LA MANATA SUL SEDERE ALLA CAMPIONESSA DEL MONDO DI CICLISMO LOTTE KOPECKY NELLA GAND-WEVELGEM SCATENA UN PANDEMONIO – PER MOLTI APPASSIONATI IL GESTO HA RAPPRESENTATO UNA VERA E PROPRIA MOLESTIA: “A UN UOMO NON SAREBBE SUCCESSO”. NON E’ DEL TUTTO VERO VISTO CHE LA MALEDUCAZIONE DEGLI SPETTATORI A BORDO STRADA E LE MANATE SUL FONDOSCHIENA NON CONOSCONO DIFFERENZE DI GENERE. LE INTEMPERANZE NEI CONFRONTI DI VAN DER POEL, CAMPIONE OLANDESE, DA PARTE DEI SOSTENITORI BELGI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratti dell’articolo di Lorenzo Nicolao per corriere.it

 

 

LOTTE KOPECKY LOTTE KOPECKY

Il tifo nel ciclismo è uno degli aspetti più belli, ma ha spesso perso il senso del limite, con le urla di incoraggiamento che sono degenerate in eccessi, insulti, spintoni e altre azioni inqualificabili. Questa volta protagonista suo malgrado è stata la campionessa del mondo e idolo di casa Lotte Kopecky, 28enne in forza al Team Sd Worx.

 

Era così impegnata nell’ultima salita, la scalata del Kommelberg, verso il traguardo di Wevelgem (è arrivata 19ª), lanciata all’inseguimento dell’olandese Lorena Wiebes (che ha poi vinto davanti alle italiane Elisa Balsamo e Chiara Consonni), che in un primo momento non si è accorta del gesto, né aveva potuto prestargli troppa attenzione.

LOTTE KOPECKY LOTTE KOPECKY

 

Si è trattato di una manata sul sedere, che però non è sfuggita a tutti gli appassionati che stavano seguendo la corsa sui maxischermi e in televisione, e che poi hanno riversato la propria rabbia e indignazione sui social.

 

Il video della pacca sul fondoschiena di una delle cicliste più forti del panorama internazionale in poco tempo è diventato virale (oltre 230mila visualizzazioni in otto ore, dopo che le immagini sono state condivise su X). Il gesto non solo ha risollevato il tema della maleducazione degli spettatori a bordo strada, ma per molti ha rappresentato una vera e propria molestia.

 

 

 

LOTTE KOPECKY LOTTE KOPECKY

La pacca sul sedere è stata giudicata da tutti deplorevole, tanto per la maleducazione, quanto per il l ivello di sessismo che ha manifestato. È capitato spesso di assistere a mancanza di rispetto nei confronti dei ciclisti, anche quando sono impegnati nei tratti più duri di una corsa. Gli spettatori, invece di limitarsi a tifare, si scatenano a pochi centimetri dal corridore, compromettendogli la gara e a volte anche facendolo cadere. Per una questione di campanilismo, tante polemiche avevano scatenato pochi giorni fa le intemperanze di diversi tifosi della E3 Saxo Classic nei confronti di Mathieu van der Poel, campione olandese subissato di fischi e lanci di oggetti da parte dei sostenitori belgi. In passato in una simile atmosfera il ciclista aveva addirittura reagito sputando verso il pubblico che lo insultava.

 

Ma nel caso della manata a Kopecky c’è qualcosa di più. La pacca sul sedere è stata subito associata a una cultura maschilista e sessista che non risparmia neanche un’atleta alle prese con una delle salite più dure, a 34km dall’arrivo di un tracciato di oltre 230km e di conseguenza impossibilitata a reagire. Secondo l’opinione generale, «a un corridore uomo tutto questo non sarebbe mai successo».

LOTTE KOPECKY LOTTE KOPECKY

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”