URGE UN BAGNO DI FOLLA PER MARCO REVELLI – IL SOCIOLOGO È NOTO PER I DOTTI ARTICOLI PER IL “MANIFESTO, QUOTIDIANO COMUNISTA” CHE AFFRONTANO LE PROBLEMATICHE DELLA CLASSE OPERAIA. MA SEMPRE “DALL’ALTO”: NELLE BIBLIOTECHE, NEL SUGGESTIVO BORGO MEDIEVALE LIGURE DOVE PASSA LE VACANZE, OPPURE NELLA BELLA CASA TORINESE. L’EX RIVOLUZIONARIO DI LOTTA CONTINUA NON AVENDO MAI PRESO UN BUS O UNA METRO IN VITA SUA, IERI A “STASERA ITALIA” HA LANCIATO L’IDEONA: PRENDERE LA TEMPERATURA ALLA MATTINA NELL’ORA DI PUNTA ALLA GENTE CHE DA’ L’ASSALTO AI MEZZI PUBBLICI…

-

Condividi questo articolo

MAIL

marco revelli marco revelli

 

Gentile direttore, ieri sera alla trasmissione di Rete Quattro “Stasera Italia”, condotta da Barbara Palombelli dove anche lei era ospite, c’era il professor Marco Revelli, sociologo ed erede del grande Norberto Bobbio, connotato dalla sua espressione sempre accigliata e severa. Il professore che scrive dotti articoli per il “Manifesto, quotidiano comunista” nei suoi studi ha affrontato le problematiche della classe operaia moderna e dell’esclusione sociale. 

 

MARCO REVELLI MARCO REVELLI

Degli “ultimi”, degli operai e delle operaie se ne è occupato studiando nelle biblioteche, nel suggestivo borgo medievale di Colletto di Castelbianco dove passa le vacanze nell’entroterra ligure, oppure nella bella casa torinese. Si potrebbe dire che se ne è occupato “dall’alto” in senso metaforico e reale.

 

Così ha proposto nel corso della trasmissione di rilevare la temperatura corporea con i termoscanner a chi sta per salire in autobus o in metropolitana nelle ore di punta. Troppo preso dal corpo a corpo con i tomi ha evitato il corpo a corpo con i soggetti delle sue ricerche quando, accaldati e imbelviti all’ora di punta ( re 8 di mattina, per esempio), si accalcano per conquistare un posto in metro.

metro roma metro roma

 

Immaginare un cortese rilevatore di temperatura che ne ostacola la disperata corsa mattutina è pensare la rivoluzione sociale che il professore ex Lotta continua auspicava negli anni Settanta. Urge per il professore un bagno di folla.      

marco revelli marco revelli

metro milano in epoca coronavirus 4 metro milano in epoca coronavirus 4

adriano sofri - lotta continua adriano sofri - lotta continua

 

Condividi questo articolo

politica

VENGHINO SIGNORI VENGHINO! - GIUSEPPE CONTE ANNUNCIA IL DECRETO "RISTORI", CON ALTRI FANTASTILIARDI CHE ARRIVERANNO DIRETTAMENTE SUI CONTI CORRENTI "NEI PROSSIMI GIORNI" (AUGURI) – LA POCHETTE CON LE UNGHIE DICE CHE LE MISURE RESTRITTIVE DEL DPCM SERVONO A EVITARE IL LOCKDOWN E SVUOTARE I MEZZI PUBBLICI. CHE NOTORIAMENTE VENGONO USATI LA SERA PER ANDARE A CENA, NON LA MATTINA DA MILIONI DI LAVORATORI E STUDENTI PER RAGGIUNGERE L’UFFICIO O LA SCUOLA – C’È ANCHE GUALTIERI A PALAZZO CHIGI A PARLARE. FORSE È SCAPPATO DAL MEF, DOVE CI SONO I TASSISTI CHE PROTESTANO