UN ALTRO PEZZO DELLA GRANDE INTER CHE SE NE VA - ADDIO A PEIRÒ, IL NUMERO 9 DELLO SQUADRONE DI HERRERA. AVEVA 84 ANNI, NELLA LEGGENDA IL SUO GOL AL LIVERPOOL NELLA SEMIFINALE DI RITORNO DELLA COPPA DEI CAMPIONE DEL ’64-’65 CON UN COLPO D'ASTUZIA, SORPRESE ALLE SPALLE IL PORTIERE CLEMENCE CHE STAVA FACENDO RIMBALZARE IL PALLONE E LASCIÒ LA SUA FIRMA NELLA GRANDE RIMONTA NERAZZURRA (VIDEO) – CON IL "MAGO" VINSE ANCHE DUE SCUDETTI E DUE INTERCONTINENTALI. GIOCÒ ANCHE CON TORINO E ROMA…

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

peirò peirò

È scomparso a 84 anni Joaquin Peirò, per due stagioni (dal 1964 al 1966) attaccante della Grande Inter di Helenio Herrera, con cui vinse la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale nel 1965. Indossò anche le maglie di Torino e Roma (con cui vinse una coppa Italia nel 1969), oltre che dell'Atletico Madrid (una Coppa delle Coppe nel 1962) e della Nazionale spagnola.

 

Era il numero 9 della filastrocca mandata a memoria da generazioni di interisti (e non solo): Sarti, Burgnich, Facchetti,Bedin, Guarneri, Picchi; Jair, Mazzola, Peirò, Suarez, Corso. Arrivato all'Inter nell'estate 1964, aveva preso il posto di Aurelio Milani al centro dell'attacco nerazzurro: il suo nome sarà legato per sempre al celeberrimo gol segnato al Liverpool nella semifinale di Coppa Campioni 1964-65, quando i nerazzurri furono chiamati a rimontare a San Siro la sconfitta per 3-1 subita ad Anfield nel match d'andata.

 

peirò peirò

Peirò passò alla storia con un leggendario colpo d'astuzia, sorprendendo alle spalle il portiere Clemence che stava facendo rimbalzare il pallone, soffiandogli la sfera e segnando a porta vuota il gol del 2-0. L'Inter passò il turno e vinse in finale contro il Benfica la sua seconda Coppa dei Campioni, bissando il successo dell'anno prima anche nell'Intercontinentale contro l'Independiente: e anche lì Peirò risultò decisivo, aprendo le marcature nel 3-0 a San Siro che indirizzò il doppio confronto.

 

peirò peirò

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute