VENTI DI GUERRA FREDDA - PER MOSTRARE I MUSCOLI A PUTIN, OBAMA È PRONTO A SCHIERARE CARRI ARMATI E ARTIGLIERIA PESANTE IN ESTONIA, LETTONIA E LITUANIA - CON QUESTO SCHIERAMENTO ARRIVERANNO ANCHE 5 MILA SOLDATI DELLO US ARMY

Le frasi ripetute da Putin e dai suoi media, secondo cui l’Armata del Cremlino potrebbe prendere Polonia e paesi baltici in massimo 15 giorni, adesso hanno trovato una risposta dura, al loro livello…

Condividi questo articolo


Andrea Tarquini per “la Repubblica”

 

barack obama vladimir putin barack obama vladimir putin

«Arrivano i nostri», sembra dire Washington, e alza in modo significativo, senza precedenti, il livello della sfida militare a Putin per difendere i tre paesi baltici e il resto dell’Est della Nato. Secondo il New York Times , i piani di cui si parlava da tempo sono pronti: se verrà il via libera della Casa Bianca, il Pentagono è in grado di schierare per la prima volta dalla guerra fredda carri armati pesanti, veicoli corazzati d’attacco, artiglieria pesante e altre armi “sistemiche” in Estonia, Lettonia e Lituania, democrazie prive d’esercito e minacciate da propaganda e minacce russe.

obama e putin in vestito tradizionale cinese obama e putin in vestito tradizionale cinese

 

Con il preschieramento delle armi pesanti, sarà possibile trasportare nel Baltico almeno 5mila soldati delle truppe scelte dello US Army. I piani coinvolgono anche Polonia e Romania, Ungheria e Bulgaria.

 

«È una svolta significativa», dice al New York Times James Stavridis, ex comandante supremo della Nato. «Rassicurerà in modo ragionevole i nostri alleati laggiù, sebbene la cosa migliore sia sempre stazionare subito truppe sul posto». Per Julianne Smith, ex alto consigliere della Difesa alla Casa Bianca, «per la Nato è come un ritorno al futuro ». Le frasi ripetute dal presidente russo e dai suoi media, secondo cui l’Armata del Cremlino potrebbe prendere Polonia e paesi baltici in massimo 15 giorni, adesso hanno trovato una risposta dura, al loro livello.

 

G20- PUTIN, OBAMA, DILMA G20- PUTIN, OBAMA, DILMA

Di piani di preposizionamento di forze dei maggiori eserciti Nato nei paesi baltici, in Polonia e in Romania si era già parlato. Ma adesso il piano è preciso. In pochi giorni, il Pentagono è in grado di schierare nel territorio degli alleati orientali almeno 1.200 veicoli da combattimento.

 

Quanto basta per far sì che almeno una brigata tra 3mila e 5mila soldati scelti dei migliori reparti Usa possa poi volare nello spazio d’una notte con i C17 Globemaster e i vecchi C5 Galaxy, dagli States al Baltico o a Est di Bucarest e Varsavia, e trovare già sul posto le armi. In altre parole, se sarà necessario i G.I. arriverebbero già combat ready , con l’equipaggiamento sul posto. Un solo altro paese Nato, il Regno Unito, ha la capacità operativa di unirsi in corsa all’operazione.

putin- obama putin- obama

 

Sul piano numerico è poco per fronteggiare le forze russe con centinaia di jet, forze navali, migliaia di carri armati e potenti mezzi di guerra elettronica come mostrato dagli attacchi di hacker al Bundestag tedesco e ad altre istituzioni occidentali. Ma è la presenza simbolica che fa la differenza.

 

PUTIN OBAMA PUTIN OBAMA

«Se i russi attaccano, una cosa è se cade una nostra guardia, altro è se uccidono un soldato americano», ci ha detto di recente il padre dell’indipendenza lituana, Vytautas Landsbergis. Aggiunge il ministro della Difesa lettone, Raimonds Vejonis. «Per noi il preposizionamento di armi pesanti alleate è vitale, perché se succede qualcosa, ci serviranno armi, munizioni, equipaggiamento, e i nostri piccoli paesi non possono aspettare settimane, non avrebbero che poche ore o pochi giorni per resistere».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?