TOGHE CHE SI RICICLANO – IL CASO DI DESIRÈE DIGERONIMO, IL MAGISTRATO BARESE CHE ESCE DAL CONSIGLIO COMUNALE PER ENTRARE IN QUELLO REGIONALE – A CANDIDARLA È L’EX TOGA MICHELE EMILIANO, CHE LODA VENDOLA E POI SCEGLIE COLEI CHE HA INDAGATO SU DI LUI

- Digeronimo alle comunali fu battuta dall’attuale sindaco Antonio Decaro, passato indenne per una sua indagine. E su Vendola ha indagato per la storia della nomina di un primario, videnza per la quale il governatore è stato poi assolto… -

Condividi questo articolo

Marco Demarco per “Il Corriere della Sera”

 

Neanche il tempo di uscire dal consiglio comunale di Bari, e già Desirée Digeronimo si prepara a entrare in quello regionale, al seguito del suo amico e collega Michele Emiliano. Entrambi sono infatti magistrati. Prestati alla politica, certo. Ma pur sempre magistrati, e non perché rimasti fedeli alla toga e ai valori della cultura giuridica, ma più terra terra perché né l’uno né l’altro si è mai formalmente dimesso. E ciò pur essendo lui ex primo cittadino di Bari, attuale segretario regionale del Pd e candidato governatore benedetto da Renzi; e lei candidata sindaco per una lista civica: fu battuta dall’attuale sindaco del capoluogo Antonio Decaro, anche lui passato, indenne, per una sua indagine.

DESIREE DIGERONIMO jpeg DESIREE DIGERONIMO jpeg

 

 In consiglio comunale, Digeronimo c’era finita proprio in quella occasione. Poi però il Tar ha stabilito che il seggio le era stato illegittimamente attribuito. «Per me Miss Italia finisce qua», commentò lei, leggera, su Facebook. Ma si sottovalutava. Negli insoliti panni di Enzo Mirigliani, storico patron del concorso in bikini, Emiliano l’ha subito rimessa in gara.

 

E lo ha fatto, tra l’altro, proprio mentre si complimentava con Nichi Vendola per aver regalato alla Puglia dieci «meravigliosi» anni di governatorato: da un lato gli diceva questo, inducendolo alla commozione fino alle lacrime, e dall’altro lo infilzava inserendo in lista Digeronimo, che di Vendola, poi assolto, è stata la grande accusatrice: da pm gli attribuì il concorso in abuso d’ufficio per aver favorito un primario.

 

DESIREE DIGERONIMO DESIREE DIGERONIMO

Tutto questo sembra quasi un remake di un vecchio «guardie e ladri». Ma purtroppo non è un film. Un padre costituente diceva che quando per la porta della magistratura entra la politica, la giustizia esce dalla finestra. A Bari politica e giustizia intasano porte, finestre e balconi.

DESIREE DIGERONIMO jpeg DESIREE DIGERONIMO jpeg RAZZI EMILIANO SELFIE RAZZI EMILIANO SELFIE michele emiliano e pina picierno michele emiliano e pina picierno

 

 

Condividi questo articolo

politica

FERMI TUTTI! “NOI NON SIAMO D'ACCORDO CON CONTE”, PAROLA DI TRAVAGLIO – PERO': ‘’CONTE HA USATO LE PAROLE E I TONI GIUSTI PER LANCIARE L'ALLARME SENZA DIFFONDERE ALLARMISMO” – SULLE DEMENTE CHIUSURA DI CINEMA E TEATRI, ECCO IL COLPO DI GENIO DI MARCOLINO: VISTO CHE LA GENTE DURANTE IL GIORNO NON HA UN CAZZO DA FARE: “PERCHÈ NON TENERLI APERTI ALMENO FINO ALLE 18?” – ALLA FINE, GRIDA AL ''GOMPLODDO'': “CHI SONO GLI SCIENZIATI O I POLITICI FENOMENI CHE HANNO SUGGERITO MISURE TANTO IRRAZIONALI E FORSE CONTROPRODUCENTI, CHE FINO A TRE GIORNI FA CONTE NON VOLEVA NEPPURE SENTIR EVOCARE?” - PERCHÉ NON PROVA A DOMANDARGLIELO?