- ZITTO ZITTO, BERGOGLIO LI FA FUORI TUTTI - “RINNOVAMENTO SPIRITUALE” PER IL CARDINALE ’O BRIEN -

“Rinnovamento spirituale, preghiera e penitenza”: il cardinale Keith ’O Brien, che aveva ammesso “comportamenti inappropriati” con giovani seminaristi, va in castigo - Via dalla Scozia, la destinazione sarà “concordata con la Santa Sede” - Benedetto XVI lo aveva già fatto dimettere…

Condividi questo articolo


Marco Ansaldo per "la Repubblica"

«Rinnovamento spirituale, preghiera e penitenza». Lontano dalla Scozia, sua patria, dov'era arcivescovo. Il tono del comunicato stilato dalla Santa Sede è asciutto, ma la sostanza è ferma. Il cardinale Keith O'Brien, che aveva ammesso «comportamenti inappropriati » con giovani seminaristi, viene mandato in ritiro a 75 anni.

CARDINALE OBRIEN jpegCARDINALE OBRIEN jpeg

Benedetto XVI lo aveva già fatto dimettere pochi giorni prima di lasciare il pontificato. Francesco ora lo ha allontanato dalla Chiesa di cui era guida. La linea di Roma verso il fenomeno della pedofilia si conferma dunque chiara anche con l'arrivo di Jorge Mario Bergoglio.

«Per le stesse ragioni per cui decise di non prendere parte all'ultimo Conclave - si legge nella nota - il cardinale Keith Patrick O'Brien, arcivescovo emerito di St. Andrews and Edinburgh, d'intesa con il Santo Padre, nei prossimi giorni lascerà la Scozia per molti mesi di rinnovamento spirituale, preghiera e penitenza. Ogni decisione circa la destinazione futura del cardinale sarà da concordare con la Santa Sede».

Lo scorso febbraio, una settimana prima della rinuncia di Joseph Ratzinger al Sacro soglio, O'Brien era stato accusato di abusi sessuali da tre preti e un ex sacerdote della sua diocesi per fatti risalenti a 30 anni prima.

Le accuse contro il cardinale erano state presentate all'ufficio del nunzio vaticano in Gran Bretagna, monsignor Antonio Mennini, il quale, rispondendo con una mail poi letta dai giornalisti dell'Observer, affermava di apprezzare il coraggio degli accusatori che parlavano di essere stati costretti a rapporti «inopportuni».

Un caso imbarazzante, che si intrecciò in quei giorni difficili con le dimissioni del Papa tedesco e l'approssimarsi del Conclave, dal quale O'Brien si escluse. Il
porporato si dimise anche da arcivescovo di Edimburgo, ma le sue scuse vennero in ogni caso giudicate come «deboli» da David Clohessy, presidente dello Snap, l'associazione che raccoglie alcune vittime di abusi sessuali del clero.

«Mi scuso con coloro che ho offeso», disse O'Brien il 25 febbraio, comunicando la propria decisione di rinuncia al Conclave: «Non voglio che l'attenzione dei media a Roma si concentri su di me». Il cardinale scozzese era considerato un tradizionalista in dottrina, e aveva manifestato posizioni molto rigide contro l'omosessualità, definita come «immorale», e contro i matrimoni gay.

Il Papa argentino ha intanto ieri annunciato personalmente e in diretta, nell'udienza generale del mercoledì, il suo primo viaggio italiano: avverrà in settembre in Sardegna, per visitare il santuario della Madonna di Bonaria, che domina Cagliari. Francesco ha raccontato il legame tra la Vergine di Bonaria e il luogo dove lui è nato, battezzato dai marinai sardi come la città della «buona aria», Buenos Aires, appunto.

Bergoglio ha dialogato con i fedeli in piazza - oltre 70.000 - chiedendo di alzare la mano a quanti - «pochi, eh», ha constatato - pregano ogni giorno lo Spirito Santo. Nella messa del mattino a Santa Marta il Papa ha invece offerto una meditazione sul dovere del vescovo di «proteggere il suo gregge dai lupi». E poi ha aggiunto: «Quando un prete, un vescovo, va dietro ai soldi, il popolo non lo ama. Ma lui stesso finisce male. San Paolo non aveva un conto in banca, lavorava».

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…