle posizioni del Pd per voce del vice presidente della Camera Ettore Rosato che pensa che «il Governo debba essere adeguato alla sfida gigantesca che abbiamo davanti e cioè quella di spendere tanti soldi e di spenderli bene: spenderli per misure che creino occupazione, lavoro e non per misure che abbiano solo caratteristiche assistenziali».

 

Insomma, anche per Italia viva, una riflessione va fatta. Ora se «sarà il premier» come dice Orlando ad aprire una fase nuova o meno, di certo dopo le regionali il quadra pare destinato a mutare. «E’ sensato passare da un cambio di squadra», osservano da Iv mentre per il titolare della Farnesina, Luigi Di Maio, «ne parleremo ovviamente dopo le elezioni: noi siamo concentrati su referendum e Recovery fund», taglia corto Luigi Di Maio. Anche se nel M5s c'è chi, a taccuini chiusi, che osserva: «Se il Pd chiederà il rimpasto per stabilizzare il governo non potremo dire di no».

ETTORE ROSATO ETTORE ROSATO

 

Solo teoria, per adesso. Conte finora ha sempre cercato di allontanare una formula che definisce "vecchia". Ma il pressing dei partiti sul premier per avere più peso sembra intensificarsi, anche se i giochi potranno farsi solo dopo che Pd, M5s, Iv e Leu si saranno pesati alle regionali e dopo la prova dello stress test su scuola e trasporti che il governo affronterà questa settimana. Di sicuro non sarà indifferente che le regionali finiscano 3 a 3 (per i Dem sarebbe comunque positivo tenere in regioni come Campania, Puglia, Toscana), 4 a 2 o 6 a 1.

maria elena boschi ettore rosato maria elena boschi ettore rosato

 

Condividi questo articolo

politica

"NON POSSIAMO MORIRE CONTIANI” - NEL M5S SI AGITANO LE BUDELLA DI CHI NON VUOLE AFFONDARE AL TRAINO DI CONTE E CASALINO - NON SOLO: MOLTI GRILLINI RICONOSCONO A RENZI DI AVER TOLTO IL VELO AGLI ERRORI DEL GOVERNO, SOPRATTUTTO SULLA PRIMA BOZZA DI RECOVERY PLAN - E GODONO PERCHÉ “GIUSEPPI” HA DOVUTO MOLLARE LA DELEGA SUI SERVIZI, COME CHIESTO INUTILMENTE DAL M5S PIU' VOLTE - GLI ATTACCHI A CRIMI E BONAFEDE: “LORO HANNO SCELTO QUESTA LINEA 'CONTE O MORTE'. CI VUOLE UN LEADER FORTE PER FAR VALERE LE NOSTRE PROPOSTE”