VERRÀ UN PAPA E SARAH TRADIZIONALISTA - IL CARDINALE AFRICANO È L'UOMO SU CUI PUNTANO GLI ANTI-BERGOGLIANI PER PREPARARE IL DOPO FRANCESCO. HA CONOSCIUTO DA VICINO L'ISLAM E LA SUA RADICALIZZAZIONE, HA UNA VISIONE TEOLOGICA CONSERVATRICE, CONOSCE BENE LA CHIESA MISSIONARIA, I TRABOCCHETTI DELLA CURIA E NON AMA PROPRIO LE MODE E LA MODERNITÀ. CHI È E CHI NON È L'UOMO CHE HA TERREMOTATO IL VATICANO CON LA CORRISPONDENZA CON RATZINGER

-

Condividi questo articolo


 

Franca Giansoldati per ''Il Messaggero''

 

robert sarah robert sarah

Non sono in pochi nella Chiesa a pensare che Robert Sarah abbia maturato col tempo un profilo interessante sotto il profilo pastorale, personale, teologico per avere possibilità di diventare Papa in un prossimo conclave. E' africano, ha conosciuto da vicino l'Islam e la sua radicalizzazione, ha una visione teologica conservatrice, conosce bene la Chiesa missionaria, i trabocchetti della curia e non ama proprio le mode e la modernità. Queste caratteristiche gli hanno spalancato le porte in diversi ambienti di stampo tradizionalista. Le sue idee le porta avanti con coraggio, pur sapendo di essere controcorrente.

 

Un po' di tempo fa ha sintetizzato bene certe disfunzioni in Occidente: «C'è chi vorrebbe una Chiesa impegnata pienamente nella lotta di classe e chi la vorrebbe fuori di ogni classe. La Chiesa è invece Chiesa nella misura in cui è accanto all'uomo e annuncia tutto il Vangelo, perché questa è la sua missione, e per questo è stata, è e forse sarà perseguitata».

papa francesco bergoglio arrabbiato papa francesco bergoglio arrabbiato

 

Un'altra volta, parlando dell'attivismo sociale del clero, ha chiarito: «Parecchi preti e vescovi sono letteralmente stregati da questioni politiche o sociali. In realtà, quelle problematiche non troveranno mai risposte fuori dall'insegnamento di Cristo». Di temperamento pacato ma di modi piuttosto altezzosi, poco incline a parlare con la stampa, Sarah è diventato molto popolare nel mondo francofono per i libri che ha iniziato a scrivere con il suo amico editore vicino alla destra francese e americana. Ultimamente ha rotto persino la ritrosia ad affrontare i social e ha un profilo su Twitter molto attivo. Scrive libri, presenzia convegni e seminari.

 

robert sarah robert sarah

VIAGGI

Nato 74 anni fa in un villaggio della Guinea, divenuto arcivescovo a soli 34 anni in una realtà e in anni in cui la Chiesa nell'area era perseguitata, è approdato in Vaticano nel 2001 chiamato da Giovanni Paolo II come segretario di Propaganda Fide. È nel 2010, con Benedetto XVI, che ha preso la guida di Cor Unum, organismo che si occupava della carità. Nello stesso 2010 viene creato cardinale da Ratzinger. È Francesco a nominarlo Prefetto della Congregazione per il Culto divino a novembre 2014 nell'ambito di un riassetto degli enti che si occupavano di carità.

 

robert sarah georg gaenswein robert sarah georg gaenswein

La questione del libro sul celibato non è la prima sfida che Sarah lancia contro le aperture tentate da Papa Francesco. È stata una delle voci contrarie al Sinodo sulla famiglia per l'apertura alla comunione per i divorziati risposati. E anche sul Sinodo dell'Amazzonia ha dato battaglia contro l'ordinazione di persone sposate e il diaconato femminile. Con Francesco ebbe anche un duro confronto sulla liturgia e sulla sinodalità. Uno duro. Vorrebbe che il Papa vietasse persino la presenza dei fotografi alle messe (matrimoni e battesimi compresi). Idea che non ha mai avuto fortuna.

