MAREMMA IMPESTATA D’ARTE! - DALLA TORRE DI TALAMONACCIO AL VIA, CON L’INSTALLAZIONE “INNO AL SOLE” DI MANDALAKI, LA TERZA EDIZIONE DI “HYPERMAREMMA” – DA GIORGIO RUTELLI AL NUMERO 1 DI MERCEDES-ITALIA RADEK JELINEK FINO ALLA DESIGNER E DJ VALENTINA NERVI A CARLO PURI NEGRI E GIULIA CLAVARINO: ECCO CHI C’ERA AL VERNISSAGE...

-

Condividi questo articolo


Foto di Camilla Alibrandi per Dagospia

Federica Manzitti per il Corriere della Sera – Roma

hypermaremma inno al sole hypermaremma inno al sole

 

La Maremma suggerisce nuovi orizzonti. Ha preso il via la terza edizione di «HyperMaremma» la manifestazione che veste alcuni luoghi iconici della regione compresa tra nord Lazio e sud Toscana con interventi artistici e musicali.

 

Nata da un' idea di Carlo Pratis, Giorgio Galotti, Massimo Mininni e Matteo d' Aloja a cui si è aggiunto Lorenzo Bassetti, quest' anno «HyperMaremma» è partita dalla Torre di Talamonaccio, aperta e visitabile in via straordinaria fino a mercoledì (ore 19-22). Hymn to the sun è il titolo che lo studio Mandalaki ha dato all' installazione che trasfigura attraverso la luce, i colori, alcuni dispositivi ottici ed elementi metallici, la torre quattrocentesca a picco sul mare ora abitazione privata.

 

Visibile al pubblico fino al 27 giugno (dalle ore 19 a mezzanotte) il progetto è ispirato ai fenomeni naturali del tramonto e della rifrazione della luce del sole, reinterpretandoli attraverso «Halo Project», un dispositivo brevettato che fa della proiezione luminosa un segno grafico rimandando ai processi cognitivi umani.

 

lorenzo bassetti, francesco giansi lorenzo bassetti, francesco giansi

L' edizione 2021 di «HyperMaremma» procederà con altre opere site specific in diversi siti del territorio, da Vulci ai vigneti di Scansano, dalla laguna di Orbetello con il suo antico mulino spagnolo, all' oasi Wwf di Burano, fino alla ex stazione di servizio sull' Aurelia tra Ansedonia e Capalbio, ora sede della ditta Fratelli Corso, che fungerà da punto informativo di tutta la manifestazione.

valentina nervi designer e dj nipote di pier luigi nervi valentina nervi designer e dj nipote di pier luigi nervi

 

Tanti e diversi gli artisti coinvolti: Emiliano Maggi, Mario Airò, Massimo Uberti. E tra le artiste Moira Ricci che presenterà Trebbia/Astronave (dal 15 luglio) una scultura per la cui realizzazione ha coinvolto una trentina di agricoltori delle terre tra Fonteblanda, San Donato e Collecchio raccontando quanto definitivo sia il processo di allontanamento dell' uomo dalla terra, Gaia De Megni con la performance L' Eroe , immersa nella natura maremmana, mentre è di Michela de Mattei Sinfonia per orci dove terrecotte forgiate per lo spazio delle Terme di Vulci suonano per gli spettatori come musicisti di monti sommersi.

camilla alibrandi 9 camilla alibrandi 9

Fino al 30 settembre. Info: www.hypermaremma.com.

Giulia Clavarino, Carlo Alessandro Puri Negri hypermaremma Giulia Clavarino, Carlo Alessandro Puri Negri hypermaremma hypermaremma inno al sole 8 hypermaremma inno al sole 8 giorgio rutelli, matteo d'aloia giorgio rutelli, matteo d'aloia beatrice bulla beatrice bulla carlo alessandro puri negri 5 carlo alessandro puri negri 5 giorgio galotti, enrico de lotto, davide giovannardi, george kolliopoulos mandalaki giorgio galotti, enrico de lotto, davide giovannardi, george kolliopoulos mandalaki hypermaremma inno al sole 2 hypermaremma inno al sole 2 hypermaremma inno al sole 1 hypermaremma inno al sole 1 hypermaremma inno al sole 6 hypermaremma inno al sole 6

 

hypermaremma inno al sole 5 hypermaremma inno al sole 5

 

vittorio marenghi, marica schiroli vittorio marenghi, marica schiroli marco merciai propietario della torre di talamonaccio, camilla alibrandi marco merciai propietario della torre di talamonaccio, camilla alibrandi mandalaki 2 mandalaki 2 Matteo Marenghi Vaselli, Daniela Cosmelli, Margherita Puri Negri hypermaremma Matteo Marenghi Vaselli, Daniela Cosmelli, Margherita Puri Negri hypermaremma

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"