E' UNA BUFALA MA E' UN'OTTIMA IDEA - L'INCREDIBILE FAKE NEWS FA IL GIRO DEI SOCIAL: “500 LEONI IN STRADA IN RUSSIA PER GARANTIRE IL RISPETTO DELLA QUARANTENA" - IN REALTÀ LA FOTO DEL GRANDE FELINO PROVIENE DAL SUDAFRICA E NON HA NULLA A CHE VEDERE CON LE MISURE DI PREVENZIONE ANTI-CORONAVIRUS IDEATE DA PUTIN - MA POTREMMO PENSARCI NOI, SOPRATTUTTO PER QUEI COGLIONAZZI CHE ANCORA AFFOLLANO LE CITTA'...

-

Condividi questo articolo

Da corrieredellosport.it

 

 

leone coronabufala leone coronabufala

È clamorosa la fake news riportata da molteplici televisioni, che ha ben presto fatto il giro del web, dei social e delle app di messaggistica istantanea: "La Russia ha rilasciato 500 leoni in strada per garantire il rispetto della quarantena".

 

La foto utilizzata proviene in realtà dal Sudafrica e ha ben poco a che fare con l'emergenza Coronavirus e con un'estrema misura di prevenzione ideata da Putin: l'immagine del grande felino nel bel mezzo di un incrocio riguarda un altro tipo di allarme che il pianeta sta vivendo in questa epoca, più climatico e di incondizionata deforestazione che pandemico, e racconta di specie animali private del proprio habitat e costrette a spingersi fin nel centro di Johannesburg alla ricerca di cibo, creando di fatto grosse preoccupazioni alla popolazione locale.

 

La fake news dei leoni in Russia

putin putin

Dei 500 leoni liberati per le strade di Mosca e San Pietroburgo, per dovere di cronaca, se n'è parlato tanto in Italia, quanto all'estero. Una clamorosa misura di prevenzione che avrebbe dovuto scoraggiare i cittadini ad abbandonare le proprie abitazioni, rinunciando quindi a circolare per motivi tutt'altro che di assoluta necessità e non favorendo così la diffusione del Covid-19. Si tratta, però, soltanto di una delle più grottesche bufale circolate sul web negli ultimi anni.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute