I TRUCCHI DI RENZIE CON LA LEGGE DI STABILITA' - IL TAGLIO DELL'IRAP NON E' ALTRO CHE L'ENNESIMO GIOCO DELLE TRE CARTE - I 5 MILIARDI DI SCONTO ANNUNCIATI SONO APPENA 2,9 MILIARDI - UNIMPRESA: “E’ UNA PRESA IN GIRO”

L'esclusione del costo del lavoro per contratti a tempo indeterminato dalla base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive e' controbilanciato dall'aumento delle aliquote ordinarie dello stesso balzello - Da gennaio tornano ai livelli standard i prelievi che Renzi aveva tagliato a maggio scorso…

Condividi questo articolo


matteo renzi pier carlo padoan matteo renzi pier carlo padoan

(AdnKronos) - "Sconti fiscali boomerang con la legge di stabilità: lo sgravio Irap varato dal governo prevede un aumento dell'Irap". E' quanto emerge da un'analisi del Centro studi di Unimpresa sulle misure della legge di stabilità approvata mercoledì dal consiglio dei ministri.

 

"La copertura finanziaria per i tagli all'imposta regionale sulle attività produttive, introdotti nella manovra del governo che ha eliminato dalla base imponibile il costo del lavoro per i soli contratti a tempo indeterminato, prevede infatti un aumento dell'aliquota dello stesso tributo, ridotta a maggio scorso", afferma Unimpresa in una nota. Ne consegue che, si aggiunge "al netto della sostanziale partita di giro messa sul tavolo dal governo, i 5 miliardi di euro di sconto Irap annunciato dal governo, si riducono a soli 2,9 miliardi".

TASSE TASSE

 

A gennaio 2015, dunque, saliranno le aliquote ordinarie dell'Irap: quella che a maggio era stata ridotta, col cosiddetto decreto "80 euro" al 3,50%, tornerà al 3,90%; per le banche tornerà dal 4,20% al 4,65%, per le assicurazioni dal 5,30% al 5,90%, per le imprese agricole dall'1,70% all'1,90% e per le aziende in concessione dal 3,80% al 4,20%.

 

Sempre sul versante fiscale, secondo Unimpresa, per le imprese ci sono altri punti critici. In particolare, per quanto riguarda gli sgravi relativi ai dipendenti a tempo indeterminato, la copertura è stata individuata, oltre che dall'aumento delle aliquote ordinarie Irap, dalla cancellazione di due bonus oggi in vigore: quello che offre alle aziende 12 mesi di tagli sui versamenti contributivi per i contratti di apprendistato prolungati al termine dei tre anni di formazione; quello che prevede il taglio del 50% sui contributi per le aziende che assumono lavoratori in disoccupazione da almeno 24 mesi.

FALLIMENTO IMPRESE FALLIMENTO IMPRESE

 

"Attendiamo di conoscere la versione definitiva della manovra. Come sempre - commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi - le slide non sono sufficienti per fare valutazioni analitiche e bisogna attendere i documenti ufficiali. I testi, tuttavia, portano sempre brutte sorprese e, se non sarà modificato quello che abbiamo visionato, siamo di fronte a una partita di giro che, per le imprese, diventa una presa in giro".

 

Condividi questo articolo

politica

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO: GOVERNO ALL'ULTIMA SPIAGGIA! – PRIMA ISOLA CONTE SULLE ARMI ALL’UCRAINA, POI METTE SPALLE AL MURO SALVINI E FORZA ITALIA SULLE CONCESSIONI BALNEARI E MANDA UN AVVISO AI NAVIGATI: ENTRO MAGGIO BISOGNA CHIUDERE CON IL DDL CONCORRENZA O SALTANO I FONDI UE - E OTTIENE IL VIA LIBERA DAL CDM A METTERE LA FIDUCIA: "C’È IN GIOCO IL PNRR” (IL SOTTOTESTO: SE QUALCUNO NON E' D'ACCORDO, SI ASSUMA LA RESPONSABILITA' DI STACCARE LA SPINA) - I NODI ANCORA DA SCIOGLIERE: QUALI CONCESSIONI METTERE AL BANDO E COME INDENNIZZARE CHI PERDE IL LIDO...

RENZI E ASSOCIATI - NEL 2016 MATTEUCCIO VOLEVA COPIARE LA STRATEGIA SOCIAL DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE PER VINCERE IL REFERENDUM COSTITUZIONALE! PECCATO CHE IL PIANO DEI SUOI CONSULENTI FOSSE, DICIAMO COSÌ, UN PO’ SUPERFICIALE: NON INCLUDEVA INSTAGRAM E LA FERRAGNI, MA PIETRO TARICONE (MORTO NEL 2010) - LA “TASK FORCE” AVEVA SCHEDATO I PROFILI DEGLI INFLUENCER CHE POTESSERO ESSERE UTILI ALLA CAUSA: IN QUOTA BONONE C'ERANO DILETTA LEOTTA, GIULIA E LELLIS E MIRIAM LEONE. TUTTI SOGGETTI ESTRANEI AL MONDO DELLA COMUNICAZIONE,  TRANNE UNO MARCO TRAVAGLIO (INCREDIBILE, MA VERO!)

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO! - IL CDM CONVOCATO A SORPRESA DA “MARIOPIO” E DURATO APPENA 10 MINUTI: IL TEMPO CHE SERVIVA AL PREMIER PER RIMETTERE IN RIGA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA - C’È LA GUERRA IN UCRAINA, L’INFLAZIONE CHE GALOPPA, IL GAS CHE MANCA, E QUESTI SI METTONO A FARE LE FISIME METTENDO A RISCHIO I 200 MILIARDI DELL’EUROPA? ORA BASTA! AL CENTRO DELLA RIUNIONE C’ERA SOPRATTUTTO LA RIFORMA DELLA CONCORRENZA, E LO SBLOCCO DELLE CONCESSIONI AI BALNEARI. IL “GRANDE GESUITA” STA VALUTANDO L’OPPORTUNITÀ DI BLINDARE CON LA FIDUCIA IL PROVVEDIMENTO, CHE COMUNQUE VA CHIUSO ENTRO MAGGIO. ALTRIMENTI, ARRIVEDERCI E GRAZIE…