CAFONALINO POTENTONE - IL DUO CECCHERINI-TIM COOK RIUNISCE A FIRENZE I VERTICI DEI GIORNALI ITALIANI, I MANAGER DI ENI, TIM, UBI, INTESA, RAI, CDP, ROTHSCHILD, TUTTI ATTOVAGLIATI A SENTIRE IL CAPO DI APPLE CHE AVEVA APPENA INCONTRATO CENTINAIA DI STUDENTI DEL PROGETTO ''IL QUOTIDIANO IN CLASSE'': ''SE PASSATE PIÙ TEMPO A GUARDARE I VOSTRI SMARTPHONE CHE GLI OCCHI DELLA GENTE, SBAGLIATE. FACCIAMO PRODOTTI PER AIUTARVI E NON PER SPRECARE TEMPO''

-

Condividi questo articolo

andrea ceccherini, tim cook e luciano fontana andrea ceccherini, tim cook e luciano fontana

Alessio Ribaudo per il “Corriere della sera

 

«Cercate di essere sempre la migliore versione di voi stessi e non cercate di diventare qualcun altro». Il consiglio sulla strategia per tagliare tutti i traguardi della vita arriva non da un direttore del personale qualsiasi ma da Tim Cook. Il Ceo di Apple, ieri a Firenze davanti a 700 studenti delle Superiori di tutta Italia, è stato ospite dell' Osservatorio permanente giovani-editori (Opge) - guidato da Andrea Ceccherini - e ha tenuto a battesimo la ventesima edizione del progetto educativo «Il quotidiano in classe».

 

Maglione, pantaloni e sneaker, Cook è entrato subito in sintonia con il giovane pubblico, parlando in modo diretto e semplice anche quando - incalzato dalle domande di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera e degli studenti - ha affrontato temi delicati come l' istruzione o l' informazione.

tim cook e andrea ceccherini tim cook e andrea ceccherini

 

«Internet ha portato tanti effetti positivi ma ha amplificato problemi come le fake news - continua Cook - che prima erano solo dei passaparola locali e ora non hanno confini. Per distinguere il falso dal vero è fondamentale che sviluppiate un pensiero critico». Da qui la scelta di scendere in campo contro le bufale. «Vogliamo aiutare soprattutto giovani e studenti - prosegue - e fra i progetti esaminati ci è parso che l' Opge svolgesse un ottimo lavoro da 20 anni. Così abbiamo iniziato a collaborare».

 

maria latella maria latella

Ieri Andrea Ceccherini ha annunciato una nuova sfida in quattro punti. «Il primo è che noi siamo convinti che di fronte alla diffusione delle fake news non si possa dare solo una risposta con la tecnologia, che pure è importante. Secondo: serve soprattutto una soluzione anche umana con il rafforzamento dello spirito critico delle giovani generazioni». Da qui, Ceccherini annuncia l' alleanza con Apple per un grande progetto di «technology e media literacy» che, quarto punto, sarà testato negli Usa, in alcuni Paesi chiave come l' Italia. «Se ci riusciremo - conclude Ceccherini - lo proietteremo poi a livello internazionale. Per avere successo pensiamo che sia fondamentale che i media di qualità dei Paesi in cui sbarcheremo partecipino con noi a costruirlo».

 

Un' idea ribadita dal leader della Mela morsicata: «Il giornalismo di qualità è alla base della democrazia perché ha un occhio critico sulla realtà e sulla classe dirigente sia delle aziende sia della politica, perciò è fondamentale avere stampa libera anche in futuro». Cook ha, poi, parlato di altri problemi che potrebbero minare i diritti dei cittadini.

 

lo speech di tim cook lo speech di tim cook

Come la riduzione o violazione della privacy «a causa di alcune aziende e governi che sorvegliano i cittadini perché la paura di questo potrebbe portare a cambiamenti dei comportamenti anche se, magari, non hanno nulla di sbagliato». Il numero uno di Apple ha detto che, però, Apple tratta i clienti «con dignità e rispetto». Cook ha anche chiarito che «un' azienda non dovrebbe avere un proprio esercito e non dovrebbe coniare valuta, perché sono prerogative esclusivamente degli Stati, dei governi eletti democraticamente».

 

Quindi ha ribadito come sia «fautore dell' immigrazione perché i Paesi benestanti devono accettare migranti che fuggono da situazioni difficili e vorrei che giovani e bimbi, i cosiddetti dreamer, rimanessero negli Usa per studiare: l' istruzione porta uguaglianza».

lo speech di andrea ceccherini lo speech di andrea ceccherini

Anche sulla questione dei dazi l' erede di Steve Jobs si è detto «a favore di un aggiornamento degli accordi commerciali ma convinto che gli scambi commerciali liberi fra Paesi siano positivi per tutti e per questo spero che le barriere tornino a zero o quasi».

 

Cook ha ricordato che da giovane consegnava giornali e ha aggiunto: «Alla vostra età mi chiedevo cosa volevo fare da grande, poi quale ateneo frequentare e quindi quale lavoro intraprendere, ma una volta arrivato alla Apple ho capito che avevo sbagliato domanda per anni perché quella giusta era come potere servire l' umanità». Infine l' ultimo consiglio: «Se passate più tempo a guardare i vostri smartphone che gli occhi della gente, sbagliate. Facciamo prodotti per aiutarvi e non per sprecare tempo».

roberto e anna d'agostino con il direttore comunicazione di eni marco bardazzi e carlo nardello di tim roberto e anna d'agostino con il direttore comunicazione di eni marco bardazzi e carlo nardello di tim l'ex ministro giulio tremonti l'ex ministro giulio tremonti il maestro giovanni allevi il maestro giovanni allevi a dx il vice direttore de il sole 24 ore roberto bernabo a dx il vice direttore de il sole 24 ore roberto bernabo albiera antinori e alberto pecci albiera antinori e alberto pecci sala del teatro odeon gremita di studenti per dialogare con tim cook sala del teatro odeon gremita di studenti per dialogare con tim cook andrea bocelli, veronica berti e tim cook andrea bocelli, veronica berti e tim cook matteo melley presidente di cdp immobiliare e moglie matteo melley presidente di cdp immobiliare e moglie antonio fernandez galiano presidente unidad editoriale con marco rottigni di intesa san paolo antonio fernandez galiano presidente unidad editoriale con marco rottigni di intesa san paolo tim cook e andea ceccherini con studenti il pomeriggio al teatro odeon tim cook e andea ceccherini con studenti il pomeriggio al teatro odeon caccia al selfie con tim cook caccia al selfie con tim cook da dx il dirrettore di qn michele brambilla e l'ad de l'arena matteo montan da dx il dirrettore di qn michele brambilla e l'ad de l'arena matteo montan da sx andrea bocelli, irene sanesi opera s.croce, massimo tononi cdp e victor massiah ubi da sx andrea bocelli, irene sanesi opera s.croce, massimo tononi cdp e victor massiah ubi da sx federico ghizzoni pres rotschild italia e marco rottigni top manager intesa sanpaolo da sx federico ghizzoni pres rotschild italia e marco rottigni top manager intesa sanpaolo da sx lucia aleotti, andrea ceccherini, tim cook e andrea riffeser monti da sx lucia aleotti, andrea ceccherini, tim cook e andrea riffeser monti da sx ronald spogli ex ambasciatore usa in italia, giuseppe cerbone ad il sole 24 ore, luigi gubitosi ad tim da sx ronald spogli ex ambasciatore usa in italia, giuseppe cerbone ad il sole 24 ore, luigi gubitosi ad tim fabrizio salini ad rai e la moglie fabrizio salini ad rai e la moglie giovanni allevi e andrea bocelli giovanni allevi e andrea bocelli il direttore del corriere della sera luciano fontana con alessio vinci il direttore del corriere della sera luciano fontana con alessio vinci il direttore di lettera 43 paolo madron il direttore di lettera 43 paolo madron il presidente rai marcello foa e il direttore la provincia di cremona marco bencivenga il presidente rai marcello foa e il direttore la provincia di cremona marco bencivenga la performance di andrea bocelli la performance di andrea bocelli

 

Condividi questo articolo

business