“COM'È POSSIBILE CHE UN ARBITRO COSÌ DISCUSSO COME MARCELLO NICCHI DIVENTI PRESIDENTE NAZIONALE DELL’AIA?” - ZILIANI RICORDA: “NEL 96-97 FU FERMATO DAL DESIGNATORE CASARIN PER DUE EPISODI DI BULLISMO, UNO DI INETTITUDINE - COME SUO VICE ALL’AIA HA SCELTO NICOLA PISACRETA, CHE È STATO IL GUARDALINEE NELLA PIÙ SCANDALOSA PARTITA DI CALCIOPOLI. COME CAPO DEL SETTORE TECNICO HA SCELTO ALFREDO TRENTALANGE…”

-

Condividi questo articolo

Marcello Nicchi Marcello Nicchi

Paolo Ziliani per il “Fatto quotidiano”

 

Perché il calcio italiano è diventato questa indegna cosa cui ogni giorno ci tocca assistere? Perché i fatti succedono senza che nessuno ci faccia caso; anche se sono importanti; anche se produrranno conseguenze irreparabili. Come nel 2009 quando Marcello Nicchi diventa presidente nazionale AIA (associazione italiana arbitri).

Sono passati tre anni da Calciopoli e a capo del movimento spunta un ex dal passato imbarazzante.

 

paolo casarin paolo casarin

Al termine della stagione '96-'97 il designatore Casarin lo ferma dopo due incresciosi episodi di cui è protagonista: uno di bullismo puro (in Vicenza-Bologna 2-0 espelle Andersson del Bologna che a bordo campo chiede a Ulivieri di essere sostituito non ritenendosi tutelato dall' arbitro; Casarin ferma Nicchi per tre mesi), uno di inettitudine (in Perugia-Napoli 1-1, al rientro dopo la sospensione, convalida un gol di mano dal perugino Rapajc). L' anno prima, in Sampdoria-Inter 0-0, Nicchi aveva ammonito per simulazione Mancini, atterrato invece da Pagliuca; Mancini aveva perso la testa, era stato espulso e aveva rimediato 6 giornate di squalifica.

pierluigi pairetto pierluigi pairetto

 

Per Casarin, il modo di porsi nei confronti dei giocatori, che Nicchi prendeva di petto quasi sfidandoli, era inammissibile. Sipario, quindi. Domanda: com' è possibile che un arbitro così discusso diventi presidente nazionale? Difficile dirlo.

 

Nicola Pisacreta Nicola Pisacreta

Quel che è certo è che Nicchi fu il quarto uomo di Pierluigi Pairetto (il designatore radiato a Calciopoli per i rapporti con Moggi) nella finale europea '96, Germania-R. Ceca 2-1: un buon amico insomma, e certo il figlio di Pairetto, Luca, con Nicchi a capo dell' AIA di strada ne ha fatta nonostante i continui pastrocchi (l'ultimo: i 7 ammoniti più un espulso della Roma nel 2-4 contro il Sassuolo).

 

Alfredo Trentalange Alfredo Trentalange

Appena eletto, Nicchi porta all'AIA come suo vice Nicola Pisacreta e come capo del settore tecnico Alfredo Trentalange. Pisacreta è il guardalinee che nella più scandalosa partita di Calciopoli, Roma-Juventus 1-2, nel '94-'95, fece convalidare il gol di Cannavaro segnato in fuorigioco e sostenne Racalbuto nella concessione del rigore del 2-1 per un atterramento di Zalayeta avvenuto fuori area ("È fuori e nemmeno netto" disse Bergomi in telecronaca Sky, tuttora reperibile su Youtube). I due minuti di proteste di Totti e compagni non servirono.

 

SALVATORE RACALBUTO SALVATORE RACALBUTO

In quanto a Trentalange, di Torino pure lui, era l'osservatore di Rocchi nella scabrosa partita Chievo-Lazio finita nel mirino degli investigatori. Il voto che diede a Rocchi fu alto e venne interrogato perché spiegasse. Curioso notare come Gianluca Rocchi, nell'organigramma AIA , figuri oggi come rappresentante degli arbitri; e come tra i responsabili degli Organi Tecnici ci sia Matteo Trefoloni, che era l' arbitro designato per la famosa Roma-Juve di cui sopra e che non se la sentì, e mandò un certificato medico per farsi sostituire, sapendo cosa lo aspettava.

Gianluca Rocchi Gianluca Rocchi

 

"Posso affermare - disse Trefoloni all'interrogatorio - che sia Bergamo che la Fazi (designatore e segretaria, n.d.r.) svolgevano un'attività volta a determinare in noi arbitri una sudditanza psicologica che si traduceva poi a seconda delle partite da arbitrare in una gestione delle stesse in linea con il volere dei citati". Dopo Roma-Juve, il presidente Figc Carraro, che aveva chiesto un arbitraggio imparziale, chiamò Bergamo e disse: "Allora io non conto un cazzo!". Oggi i telefoni tacciono.

PAOLO BERGAMO PAOLO BERGAMO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“GIOCHI OLIMPICI IN QUARANTENA? INTANTO SPERIAMO CHE SI FACCIANO, LA SITUAZIONE E’ PREOCCUPANTE” – PESCANTE, EX PRESIDENTE CONI E MEMBRO ONORARIO DEL CIO, LANCIA L’ALLARME – ECCO LE UNICHE VOLTE IN CUI SI SONO FERMATE LE OLIMPIADI (MAI NELL’ANTICHITA’) – OLIMPIA GRAFFITI: “NEL ‘68 CON EDDY OTTOZ E ORIANA FALLACI A CITTA’ DEL MESSICO CI TROVAMMO COINVOLTI NEGLI SCONTRI DI PIAZZA DELLE 3 CULTURE. LA FALLACI RIMASE FERITA, DICIAMO COSI’…” – E NEL ’72 A MONACO…

cafonal

viaggi

salute