le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah robert sarah 11 robert sarah 11 robert sarah 1 robert sarah 1 robert sarah papa ratzinger robert sarah papa ratzinger le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah le lettere di benedetto xvi ratzinger al cardinal robert sarah

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SCAZZO SOCIAL TRA CARLO CALENDA ED EZIO MAURO. IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” TWITTA: “NELLE PAGINATE CHE TUTTI I GIORNALI DI SINISTRA STANNO DEDICANDO ALLA CRISI DEL PD, MANCA UN TEMA: LA CRISI DELLA STAMPA DI SINISTRA. DUE OTTIMI ESEMPI DI OGGI: MANFELLOTTO E GIANNINI. SETTARISMO, TEORIA DEL COMPLOTTO, ELUCUBRAZIONI, DILEGGIO (SORELLA D’ITALIA LA PDC)” – E L’EX DIRETTORE DI “REPUBBLICA” LO FULMINA: “INSOPPORTABILE E RIDICOLO” – LA CONTRORISPOSTA DEL LEADER DI AZIONE

NORDIO-RENZI COLTI SU “IL FATTO” – MARCO LILLO: "IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA ANNUNCIA IN SENATO L’INVIO DEGLI ISPETTORI PER VERIFICARE QUELLO CHE HANNO COMBINATO I PM DI FIRENZE AFFERMANDO CHE “LA CONOSCENZA UFFICIALE DI QUESTI ATTI È PARZIALE”. MA LA PROCURA MANDÒ TUTTI GLI ATTI IL GIORNO PRIMA VIA PEC - ''NORDIO AVREBBE PIÙ CORRETTAMENTE DOVUTO DARE CONTO AI SENATORI E AI CITTADINI DEL CARTEGGIO TRA PROCURA DI FIRENZE E COPASIR CHE SPIEGA IL COMPORTAMENTO DEL PM TURCO, DEFINITO IN AULA DA RENZI "O EVERSIVO, O ANARCHICO" O ADDIRITTURA "CIALTRONE"..."

LA BATTAGLIA DEL VORREI MA NON POS – GIORGIA MELONI VA ALL’ATTACCO SULL’OBBLIGO DEL POS SOPRA I 60 EURO: “LA SOGLIA? POTREBBE ESSERE ANCHE PIÙ BASSA. C'È UN'INTERLOCUZIONE IN CORSO CON L'UE E VEDIAMO COME ANDRÀ A FINIRE” - BUTTAFUOCO: "STA NASCENDO UNA STUPIDA GUERRA DI RELIGIONE CHE PRESUPPONE LA CRIMINALIZZAZIONE DI CHI ADOPERA IL CONTANTE. DOVREBBE ESSERE UNA SCELTA LIBERA" - IL POLITOLOGO MARCO REVELLI: "BISOGNEREBBE IMPORRE ALLE BANCHE DI AZZERARE O QUASI LE COMMISSIONI PER LE PICCOLE CIFRE, UN GOVERNO SERIO DOVREBBE FARE QUESTO. CERTO PRENDERSELA CON LE BANCHE È PIÙ DIFFICILE CHE PRENDERSELA CON IL NEGOZIANTE O IL CONSUMATORE"

IO RESTO GIORGIA (E VE CORCO) – MELONI A TUTTO CAMPO IN UN COLLOQUIO CON “REPUBBLICA”. AI GIORNALISTI CHE L’ACCUSANO DI LIMITARE LA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE REPLICA: “NON SONO NERVOSA, NON SONO STRESSATA PER IL NUOVO INCARICO, IO SONO UNA PERSONA CHE PRETENDE RISPETTO. E SE C’È QUALCOSA CHE NON MI STA BENE LA DICO” – SUL PNRR LANCIA UNA NUOVA STILETTATA A DRAGHI: ‘DEI 55 OBIETTIVI DA CENTRARE ENTRO FINE ANNO A NOI NE SONO STATI LASCIATI 30” – E POI L’ABOLIZIONE DEL REDDITO DI CITTADINANZA, I MESSAGGI CON MACRON E I LAVORI DI RESTYLING A PALAZZO CHIGI…