“LA LEGA SERIE A VUOLE RESTARE A 20 SQUADRE? NON MI STUPISCE” – MALAGO’, ALLA FINE DEL CONVEGNO "OSSERVATORIO VALORE SPORT" ORGANIZZATO DA THE EUROPEAN HOUSE AMBROSETTI, PARLA DEL TENTATIVO DI INTER, JUVE, MILAN E ROMA DI AVERE UNA SERIE A A 18 SQUADRE - E POI SINNER, I GIOCHI OLIMPICI ’24, IL “PIANO MARSHALL” PER LA SCUOLA E IL RICORDO DEL GIORNALISTA ALBERTO MANDOLESI, SCOMPARSO IERI…

-

Condividi questo articolo


GIOVANNI MALAGO' Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti GIOVANNI MALAGO' Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti

(ANSA) - "La lega di Serie A vuole rimanere a 20 squadre? Oggettivamente non mi sembra che ci sia niente da stupirsi, anche negli anni passati c'è stata una contrapposizione-dialogo tra alcuni, non sempre tutti i grandi club e quelli che hanno esigenze diverse. E' chiaro che ci sono delle dinamiche statutarie che non possono che essere rispettate, però non mi stupisco che ci siano dei soggetti che abbiano provato a ragionare in un modo diverso, così come capisco perfettamente gli interessi anche della maggioranza dei club, è molto semplice".

 

Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine del convegno "Osservatorio valore sport" organizzato da The European House Ambrosetti, parlando di quanto sta avvenendo in Lega calcio di Serie A con alcuni club che hanno votato per una Serie A a 18 squadre. "Adesso poi come se ne viene fuori, è tutta una partita all'interno del mondo del calcio - ha detto ancora Malagò -, sia sotto il profilo di quelle che sono le logiche che rappresentano la federazione con le componenti e quelle che sono le dinamiche, anche legate ai eventuali diritti di veto o meno. Ognuno di noi ha delle problematiche di politica sportiva e sicuramente questo non lo invidio".

 

GIOVANNI MALAGO' LUCA PANCALLI Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti GIOVANNI MALAGO' LUCA PANCALLI Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti

Quanto al rischio di un terremoto istituzionale nel calcio, il presidente del Coni ha sottolineato che "c'è un fronte che rimane decisamente compatto a mantenere uno schema di campionato e di regole, e c'è qualcuno che cerca, nell'ottica di quelle che sono le dinamiche, di valorizzare più possibile l'importanza dei loro club. Sapete che io sono sempre stato, anche quando è nata l'idea della Superlega, totalmente un fautore che si dovesse rispettare e far privilegiare il diritto sportivo". "Dopodiché è chiaro che questa è la solita partita - ha concluso Malagò -, dal mio modesto punto di vista, che non deve portare ad avere dei vincitori al quadrato e degli sconfitti al quadrato". (ANSA).

 

MALAGO’

(da sport.quotidiano.net) "Il tennis, con Sinner o con la coppia Bolelli-Vavassori, potrebbe portarci medaglie che non sono praticamente mai arrivate". Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine del convegno "Osservatorio valore sport" organizzato da The European House Ambrosetti. "Ieri è stata una giornata esaltante nei tuffi - ha aggiunto Malagò - finalmente si è qualificato il Settebello. Se si è in tanti di più, statisticamente, è più facile vincere medaglie. Se non c'è una inversione di tendenza è impossibile che si continui con questi risultati.

 

GIOVANNI MALAGO' Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti GIOVANNI MALAGO' Osservatorio valore sport organizzato da The European House Ambrosetti

Abbiamo saputo dare know-how però serve il materiale umano. I dati sono impietosi, in Europa siamo tra gli ultimi posti, paghiamo una infrastruttura che ha del clamoroso. Buona parte di quello che oggi facciamo lo dovremmo fare nella scuola, che è il convitato di pietra. Serve un piano Marshall, è indispensabile, che deve partire dalla scuola". Malagò ha poi ricordato Alberto Mandolesi, 'voce' giallorossa sulle tv private romane, scomparso ieri. "Voglio dare un abbraccio ad Alberto che mi ha accompagnato un pezzetto dell'infanzia, soprattutto per stile, garbo e comportamento", ha concluso.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO