BELLA LA FLAT TAX, CI VIVREI – SONO SEMPRE DI PIÙ I RICCHI STRANIERI CHE SI TRASFERISCONO IN ITALIA PER SFRUTTARE I VANTAGGI DELLA TASSA FORFETTARIA DA 100MILA EURO INTRODOTTA NEL 2017: SONO STATI QUASI MILLE NEL 2021, IL DOPPIO RISPETTO AGLI ANNI PRECEDENTI – IN TUTTO HANNO VERSATO ALL'ERARIO 108 MILIONI DI IMPOSTE, SENZA CONSIDERARE L'INDOTTO CREATO – RESTA IL NODO DELL'EQUITA’: A PARITÀ DI GUADAGNI, CHI È GIÀ RESIDENTE IN ITALIA, PAGA MOLTO DI PIÙ…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Jacopo Orsini per “il Messaggero”

 

FLAT TAX PER I RICCHI STRANIERI FLAT TAX PER I RICCHI STRANIERI

Sono sempre di più i ricchi stranieri che decidono di trasferirsi in Italia per sfruttare i vantaggi della tassa forfettaria da 100mila euro introdotta nel 2017. I nomi ovviamente restano coperti ma il regime agevolato per i nuovi residenti ha attirato nel 2021 quasi mille facoltosi contribuenti a cui si aggiungono oltre 300 familiari. Rispetto all'anno precedente i nuovi stranieri che pagano le tasse in Italia con questo regime speciale sui redditi prodotti all'estero sono raddoppiati e triplicati rispetto al 2019.

 

In tutto, sempre nel 2021, hanno versato all'erario 108 milioni di imposte. Ma l'incasso complessivo per lo Stato è più alto, visto che la cifra non tiene conto delle altre tasse versate e dell'indotto creato dai ricchi che vengono a vivere nel Belpaese (possono anche essere cittadini italiani che hanno vissuto all'estero per almeno 9 dei 10 anni precedenti).

 

[…]

 

dati sulla flat tax italiana dati sulla flat tax italiana

L'idea è che se persone con vaste disponibilità finanziarie decidono di fissare la residenza in una città della Penisola compreranno poi immobili, altre attività e spenderanno parecchi soldi, contribuendo a spingere l'economia.

 

Certo non è equa: a parità di guadagni un cittadino che è sempre stato residente in Italia pagherà di più o molto di più se il reddito è molto alto. Ma una tassa bassa è probabilmente l'unico modo per attrarre questo tipo di contribuenti e provare a fare concorrenza a piazze come Londra, che da anni attira ricconi da tutto il mondo (anche se ovviamente non solo per le agevolazioni fiscali). Va anche ricordato che nel nostro paese i contribuenti che ogni anno versano imposte superiori alla tassa forfettaria prevista per questo regime sono poche decine di migliaia.

 

soldi e tasse soldi e tasse

Il regime agevolato nel dettaglio prevede il versamento di un'imposta forfettaria di 100mila euro all'anno. Una cifra sostitutiva dell'Irpef sui redditi prodotti all'estero senza vincoli sull'attività lavorativa svolta.

 

In sostanza chi sceglie questo sistema paga quell'importo e poi è a posto con il fisco italiano. Non dovrà più versare un centesimo, indipendentemente da quanto ha guadagnato. Va considerato che questa tassazione comincia a essere veramente conveniente solo con redditi superiori a 300 mila euro.

 

[…] Restano invece tassati, come per tutti gli altri cittadini residenti nella Penisola, i guadagni realizzati in Italia, su cui continuerà ad applicarsi la tassazione ordinaria e quindi l'aliquota marginale più alta del 43%.

 

[…]

FLAT TAX PER I RICCHI STRANIERI FLAT TAX PER I RICCHI STRANIERI

 

Venendo ai numeri, dal 2017 il regime ha suscitato un interesse crescente all'estero. Da un centinaio di ricchi di quell'anno si è saliti a 263 nel 2018 e a 429 nel 2019, con una lieve flessione nella crescita nel 2020, anno della pandemia, in cui i beneficiari si sono fermati a 549.

 

Nel 2021 si è poi assistito a una forte impennata con 1339 persone, tra contribuenti principali e familiari. Ma chi sceglie di venire in Italia per pagare meno tasse? In base alle rilevazioni fatte poco dopo l'introduzione della norma a dominare erano i cosiddetti rentier, poi invece è aumentata la quota di individui ancora attivi dal punto di vista lavorativo. Ci sono quindi soprattutto banchieri, calciatori, modelle, piloti, attori e influencer.

 

flat tax flat tax

Infine per quanto riguarda i paesi di provenienza all'inizio erano principalmente paesi europei, con in testa la Gran Bretagna. Poi sono diventati più frequenti gli arrivi da sud e nord America e, prima che Mosca decidesse di invadere l'Ucraina, dalla Russia.

tasse ai ricchi tasse ai ricchi LA FLAT TAX - VIGNETTA DI GIANNELLI LA FLAT TAX - VIGNETTA DI GIANNELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…