ORA CHE STA FINENDO LA PANDEMIA ANDATE A FARVI CONTROLLARE - IN ITALIA SI MUORE MENO DI TUMORE RISPETTO ALLA MEDIA UE (NEL 2021 -13% TRA GLI UOMINI E -10% NELLE DONNE) MA IL PROBLEMA È CHE LE OPERAZIONI VENGONO FATTE IN RITARDO E CON LA MALATTIA IN STATO AVANZATO, PERCHÉ PER COLPA DEL COVID SONO SALTATE LE VISITE PER UN ANNO - PER I CONTAGIATI DAL VIRUS, IL RISCHIO DI MORTE IN CASO DI CANCRO QUASI RADDOPPIA...

-

Condividi questo articolo


Da www.ansa.it

 

tumori 6 tumori 6

Nel 2021, in Italia si muore di cancro meno rispetto alla media Ue: -13% negli uomini e -10% nelle donne, e migliora la sopravvivenza. Sono stimate infatti 181.330 morti per neoplasie (100.200 uomini e 81.100 donne), 1870 in meno sul 2020.

 

Il rischio di morte è tuttavia raddoppiato per i malati oncologici con infezione Covid (è maggiore di 1,6 volte rispetto ai pazienti oncologici negativi) e la pandemia pesa anche sull'assistenza perché si osservano neoplasie in fase sempre più avanzata ed il numero delle operazioni chirurgiche nel 2020 è in calo rispetto al 2019.

 

tumori 5 tumori 5

Il quadro è tracciato nel volume 'I numeri del cancro in Italia 2021', presentato oggi all'Istituto Superiore di Sanità e frutto della collaborazione tra Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), Registri Tumori Italiani, Siapec-Iap, Fondazione Aiom, Passi, Passi d'Argento e Ons. Emerge dunque un dato in miglioramento ma si sottolinea al contempo come nella fase post Covid, si registrino più neoplasie al seno e colon operate in stadio già avanzato.

 

tumori 4 tumori 4

L'alto livello dell'assistenza oncologica in Italia è evidenziato dalle percentuali di sopravvivenza a 5 anni, che migliorano per tutte le neoplasie attestandosi al 59% negli uomini ed al 65% nelle donne (rispetto al 54% e 63% della rilevazione precedente aggiornata al 2015).

 

In sette sedi negli uomini ed in otto nelle donne le sopravvivenze si attestano su valori molto elevati, fino al 96,2% dei carcinomi tiroidei nelle donne e al 93,2% nel testicolo.

 

tumori 3 tumori 3

Il rischio di morte è però raddoppiato per i malati oncologici con infezione da SarsCoV2. A causa dei ritardi nelle diagnosi e negli interventi chirurgici dovuti alla pandemia, si osservano inoltre neoplasie in fase sempre più avanzata, come emerge da un'indagine che ha coinvolto 19 anatomie patologiche.

 

Nel 2020 sono stati eseguiti 5758 interventi chirurgici alla mammella e 2952 al colon-retto. Il numero delle operazioni è in calo rispetto al 2019 (-805).

 

tumori 1 tumori 1

E le dimensioni della malattia al momento dell'intervento spesso sono maggiori di quelle rilevate nel periodo pre-Covid. Il calo dei tumori operati è stato del 32% per il colon-retto e dell'11% per la mammella

 

 La sopravvivenza nel nostro Paese, afferma Giordano Beretta, Presidente Aiom, "è allineata ai livelli più alti osservati in Europa. In Italia, aumentano sempre più le persone vive dopo la diagnosi, nel 2020 erano circa 3,6 milioni, con un incremento del 36% rispetto al 2010.

 

In sei sedi tumorali le sopravvivenze sono, però, ancora inferiori al 30%, con il cancro del pancreas fanalino di coda all'11% in entrambi i sessi. Inoltre, negli uomini la generale diminuzione della mortalità rispecchia la riduzione dei decessi per tumori dovuti al fumo. Ma vanno incrementate le campagne contro l'epidemia delle neoplasie tabacco-correlate nelle donne".

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute