PER LA VICE PRESIDENZA DEL CSM SFIDA ALL’ULTIMO VOTO TRA ROBERTO ROMBOLI (AREA PD) E FABIO PINELLI (L’AVVOCATO DI MORISI, AREA LEGA) - OGGI LA SCELTA DI CHI DOVRÀ GUIDARE I LAVORI DEL CONSIGLIO. LE CANDIDATURE DI DESTRA VACILLANO PER DIVISIONI INTERNE – IN POLE ROMBOLI SOSTENUTO ANCHE DA UNICOST, CORRENTE MODERATA. I VOTI CERTI SAREBBERO 15, CON LO STESSO GIUDICE MIRENDA, NON OSTILE…

-

Condividi questo articolo


Estratto da Giuseppe Salvaggiulo per la Stampa

roberto romboli roberto romboli

 

L’atmosfera della prima giornata del nuovo Csm è stata cordiale, ma non pacifica. Ma a tarda sera il toto-vicepresidente ha segnato una svolta, nel senso favorevole all’elezione del costituzionalista Roberto Romboli (indicato da Pd) che pare in vantaggio sugli avvocati Fabio Pinelli (area Lega) e Daniela Bianchini (Fratelli d’Italia). Vantaggio numericamente esile, ma politicamente consistente. I giochi non sono chiusi, ma in questo caso si tratterebbe di una sconfitta del tentativo della destra di imporre un vicepresidente omogeneo al governo.

 

Dopo la sobria cerimonia quirinalizia (niente brindisi, lascito dell’era covid) i nuovi consiglieri si sono spostati in piazza Indipendenza. Il consueto rito della spartizione degli uffici (il più ambito è quello simil presidenziale con divanetto in vera finta pelle e vista panoramica, che fu di Davigo) ha dovuto fare i conti con qualche complicazione. L’aumento dei consiglieri da 24 a 30, a parità di spazi, ha costretto la burocrazia del Csm a ricavare nuovi mini-uffici di risulta.

 

fabio pinelli fabio pinelli

Prevedendo tutto ciò, alcuni consiglieri neoeletti si erano portati avanti, con felpate visite nei giorni scorsi in cui avevano «prenotato» le stanze più grandi.

 

 

Smaltiti i malumori, il grosso dei consiglieri togati (i laici erano ancora per lo più spaesati tra scaloni e corridoi) si è riversato nella sala dove si riuniva la commissione titoli. La riunione per la verifica dei requisiti in capo agli eletti, solitamente di routine, si è trasformata in campo di battaglia. Nel mirino è finito lo stesso presidente della commissione, il costituzionalista Romboli, il più anziano nonché più votato dal Parlamento.

 

CSM CSM

Un fronte togato trasversale - dalla corrente conservatrice maggioritaria, Magistratura Indipendente, fino al giudice anti-correnti Andrea Mirenda - ha obiettato che Romboli, andando in pensione nel 2021, non fosse più professore ordinario, quindi ineleggibile.

 

(..)

La svolta pro Romboli è data dalla scelta di Unicost, corrente moderata, di sostenerlo. Portando i voti certi a 14. Sarebbero 15, con lo stesso giudice Mirenda, non ostile. Viceversa le candidature di destra vacillano, per debolezze intrinseche e divisioni interne. L’avvocato Pinelli (leghista ma non troppo) è la vera alternativa a Romboli. Ma alla fine anche Magistratura Indipendente, nell’impossibilità di sovvertirlo, potrebbe intestarsi il risultato.

roberto romboli 1 roberto romboli 1 COMPOSIZIONE DEL CSM COMPOSIZIONE DEL CSM roberto romboli roberto romboli

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO