SPINELLI-COLTELLI - NELLA GUERRA TRA IL CORAZZIERE SCALFARI E BARBARA SPINELLI SULLE CRITICHE A BELLA NAPOLI, TRAVAGLIO E GLI ANTI CAV SULLA STESSA SPONDA ANTI-NAPO DEL BANANA

L'Unità si schiera con Eu-genio in versione scudo umano di Re Giorgio, mentre il Fatto e Micromega stanno con la Spinelli che difende il diritto di criticare Napolitano - Ma in questo modo Travaglio e altri storici AntiCav si ritrovano uniti con lui nell'essere Anti-Napo...

Condividi questo articolo


Luca Mastrantonio per il "Corriere della Sera"

Alle critiche di Eugenio Scalfari di domenica per l'appoggio alla campagna di Marco Travaglio e Beppe Grillo contro Giorgio Napolitano, Barbara Spinelli ha replicato lunedì su Repubblica drammatizzando i toni: si dice «stupita» per gli attacchi portati «con violenza» alle sue idee e alla sua «persona». Violento, aggiunge, è l'uso fatto di Altiero Spinelli, padre dell'europeismo, «del quale nessuno di noi può appropriarsi»: non ne sono eredi, dice la figlia, «né Scalfari, né il presidente della Repubblica, né io».

BARBARA SPINELLIBARBARA SPINELLI

E su Grillo: va «ascoltato», perché «non è solo l'Italia peggiore che ha votato per lui a febbraio». Mettere il grillismo sullo stesso piano di Alba dorata «è una controverità», sostiene; infine, Spinelli giudica «scorretto accusare Grillo di condannare alla gogna i giornalisti, quando all'interno di una stessa testata appaiono attacchi di questo tipo ai colleghi». Nota su Twitter Claudio Petruccioli: così Spinelli equipara Scalfari a Grillo.

La conclusione di Barbara Spinelli (replica cui sono seguite affettuose righe di Scalfari) è in linea con l'articolo del Fatto Quotidiano uscito lo stesso giorno, senza firma. Si sostiene che «la gogna non l'ha allestita Grillo contro una penna ostile ai 5 Stelle, ma Scalfari contro Spinelli, la più prestigiosa editorialista di Repubblica».

SCALFARI NAPOLITANOSCALFARI NAPOLITANO

Dopo un plauso a Gad Lerner, «anche lui firma illustre del quotidiano», si infierisce sui giornalisti messi all'indice dai grillini: Maria Novella Oppo (Unità ), Francesco Merlo (Repubblica ) e Pierluigi Battista (Corriere ): scriverebbero, sostiene l'anonimo autore, articoli «menzogneri». Mentre la destra, con il Giornale , si gode il soccorso rosso nella campagna anti quirinalizia, la sinistra si spacca: MicroMega , gruppo Espresso, schiera pro Spinelli Roberta De Monticelli, mentre l'Unità , sempre lunedì, con una vignetta di Sergio Staino in prima pagina, saluta «due buone notizie in un giorno solo»: Gianni Cuperlo presidente pd e «Scalfari che sculaccia Spinelli». Lerner sul blog bacchetta l'amico: «Bobo, ti ha dato di volta il cervello? Hai bevuto un bicchiere di troppo?».

SCALFARI E NAPOLITANO ALLA FESTA DEL 2 GIUGNOSCALFARI E NAPOLITANO ALLA FESTA DEL 2 GIUGNO

Per poi ospitare un intervento di Sandra Bonsanti, presidente di Libertà e giustizia, contro il fondatore di Repubblica : «Lo scontro tra Scalfari e Spinelli va ben oltre la rottura di un'antica amicizia»; riguarda, ad esempio, «cosa sia stato il berlusconismo», e «come si debba agire oggi, con lo spettro di nuovi fascismi».

MARCO TRAVAGLIO CON BEPPE GRILLOMARCO TRAVAGLIO CON BEPPE GRILLO

Ieri il Fatto è tornato sulla polemica, con un colpo d'ala di Fabrizio d'Esposito, che ha ricostruito i contrasti tra Altiero Spinelli e la linea del Pci di Giorgio Amendola, che lo espulse perché «deviazionista» antistalinista. Una finezza alla Giambattista Vico. Ma qui non si tratta solo di divisioni interne alla sinistra, visibili nella spaccatura interna a Repubblica , tra chi critica Grillo e difende il Colle e chi fa il contrario, cioè tra Scalfari e Merlo da una parte e Stefano Rodotà e Barbara Spinelli dall'altra.

La faglia è profonda, ha un fronte ampio, attraversa sinistra e destra antiberlusconiana, creando strani smottamenti: nell'attacco a Napolitano, infatti, chi sta con Grillo, come Travaglio e Spinelli, si trova dalla stessa parte di colui il quale era considerato il male assoluto, cioè Silvio Berlusconi.

maria novella oppomaria novella oppo

 

frr03 walter veltroni sandra bonsanti alfredo raichlinfrr03 walter veltroni sandra bonsanti alfredo raichlin

 

Altiero SpinelliAltiero Spinelli

 

Condividi questo articolo

politica

ALBINO, FACCE RIDE! – RUBERTI DICE CHE LA LITE PUBBLICATA DAL "FOGLIO" È SOLO UNA QUESTIONE CALCISTICA, LEGATA AL DERBY ROMA-LAZIO: “LA CORRUZIONE NON C’ENTRA. ERANO VOLATE PAROLE GROSSE, AVEVO FATTO UNA BATTUTA INFELICE A UNA PERSONA CHE ERA CON NOI A TAVOLA, LUI SI È OFFESO E MI HA AGGREDITO”. MA CHE C‘ENTRA QUEL “MI TI COMPRO”? E TUTTA QUELLA RABBIA SOLO PER UNA PARTITA? L’UNICA COSA CERTA AL MOMENTO È CHE GUALTIERI HA ACCETTATO LE SUE DIMISSIONI – SUL CASO È STATA APERTA ANCHE UN’INDAGINE DA PARTE DELLA PROCURA DI FROSINONE - VIDEO