MATHIAS POGBA, IL FRATELLO DI PAUL, È STATO ARRESTATO PER L’INDAGINE SULL’ESTORSIONE DEL CENTROCAMPISTA FRANCESE – SI È PRESENTATO NEGLI UFFICI DEGLI INQUIRENTI CHE STANNO INDAGANDO SULLE MINACCE AI DANNI DEL BIANCONERO INSIEME AD ALTRE TRE PERSONE, ED È STATO POSTO SOTTO CUSTODIA...

-

Condividi questo articolo


Salvatore Riggio per www.corriere.it

 

paul mathias florentin pogba paul mathias florentin pogba

Colpo di scena sulla vicenda Pogba tra Paul, centrocampista della Juventus, e suo fratello Mathias. Secondo quanto riporta il quotidiano francese Le Monde, Mathias è stato posto sotto custodia dalla polizia insieme ad altre tre persone, dopo essersi presentato negli uffici degli inquirenti che stanno indagando sulle estorsioni ai danni del fuoriclasse bianconero.

 

mathias pogba al tours mathias pogba al tours

Già un procedimento giudiziario era stato avviato dalla procura di Torino sul caso di Pogba, che aveva denunciato alle autorità francesi di essere vittima di un ricatto. Il centrocampista della Juventus era andato a fine marzo a Lagny-sur-Marne a trovare la famiglia. Qui era stato sequestrato da alcuni amici in un appartamento, nel quale ha trovato anche due uomini incappucciati armati con fucili d’assalto: la richiesta della banda è stata di 13 milioni di euro, a titolo di «pagamento» per i servizi di protezione resi al giocatore da quando aveva 13 anni, lui ha pagato 100mila euro. 

 

paul mathias florentin pogba paul mathias florentin pogba

Paul ha spiegato agli inquirenti di aver incontrato i ricattatori anche in aprile a Manchester e a luglio fuori dal centro di allenamento della Juve: qui Pogba ha detto di aver riconosciuto Mathias , che con gli altri componenti della banda ha accusato il fratello di non averlo mai aiutato economicamente.

 

Fino a marzo Paul e i due gemelli Mathias e Florentin, maggiori di tre anni, sembravano uniti: il fratellino minore è nato in Francia, mentre loro sono nati in Guinea e hanno indossato la maglia della Nazionale africana. Calcisticamente il paragone non esiste: Florentin è finito in India, Mathias è senza squadra.

PAUL POGBA PAUL POGBA

 

 Questa storia sta scuotendo il calcio francese (e non solo) a poche settimane dall’inizio del Mondiale in Qatar ed è stata portata alla luce con la pubblicazione, il 27 agosto, di un enigmatico video di Mathias Pogba, che aveva promesso scottanti rivelazioni sul fratello, per poi fare dietrofront e negare di essere coinvolto in questa oscura vicenda. Intanto, la madre – si mormora – sta cercando di mediare tra i due fratelli.

ARTICOLI CORRELATI

<span class="articoloDrag imgDrag linkArticolo imgRight" data-data="2022-09-07 18:07:23" data-img="https://www.dagospia.com/img/patch/09-2022/samir-nasri-paul-pogba-1714077.jpg" data-url="https://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/l-ex-arsenal-e-manchester-city-samir-nasri-pogba-e-in-contraddizione-e-musulmano-se-devi-323606.htm" data-titolo="L\'EX ARSENAL E MANCHESTER CITY SAMIR NASRI: \" pogba="" e\'="" in="" contraddizione.="" musulmano.="" se="" devi...\'"="" data-id="323606" style=""> L'EX ARSENAL E MANCHESTER CITY SAMIR NASRI: "POGBA E' IN CONTRADDIZIONE. E' MUSULMANO. SE DEVI...' il video di mathias pogba sul fratello il video di mathias pogba sul fratello

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

CARI GIORNALISTI, INVECE CHE CIANCIARE DI PRESUNTE LIBERTÀ VIOLATE, CRITICATE LA MELONI NEL MERITO – ALLA CONFERENZA STAMPA SULLA MANOVRA, LA PREMIER È STATA ACCUSATA DAI CRONISTI DI VOLERSI SOTTRARRE ALLE DOMANDE. MA, NUMERI ALLA MANO, LA DUCETTA HA RISPOSTO A PIÙ INTERROGATIVI DI QUANTO AVEVANO FATTO DRAGHI E CONTE PRESENTANDO LE DUE LEGGI DI BILANCIO PRECEDENTI. INSOMMA: NON ESISTE NESSUNA EMERGENZA DEMOCRATICA, SAREBBE MEGLIO CHE LA STAMPA “PROGRESSISTA” , INVECE DI FRIGNARE, FACESSE IL SUO LAVORO – VIDEO

 

business

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute