PRENDERE IL TORO ROSSO PER LE CORNA - LA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DI FORMULA 1 HA SCOPERTO CHE LA RED BULL AVREBBE SFORATO IL BUDGET CAP, FISSATO A 145 MILIONI DI EURO PER TEAM - LA VIOLAZIONE SI RIFERISCE ALLA STAGIONE PASSATA, DOVE VINSE IL SUO PILOTA, MAX VERSTAPPEN - MERCEDES E FERRARI SONO PRONTI A DARE BATTAGLIA, DOPO I RIPETUTI ALLARMI LANCIATI SUL TEMA BUDGET CAP…

-

Condividi questo articolo


Giorgio Terruzzi per www.corriere.it

red bull racing 6 red bull racing 6

 

La valanga monta, avvolge il paddock di Singapore. Circonda i locali occupati dalla Federazione Internazionale, le hospitality destinate ai team. Rischia di travolgere l’intera F1. Un danno di immagine enorme. Tutti ne parlano, in attesa dell’ufficialità: valanga innescata dalla stessa Fia, dopo aver scoperto che Red Bull avrebbe speso più del consentito nel 2021. Un clamoroso sforamento del budget cap (fissato in 145 milioni di euro per team) relativo allo scorso anno.

 

RED BULL RED BULL

Il significato e il peso di questa presunta infrazione sono rilevanti. Stiamo parlando infatti di un pilastro del regolamento che dovrebbe garantire una sorta di equità tra le squadre, limitando lo strapotere dei team più facoltosi. Non solo: l’infrazione si riferisce ad una stagione, quella passata, nella quale ogni sviluppo tecnico era quasi impraticabile, essendo le vetture sostanzialmente identiche a quelle del 2019. Abbastanza per ingigantire il sospetto che gli sforamenti in atto quest’anno, con macchine completamente riprogettate e continuamente evolute, possa risultare ben più marcato.

red bull racing 5 red bull racing 5

 

Del resto, che il budget cap sia un potenziale autogol pare evidente da un pezzo, visti i sistemi di dislocamento di tecnici e costi presso entità che operano all’esterno dei team, cosa che rende arduo ogni controllo. Il fatto è che la Fia sarebbe riuscita ad ultimare l’analisi degli investimenti operati da un unico team, Red Bull appunto, solo ora, 10 mesi dopo la conclusione del Mondiale 2021, il cui esito peraltro fu favorevole a Verstappen, al termine di un lungo testa a testa con Hamilton, culminato con il contestatissimo atto finale ad Abu Dhabi.

 

red bull racing 4 red bull racing 4

Scalpitano, ovviamente, in casa Mercedes. Toto Wolff vuole sapere il come e il quando, pronto a dare battaglia. Un atteggiamento simile a quello della Ferrari, dopo i ripetuti allarmi sul tema budget cap lanciati da Mattia Binotto nei mesi scorsi. Una comunicazione da parte della Federazione era attesa alla vigilia del Gp di Singapore, mentre la notizia dell’infrazione rilevata cominciava a circolare anche ai piani alti di Liberty Media.

 

Ora, questo ulteriore ritardo induce molti team principal ad ipotizzare che si stia cercando un compromesso per ridurre ai minimi termini l’entità della violazione, quindi della sanzione, in definitiva dello scandalo. Una impresa quasi impossibile se il reato verrà reso pubblico, proprio perché costituirebbe un precedente gravissimo e allarmante su quanto accaduto durante il 2022 e sull’efficienza dei controllori federali, lenti al punto da impiegare quasi un anno per ultimare un singolo accertamento.

 

red bull racing 3 red bull racing 3

Dunque, tensioni e imbarazzi alla viglia della corsa che potrebbe dare a Verstappen, pilota Red Bull, il secondo titolo iridato. Mentre circola l’ipotesi che due campionati, 2021 e 2022, risultino falsati. Secondo costume tipico si attendono comunicati frutto di compromessi e pietre di scambio riparatorie. Ma già così, in attesa che la valanga avanzi con soffocata intensità, si contano i detriti

red bull racing 1 red bull racing 1 red bull racing 2 red bull racing 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SAUDITA NELL’OCCHIO DI BIDEN – XI JINPING VOLA A RIAD E VIENE ACCOLTO CON TUTTI GLI ONORI DA BIN SALMAN: I RAPPORTI TRA L’ARABIA SAUDITA E WASHINGTON SONO AI MINIMI STORICI, E IL PRINCIPINO NE APPROFITTA PER FLIRTARE CON I CINESI. LA VISITA NON ERA SOLO UNA CORTESIA AL DITTATORE CINESE E UNO SGARBO AL PRESIDENTE AMERICANO: MBS HA FIRMATO PIÙ DI 20 ACCORDI CON PECHINO, CHE VALGONO QUASI 30 MILIARDI, E UN PARTENARIATO STRATEGICO PER LA VIA DELLA SETA (CHE PASSERÀ ANCHE DALL’ARABIA SAUDITA)

business

cronache

BADA A COME PARLI, POTRESTI ESSERE CONDANNATO A 21 ANNI DI GALERA – È QUELLO CHE È SUCCESSO A UN POVERO CRISTO IN PUGLIA, ANGELO MASSARO, CHE IN UNA CONVERSAZIONE CON LA MOGLIE, INTERCETTATA: HA PRONUNCIATO LA PAROLA IN DIALETTO “MUERSE” (OGGETTO INGOMBRANTE), CHE È STATA SCAMBIATA DAGLI INVESTIGATORI CON “MUERTE” (MORTO) – NELL’INDAGINE NON C’ERA NESSUNA ALTRO INDIZIO CHE PROVASSE LA COLPEVOLEZZA DI MASSARO, NON È MAI STATO RITROVATO NEANCHE IL CADEVERE DI CUI SI PENSAVA STESSE PARLANDO, MA L'UOMO È STATO COMUNQUE CONDANNATO...

sport

CR7, UNA PRIMA DONNA ALLO SBANDO – IL PORTOGALLO HA DIMOSTRATO DI POTER FARE A MENO DI CRISTIANO RONALDO (HA VINTO 6-1 CON LA SVIZZERA, LASCIANDOLO IN PANCHINA) E LUI SI INCAZZA MINACCIANDO DI LASCIARE LA NAZIONALE – INTANTO A DIFENDERLO CI SONO RIMASTE SOLO LA MOGLIE E LA SORELLA, MENTRE IL 70% DEI PORTOGHESI, STANDO AI SONDAGGI, LO HA SCARICATO – GEORGINA: “PECCATO NON AVER VISTO IL MIGLIOR CALCIATORE DEL MONDO”; ELMA AVEIRO: “NON DITE CAZZATE, FATE SCHIFO, SPUTATE NEL PIATTO DOVE AVETE MANGIATO”

cafonal

viaggi

salute