UNA SPERANZA PER LA VITA – BUONE NOTIZIE PER LE COPPIE CHE VOGLIONO RICORRERE ALLA PROCREAZIONE ASSISTITA, MA CHE ERANO STATE BLOCCATE DAL LOCKDOWN: DAL 12 MAGGIO RIPARTONO I TRATTAMENTI CHE SARANNO REGOLAMENTATI DA UN PROTOCOLLO PER LA SICUREZZA DI MEDICI E FUTURI GENITORI - IL PRIMO TRIAGE VIENE EFFETTUATO IN TELECONSULTO PER RIDURRE IL NUMERO DI ACCESSI AI CENTRI: SE UNO DEI DUE PARTNER MANIFESTA SINTOMI COVID…

-

Condividi questo articolo

Laura Salonia per "www.iodonna.it"

 

procreazione assistita 4 procreazione assistita 4

Buone notizie per le coppie con problemi di fertilità che desiderano un figlio e che hanno deciso di ricorrere alla Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), ma che con il lockdown hanno dovuto interrompere le cure. La Fase 2, però, ha portato qualcosa di buono per loro.

 

Il 12 maggio 2020 è arrivato il via libera del Centro Nazionale Trapianti e del Registro PMA dell’Istituto Superiore di Sanità per i trattamenti di fecondazione assistita, rientrati nel novero delle cure non urgenti e che quindi erano stati sospesi durante il lockdown. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

procreazione assistita 6 procreazione assistita 6

 

Fecondazione assistita e coronavirus

Durante la Fase 1, per contenere la trasmissione del Covid 19 un documento congiunto del Centro nazionale trapianti e del Registro nazionale della procreazione medicalmente assistita (pma) dell’Istituto superiore di sanità ha raccomandato ai centri di procreazione medicalmente assistita di sospendere tutti i trattamenti non urgenti delle coppie che non abbiano già iniziato il protocollo di stimolazione farmacologica. La stessa raccomandazione vale per tutti i casi considerati non urgenti, per via dell’età o di particolari condizioni cliniche.

procreazione assistita 11 procreazione assistita 11

 

Il via libera dal 12 maggio

Da oggi 12 maggio 2020 possono ufficialmente ripartire le cure di Procreazione Medicalmente Assistita che ogni mese riguardano circa 7-8 mila coppie, il che significa circa 1.500 nascite ogni mese. Il via libera è arrivato dal Centro Nazionale Trapianti e del Registro PMA dell’Istituto Superiore di Sanità. «Ma se da un lato è necessario ripartire prontamente per non infrangere i sogni delle tante coppie che avrebbero dovuto iniziare o proseguire i trattamenti, dall’altro è fondamentale farlo in piena sicurezza», commenta la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO).

procreazione assistita 1 procreazione assistita 1

 

Ripartono le speranze di avere un figlio

«La nostra priorità era dare una risposta a tutte quelle coppie che avevano intrapreso un percorso di fecondazione assistita o che erano in procinto di farlo», spiega Nicola Colacurci, Coordinatore del GISS della SIGO. «Donne e uomini che negli ultimi due mesi si sono sentiti abbandonati e hanno vissuto con grande sofferenza l’ansia del tempo che scorre (oltre il 30% delle partner femminili che accede alla PMA ha più di 40 anni) e il timore di perdere definitivamente le proprie chance riproduttive», conclude l’esperto.

 

procreazione assistita 10 procreazione assistita 10

Il protocollo per ripartire in sicurezza nella Fase 2

Per una ripartenza che soddisfi i requisiti di sicurezza per le coppie che inizieranno o proseguiranno i trattamenti di fecondazione assistita, ma anche per medici, infermieri e operatori sanitari, la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) in collaborazione con il suo gruppo di interesse speciale (GISS) in Medicina della Riproduzione, ha creato un Protocollo al quale il Centro Nazionale Trapianti e l’Istituto Superiore di Sanità raccomandano di attenersi per riorganizzare le procedure di PMA durante la Fase 2.

procreazione assistita 7 procreazione assistita 7

 

Che cosa dice il Protocollo

Il protocollo messo a punto dalla SIGO contiene le indicazioni per la riorganizzazione in sicurezza degli spazi e delle attività, a partire dall’accoglienza dei pazienti alla visita e all’esecuzione della procedura.

 

·       Per quanto riguarda le indicazioni per il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, prevede tre triage successivi che costituiscono dei check-point di verifica dello stato di salute delle coppie e degli operatori sanitari durante il percorso della PMA.

 

procreazione assistita 9 procreazione assistita 9

·       Il primo triage viene effettuato in teleconsulto per ridurre il numero di accessi ai Centri: nel caso in cui uno dei due partner abbia sintomi lievi o aspecifici, è prevista l’effettuazione dei test sierologici per il dosaggio degli anticorpi IgG e IgM.

·       Se invece uno dei due partner  manifesta sintomi Covid, il protocollo dispone che il prelievo ovocitario o il transfer di embrioni congelati vengano rimandati.

procreazione assistita 2 procreazione assistita 2

 

Un’attenzione in più per le coppie

«C’è un aspetto di estrema rilevanza in chiave strategica di contenimento del virus durante la Fase 2: le coppie in cerca di prole sono tutte in età lavorativa e quindi potenzialmente più esposte al rischio di contagio. Pertanto, utilizzando l’andamento epidemiologico in tempo reale (tre triage successivi) delle coppie che si sottopongono a PMA, le Istituzioni sanitarie regionali potrebbero disporre di un campione selettivo dell’andamento epidemiologico dell’intera popolazione regionale»,  spiega Colacurci.

 

procreazione assistita 8 procreazione assistita 8

La situazione in Italia: i dati

«Nel 2017, anno a cui si riferisce l’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità, le coppie che hanno ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita sono state 78.366. Le gravidanze ottenute invece sono più di 18 mila» spiega la ginecologa Claudia Livi. «Ben il 3% dei bambini nati nello stesso anno (458.151) è stato concepito con un ciclo di procreazione medicalmente assistita».

procreazione assistita 5 procreazione assistita 5 procreazione assistita 3 procreazione assistita 3

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”