ROMA CAPUT RIFIUTI - SONO BASTATI I PONTI DEL 25 APRILE E DEL 1° MAGGIO PER FARE DELLA CAPITALE UNA GRANDE MONNEZZOPOLI - IN MOLTI QUARTIERI (ANCHE DEL CENTRO) SPORCIZIA IN STRADA E CASSONETTI STRACOLMI DI SPAZZATURA, LE OPPOSIZIONI ALL’ATTACCO DELLA RAGGI - E IL TRITOVAGLIATORE DI ROCCA CENCIA CONTINUA A RIMANERE FERMO… -

Condividi questo articolo

ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI

Flavia Amabile per la Stampa

 

Roma caput rifiuti. Oppure: a Roma un sacchetto è per sempre. L' ironia è facile nella capitale dove l' onda del «Movimento 5 Stelle» è arrivata ma a intervalli regolari i cassonetti offrono sempre gli stessi spettacoli e odori. L' ultima emergenza è scattata il primo maggio e ha portato i rifiuti ad accumularsi in molte zone. Ancora ieri, dopo tre giorni di lavoro degli operatori per risolvere il problema, ancora si vedevano cassonetti pieni dalla via Cassia a via di Pietralata, da Prati a piazza Bologna.

 

«È così da due giorni, speriamo che arrivi qualcuno», raccontano i clienti del caffè Federici di via Durantini. Da due giorni c' è un materasso in strada. Da due giorni c' è uno scaldabagno in una traversa di piazza Bologna. Da due giorni c' è un materasso anche in una via del quartiere Prati. Zone non centrali ma nemmeno periferiche.

 

La nuova crisi è stata determinata da diversi fattori: gli impianti di trattamento di Latina e Frosinone dove vengono smaltiti i rifiuti romani stanno accettando meno materiale, il tritovagliatore di Rocca Cencia continua a rimanere fermo per evitare proteste da parte dei residenti e gli inceneritori sono a mezzo servizio.

ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI

 

Nulla di così nuovo, in realtà, ed è questo il dramma più grande. I problemi sono sempre gli stessi, giunta dopo giunta, e la soluzione non sembra dietro l' angolo. Il Movimento 5 Stelle è al secondo assessore alla Sostenibilità Ambientale. L' ultima arrivata, Pinuccia Montanari,ha ferma intenzione di portare la differenziata al 70 per cento per non far dipendere Roma dagli inceneritori ma è a Roma da poco più di quattro mesi, i nodi da sciogliere sono ancora molti.

 

La situazione appare ancora più grave se la si osserva attraverso i social dove siti e profili sono pieni di foto di rifiuti. Per l' opposizione è la conferma dell' ennesimo fallimento della giunta Raggi. «La gestione dei rifiuti a Cinquestelle è un totale fallimento - scrive su Facebook Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera - Una maleodorante Caporetto che mette a nudo la desolante inadeguatezza della Raggi». «Roma - continua - affoga sotto i rifiuti. Le immagini, scattate in questi giorni nei vari quartieri della Capitale, parlano chiaro. I cassonetti rigurgitano materiali di ogni genere e li riversano in strada.

ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI

 

Oltre a rappresentare uno spettacolo indegno per una città come Roma e a costituire serio rischio sanitario, l' esondazione di spazzatura favorisce la moltiplicazione dei topi (ne vengono calcolati 9 milioni) e attira i cinghiali, che provocano incidenti mortali». Critiche anche da Michela De Biase, capogruppo Pd in Campidoglio: «Roma sta scivolando giorno dopo giorno nell' emergenza rifiuti. I cittadini romani contestano da settimane la "monnezzopoli" quotidiana. Non c' è quartiere senza cumuli di rifiuti adagiati in terra o nei pressi dei cassonetti ormai strabordanti e maleodoranti. Le cartoline che offre la capitale nel centro storico non sono migliori di quelle delle periferie. Una costante di degrado e sporcizia è l' elemento unificante di tutta la città».

 

«Dopo dieci mesi di governo M5S in Campidoglio - conclude - il "To Rome with Love" di Woody Allen è un lontano ricordo e le uniche "Vacanze romane" sono quelle dell' amministrazione a 5 stelle del tutto assente e impreparata ad affrontare le sempre più numerose e pressanti emergenze quotidiane».

 

RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA RIFIUTI ROMA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute