LA BIDENOMICS SI ISPIRA PIÙ A TRUMP CHE A CLINTON O OBAMA – “SLEEPY JOE” STA SMONTANDO LE POLITICHE ECONOMICHE DEI SUOI PREDECESSORI DEMOCRATICI, BASATE SU GLOBALIZZAZIONE E RIPUDIO DEL DIRIGISMO STATALE, A SUON DI SUSSIDI STATALI, LEGGI CHE PROTEGGONO L’INDUSTRIA DEGLI STATES E LIMITI AL LIBERO SCAMBIO – E INFATTI LARRY SYMMERS, GRAN SACERDOTE DEL GLOBALISMO DEM, LO ATTACCA: “SONO CONTRARIO A QUESTO NAZIONALISMO ECONOMICO CENTRATO SULL’INDUSTRIA…”

-

Condividi questo articolo


joe biden 5 joe biden 5

Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per il “Corriere della Sera”

 

«Sono contrario a questo nazionalismo economico centrato sull’industria». Gran sacerdote, nella Casa Bianca di Bill Clinton e in quella di Barack Obama, della globalizzazione in versione democratica, Larry Summers attacca Joe Biden: lo accusa di aver gettato alle ortiche quel libero scambio che per decenni è stato la cifra dell’America tanto di destra quanto di sinistra, preferendo una chiusura nazionalista costosa (sussidi pubblici e aumento dell’inflazione) e poco efficiente.

 

larry summers larry summers

L’irruento Summers è noto per i suoi giudizi tranchant, ma la sua sortita fa emergere il disagio di una parte della vecchia guardia democratica: Biden, che fu vice di Obama, sta demolendo la legacy economica dei suoi predecessori basata su globalizzazione, ripudio del dirigismo e una fede nella «saggezza» dei mercati figlia della rivoluzione reaganiana degli anni Ottanta, corretta con meccanismi di protezione sociale.

 

joe biden 4 joe biden 4

Guardando alle presidenziali 2024 parliamo soprattutto del malessere americano per il ritorno di due candidati giudicati inadeguati: uno per l’età troppo avanzata, l’altro perché ha inferto duri colpi alla democrazia Usa e ora deve affrontare processi a raffica. Tutto vero, ma si parla poco di quanto questi due uomini hanno cambiato la traiettoria economica degli Stati Uniti (e, di conseguenza, del resto del mondo).

JOE BIDEN JOE BIDEN

 

E se da tempo è evidente che Trump isolazionista, statalista (pronto all’uso e all’abuso dei poteri presidenziali in ogni area), che diffonde paura e la trasforma in voti, ha sepolto la Reagan revolution basata sullo «Stato minimo» e quello che lui stesso definiva «un appello alle migliori speranze, non alle paure dell’America», ora colpisce come Biden sta sconfessando Clinton e Obama. Elogi ai sindacati e condivisione delle frenate di Trump sulla globalizzazione sembravano solo tentativi di recuperare consensi tra i lavoratori.

 

larry summers larry summers

Ma con le leggi chiave della sua presidenza (sussidi per l’energia verde, l’hi-tech digitale e il piano opere pubbliche) Biden ha inaugurato una politica industriale (di dubbia efficacia per salari e lavoro in tempi di fabbriche automatiche) che farà confluire migliaia di miliardi sulle imprese nazionali mentre le barriere con la Cina e i limiti al libero scambio segnano un cambio di stagione: da quella del cittadino-consumatore di Clinton e Obama, a quella che mette al centro il cittadino-lavoratore.

joe biden 1 joe biden 1 joe biden 3 joe biden 3 joe biden 2 joe biden 2 joe biden mangia un panino joe biden mangia un panino larry summers larry summers

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…