BORSA! – MILANO CHIUDE IN POSITIVO L’ULTIMA SEDUTA DEL 2018, IL FTSE MIB IN RIALZO DELL’1,4% DOPO TRE SEDUTE NEGATIVE – LO SPREAD IN ATTESA DELL’APPROVAZIONE DELLA MANOVRA ORBITA INTORNO A QUOTA 250 – BENE I TITOLI BANCARI: UNIPOL (+4,2%) GENERALI E UNICREDIT CHIUDONO A +3,1%. RIMBALZO DI CARIGE DOPO IL TRACOLLO DI IERI

-

Condividi questo articolo

Maurizio Carta per “Alliance News”

 

PIAZZA AFFARI PIAZZA AFFARI

Piazza Affari chiude in positivo l'ultima seduta del 2018, con il Ftse Mib che, dopo tre chiusure negative di seguito, riesce a tornare in positivo con i titoli bancari a darne la spinta maggiore. Lo spread orbita intorno a quota 250, il governo punta a chiudere entro domani sulla legge di bilancio dopo la sospensione della seduta per via delle crescenti tensioni nell'Aula di Montecitorio. Il Ftse Italia All Share Banks termina infatti significativamente in crescita con un verde del 2,4%.

 

Il FTSE Mib è in rialzo dell'1,4% a 18.324,03 dopo aver terminato la seduta precedente in perdita dell'1,8%. Il Mid-Cap è in verde dello 1,8% a 34.170,17 punti dopo aver chiuso la seduta precedente in calo dell'1,1%, lo Small-Cap guadagna il 2,1% a 17.573,89 dopo aver ceduto giovedì lo 0,8% e l'AIM è in rialzo dell'1,3% a 8.331,66 punti dopo aver chiuso in flessione dello 0,3% la seduta di giovedì.

GRATTACIELO UNIPOL A MILANO GRATTACIELO UNIPOL A MILANO

 

In evidenza i titoli bancari con Unipol che rastrella il 4,2% nell'ultima seduta del 2018, così come Banco Bpm chiede la seduta con un 4,2% e Banca Generali e Unicredit ambedue con con il 3,1%. Rally anche per Saipem, che chiude con un positivo del 4,3%.

 

Primo fra i ribassisti Salvatore Ferragamo, che va sotto dell'1,5% nell'ultima seduta del 2018, invertendo il trend di ieri sera quando ha chiuso con un positivo dell'1,6%. Recordati, ribassista anch'esso, perde terreno con il 2,3%.

 

Fra le Mid Cap, sale OVS con il 7,7%, in compagnia di Bruno Cucinelli che si flette avanti del 7,3% mostrando un buon trend già dai primi scambi. In senso opposto, sullo stesso indice, Erg lascia sul parterre lo 0,8% in compagnia di Ima che chiude con un segno meno dell'1,1% risulyando la peggiore dell'indice.

 

GENERALI GENERALI

Fra le Small Cap, rimbalza Banca Carige che chiude la seduta con un verde di oltre il 20%. Nell'incontro tenutosi ieri a Francoforte, i rappresentanti della Bce, con Ramon Quintana - direttore generale della divisione della Bce incaricata della vigilanza di Carige - hanno fatto presente che l'unica strada da perseguire è quella dell'aumento di capitale, accompagnato dalla ricerca di un partner per la banca.

 

Su anche Piteco, che si apprezza dell'11%, continuando il trend positivo con cui, anche ieri, ha terminato i negoziati. In fondo all'indice Bioera che termina la corsa con un rosso del 5,6% e Chl, con un negativo dell' 11,6%. Infine, nel segmento delle PMI, fra il gruppo dei rialzisti Alfio Bardolla, con un verde del 7,2% e in ottimo trend rialzista dal suono della campanella in avvio seduta. Su anche Renergetica con oltre il 12%. Ribassisti Softec, con il 6,6% ed Enertronica con il 4,4%.

 

CARIGE CARIGE

Passando alle altre principali piazze europee, al suono finale della campanella il CAC 40 di Parigi sale dell'1,6%, il DAX 30 tedesco guadagna l'1,7% mentre a Londra il FTSE 100 è su del 2,3%. Negli USA, a Wall Street il Dow Jones Industrial Average è al momento giù dello 0,4%, l'S&P 500 in ribasso dello 0,2% e il Nasdaq Composite è in aumento dello 0,1%.

 

PIAZZA AFFARI BORSA MILANO PIAZZA AFFARI BORSA MILANO

Secondo il report, le scorte di greggio negli Stati Uniti sono aumentate di 6,9 milioni di barili nella settimana conclusasi il 21 dicembre, a causa della maggiore produzione. Al termine della seduta il Brent è quotato a USD52,05 al barile rispetto da USD53,07 di giovedì in chiusura.

 

L'oro ha un valore di USD1.276,49 l'oncia contro USD1.271,52 della seduta precedente. Con recenti forti ondate che hanno alzato i prezzi dell'oro ai massimi di sei mesi, sembra che gli operatori stiano percorrendo un sentiero cauto e siano in attesa di nuovi segnali per compiere mosse significative.

 

BANCA CESARE PONTI CARIGE BANCA CESARE PONTI CARIGE

Nel mercato delle valute, l'euro vale USD1,1441 rispetto a USD1,1414 registrato alla chiusura della seduta di giovedì, mentre la sterlina ha un valore di USD1,2692 registrato alla chiusura precedente.

 

Nel calendario economico di mercoledì 2 gennaio - giorno di riapertura borsistica - in arrivo alle 0945CET l'indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero italiano. Alle 0955CET il PMI manifatturiero della Francia e l'indice dei direttori degli acquisti manifatturieri della Germania.

 

A seguire, alle ore 1000CET, l'indice PMI manifatturiero dall'Eurozona. Alle ore 1030CET, l'indice dei direttori degli acquisti dal Regno Unito.

 

Nel pomeriggio, dagli States, alle 1455CET il Redbook mentre, alle alle 1545CET, sarà pubblicato l'indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero.

 

Condividi questo articolo

business

FLASH! I GRANDI SOCI RCS NON POTEVANO CHE SMENTIRE LA LETTERA SVELATA DA ''LETTERA43'': SAREBBE STATA UNA SFIDUCIA TROPPO PESANTE VERSO L'AD CAIRO. MA LORO UNA SORTA DI MANLEVA LA VORREBBERO: A GENNAIO DOVREBBE ARRIVARE IL LODO DEL CASO CONTRO BLACKSTONE (IL CAPO SCHWARTZMAN SEGUE PERSONALMENTE IL PROCEDIMENTO). IN CASO DI VITTORIA DEL FONDO, SAREBBERO DOLORI PER RCS, E POI PURE PER CAIRO, CHE IL FONDO HA DENUNCIATO NEGLI USA PER ESTORSIONE (PROCESSO SOSPESO IN ATTESA DELL'ARBITRATO MILANESE)