1. TIRA ARIA GELIDA A PALAZZO GRAZIOLI. SAREBBE ALMENO DA UN MESE CHE PAPI SILVIO SBUFFA E SI LAMENTA DELLA GUARDIA STRETTA CHE GLI MONTA H24 FRANCESCHINA PASCALE 2. PROPRIO ADESSO CHE IL CAVALIERE HA QUASI IN MANO IL DIVORZIO DA VERONICA, LEI SAREBBE TANTO PRONTA A SUCCEDERE. MA LUI NICCHIA (“SONO TROPPO VECCHIO PER QUESTE COSE”). E ALLORA ECCO SPIEGATA LA STRATEGIA DELLE ULTIME SETTIMANE. UNA SERIE DI GOSSIP BEN PILOTATI, TRA GIORNALI LOCALI E NAZIONALI, CHE METTE IL CARRO DAVANTI AI BUOI CON TANTO DI PARTICOLARI SU DATE E LUOGHI DEL POSSIBILE MATRIMONIO 3. MA ADESSO PARE CHE SI SIA PARECCHIO INNERVOSITO. NON GLI HA FATTO PIACERE LEGGERE IERI SUL ‘’FATTO QUOTIDIANO’’, OVVERO IL GIORNALE PIÙ VISCERALMENTE ANTIBERLUSCONIANO CHE C’È, L’INTERVISTA DELL’EX VALLETTA DI TELECAFONE CHE RACCONTA CHE GLI CHIEDE DI SPOSARLO OGNI SANTO GIORNO (“NON VOGLIO IL SUO PATRIMONIO”) 4. L’EX CAIMANO L’HA PRESA ANCHE COME UN SEGNALE DI GRANDE INDIPENDENZA. DEL TIPO: SILVIO, SEI AVVISATO, IO PARLO CON CHI VOGLIO, ANCHE CON I TUOI PEGGIOR NEMICI…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

BERLUSCONI PASCALE DUDUBERLUSCONI PASCALE DUDU

E' un argomento più scivoloso di una pallina di Dudù, il possibile matrimonio tra Silvio Berlusconi e Francesca Pascale. Ma questa volta, a differenza del bizzarro incidente domestico che un mese fa mandò a gambe per aria il Cavaliere, a cadere rischia di essere lei, la ventottenne di Fuorigrotta che si vantava di avergli fatto il vuoto intorno.

Sarebbe almeno da un mese che Papi Silvio sbuffa e si lamenta con qualche commensale della guardia stretta che gli monta Franceschina. E non si tratta del quasi mezzo secolo di età che li separa, ma proprio del fatto che a lui comincia a mancare l'aria. Per giunta alla vigilia della decisione del Tribunale di Milano sull'affidamento in prova ai servizi sociali. Il fatto, racconta chi frequenta Palazzo Grazioli, è che il (ri)fondatore di Forza Italia non sa come arginare una certa invadenza della fidanzata.

Ha ottenuto una minor frequentazione con i genitori di lei, che potrebbero essere suoi figli ma tenderebbero egualmente a fare i suoceri, però non riesce ad arginare le troppe attenzioni di una ragazza che si vanta di mettergli ogni sera le mani nelle tasche dei pantaloni per un attento studio dei bigliettini che vi rinviene.

Proprio adesso che il Cavaliere ha quasi in mano il divorzio da Veronica, lei sarebbe tanto pronta a succedere. Ma lui nicchia e allora ecco spiegata la strategia delle ultime settimane. Una serie di gossip ben pilotati, tra giornali locali e nazionali, che tende a mettere il carro davanti ai buoi con tanto di particolari su date e luoghi del possibile matrimonio. La scorsa settimana il Cavaliere, che non a caso è un cavaliere, ha smentito con il sorriso e con una certa eleganza le nozze, arrivando a un'ammissione che per lui è contro natura: "Sono troppo vecchio per queste cose".

BERLUSCONI PASCALE DUDUBERLUSCONI PASCALE DUDU

Ma adesso pare che si sia parecchio innervosito. Non gli ha fatto piacere leggere ieri sul Fatto Quotidiano, ovvero il giornale più visceralmente antiberlusconiano che c'è, l'intervista della fidanzata che va in pressing pubblico sulle nozze e racconta che gli chiede di sposarlo ogni santo giorno, ma lui nicchia. L'ha presa anche come un segnale di grande indipendenza. Del tipo: io parlo con chi voglio, anche con i tuoi peggior nemici. Come l'odiata Michelle Bonev, l'ex amica che è andata in giro a raccontare che Francesca sarebbe lesbica, beccandosi fior di querele.

BERLUSCONI PASCALE DUDU IN AEREOBERLUSCONI PASCALE DUDU IN AEREO

C'è però un particolare decisamente esilarante dell'intervista al Fatto di ieri e, manco a dirlo, riguarda i soldi. Francesca ha solennemente proclamato: "Io rinuncio a tutto, non voglio niente del suo patrimonio". Peccato che, anche volendo, non possa farlo. Perché qui non siamo negli Stati Uniti, patria dei famosi contratti pre-matrimoniali con cui le star si tutelano economicamente.

FRANCESCA PASCALE SILVIO BERLUSCONI E DUDUFRANCESCA PASCALE SILVIO BERLUSCONI E DUDU BERLUSCONI PASCALE SUSANNA CANZIANBERLUSCONI PASCALE SUSANNA CANZIAN

Qui siamo in Italia e il codice civile protegge gli interessi del coniuge in caso di successione, destinandogli una quota del patrimonio che non è disponibile (la cosiddetta "legittima"). Né dal notaio, né tantomeno facendo proclami dalle colonne di un giornale. E in caso di divorzio? Ci si può sposare in regime di separazione dei beni e al momento della rottura si può rinunciare al mantenimento, ma solo in sede di separazione e non prima.

Il nervosismo per il Banana che rischia di sfuggire a un passo dalla meta fa compiere passi falsi e fa dire parole al vento.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…