"DOMANI" SGANCIA LA BOMBA SUL PATTO DE LAURENTIIS-ULTRAS SU CUI STA INDAGANDO ANCHE L’ANTIMAFIA - I MAGISTRATI SCRIVONO CHE L’ULTRÀ ARRESTATO, GENNARO GROSSO DETTO MICIO, HA AVUTO UN RUOLO DI LEADER IN OCCASIONE DELL’“INCONTRO DI PACE” CON AURELIONE. IL CAPOTIFOSO, CHE COMPARE ANCHE NELLA FOTO CON DE LAURENTIIS, E’ LO STESSO CHE HA GUIDATO LE VIOLENZE CONTRO L’AJAX. COME MAI IL PRESIDENTE DEL NAPOLI, DOPO ESSERE STATO PROTAGONISTA PER ANNI DEL FRONTE DELL’INTRANSIGENZA, HA CEDUTO ALLE PRESSIONI DEGLI ULTRA’? 

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

de laurentiis ultra' napoli de laurentiis ultra' napoli

Il quotidiano Il Domani, quasi in perfetta solitudine, dedica una pagina al patto tra De Laurentiis e ultras del Napoli. Il titolo è: “Il patto De Laurentiis-“Micio”. Si indaga su Napoli e ultras”. Una pagina molto ben fatta, a cura di Giovanni Tizian e Nello Trocchia due cronisti molto bravi e noti per il loro impegno civile. Micio è il soprannome di Gennaro Grosso uno dei sei ultras del Napoli arrestati per le violenze ai danni dei tifosi dell’Ajax e che era nella ormai famosa foto con De Laurentiis al Britannique.

 

L’articolo è denso di notizie. La prima è che sui rapporti tra calcio e ultras sta indagando la Procura Antimafia. La seconda è che la Procura sta indagando «sul patto tra il Napoli e gli impresentabili delle curve».

 

 

NAPOLI AJAX VIOLENZE 3 NAPOLI AJAX VIOLENZE 3

In questo scenario si innestano anche le verifiche condotte col massimo riserbo dalla procura nazionale antimafia guidata da Giovanni Melillo, che coordina un gruppo ad hoc su tifo e clan assieme ai magistrati Antonello Ardituro e Cristina Palaia. Un’istruttoria che ha lo scopo di illuminare le zone d’ombra dei rapporti tra gruppi organizzati, contaminati spesso dalle mafie, e società calcistiche. Una pista investigativa che dal sud arriva fino al nord del paese.

 

 

Ma tornando alla foto. Il Domani si chiede: come mai De Laurentiis, dopo essere stato protagonista per anni del fronte dell’intransigenza, ha ceduto alle pressioni? 

 

de laurentiis ultra' napoli domani de laurentiis ultra' napoli domani

Della questione se ne occupa anche il quotidiano inglese The Guardian che, partendo dalle cronache nazionali, riferisce di una mediazione alla quale avrebbero preso parte, con la finalità di distendere gli animi, anche «politici di alto rango come il ministro dell’Interno italiano, Matteo Piantedosi». Hanno lavorato a una soluzione conciliativa non solo le alte sfere, ma soprattutto quelle locali, come il sindaco, Gaetano Manfredi, e la prefettura.

 

 

Il Domani racconta chi è Gennaro Grosso.

 

La pace raggiunta, però, la siglano personaggi del calibro di Gennaro Grosso, immortalato in uno scatto al Britannique insieme agli altri capi ultras accanto a De Laurentiis. Grosso “Micio” è uno dei capi del gruppo “Masseria”, sigla della Curva A dello stadio Maradona, arrestato nell’ultima inchiesta della procura di Napoli.

 

Il quotidiano racconta il suo ruolo nelle violenze ai danni dei tifosi dell’Ajax.

 

NAPOLI AJAX VIOLENZE NAPOLI AJAX VIOLENZE

Secondo la Digos «a quel punto, Grosso, inizia a dettare la linea operativa che è, chiaramente, quella di colpire sin da subito i tifosi dell’ Ajax ovunque vengano localizzati». Per investigatori e procura non c’è dubbio che sia Grosso il condottiero delle spedizioni. «Il tenore delle chat non lascia adito a dubbi sulla partecipazione diretta all’azione violenta di Grosso, che in posizione apicale organizza l’azione e subito dopo intima la ritirata».

 

 

Prosegue Il Domani:

 

aurelio de laurentiis aurelio de laurentiis

La leadership di Grosso è certificata non solo dagli scontri, ma dalla presenza alla riunione per siglare la pace con De Laurentiis: «Grosso assume un ruolo di rappresentante del gruppo “Masseria” sia in occasione del viaggio in Bulgaria del settembre 2022 sia in occasione dell’ “incontro di pace” con il Presidente De Laurentiis (al Britannique, ndr)», scrivono i magistrati nelle loro carte. Fonti investigative confermano che sono in corso verifiche coperte dal più assoluto segreto su questa sorta di patto con gli impresentabili della curva.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...

DAGOREPORT - ARIECCOLA, PIÙ SPREGIUDICATA E PREGIUDICATA CHE PRIA: FRANCESCA IMMACOLATA CHAOUQUI - UNA SETTIMANA FA IL “DOMANI” HA SQUADERNATO L’ENNESIMO CAPITOLO SULLA SCOMPARSA DI EMANUELA ORLANDI CHE VEDE AL VOLANO LA PAPESSA ALLA VACCINARA. PROVE? NISBA: SOLO BLA-BLA SU CHAT, SULLA CUI AUTENTICITÀ LA CHAOUQUI NON HA CONFERMATO NÉ SMENTITO - CHE COINCIDENZA: TALE POLVERONE È ARRIVATO ALLA VIGILIA DALL’USCITA DEL SUO LIBRO DEDICATO A MARIA GIOVANNA MAGLIE, PRESENTATO IN COMPAGNIA DI MATTEO SALVINI (UNA DELLE SUE TANTE VITTIME: NEL 2022 FU LEI A ORGANIZZARE IL FAMIGERATO VIAGGIO IN POLONIA IN CUI IL LEADER DELLA LEGA FINÌ SBERTUCCIATO PER AVER INDOSSATO LA T-SHIRT DI PUTIN) - RITRATTO AL CIANURO: “INFORMAZIONI FALSE, MINACCE E RANCORE HANNO MOSSO I SUOI PASSI''