CARTA VINCE O CARTA PERDE? – FUMATA NERA AL CDA DI TIM: IL BOARD, CONVOCATO PER LA COOPTAZIONE DI LUCIANO CARTA, NON HA DATO IL VIA LIBERA, RINVIANDO LA NOMINA CHIESTA DAL PRIMO AZIONISTA, VIVENDI – SUL NOME DELL’EX PRESIDENTE DI LEONARDO, PORTATO DAL NUOVO “AMBASCIATORE” ITALIANO DI VIVENDI, RUVINETTI, IL GOVERNO È SCETTICO (EUFEMISMO) – IL POSSIBILE RILANCIO DI CDP E LE MOSSE DEL FONDO KKR, CHE È VOLATO A PARIGI PER PERORARE LA PROPRIA CAUSA CON I VERTICI DEL GRUPPO DI BOLLORÉ

-

Condividi questo articolo


1. TIM, FUMATA NERA SU CARTA KKR VOLA A PARIGI DA VIVENDI

Estratto dell’articolo di Andrea Biondi per “il Sole 24 Ore”

 

luciano carta foto di bacco luciano carta foto di bacco

Fumata nera dal cda Tim convocato per fare il punto sulla cooptazione di Luciano Carta nel board, come richiesto da Vivendi. Magari “quasi bianca” se si considera che la procedura è nei fatti avviata e potrebbe concludersi a ridosso del 15 giugno, con una prossima riunione straordinaria del board.

 

Non è stato ieri però il giorno X, quello insomma in cui mettere agli atti una nomina chiesta da Vivendi. Il socio francese – primo azionista di Tim con il 23,75% davanti a Cassa depositi e Prestiti, che ha il 10% circa del capitale – ponendo, e con decisione, il nome dell’ex presidente di Leonardo sul tavolo per sostituire il dimissionario, da metà gennaio, Arnaud de Puyfontaine ha da una parte voluto riaffermare il suo peso in consiglio in cui non era più rappresentato dopo l’uscita del suo ceo.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

E sicuramente, spingendo per far sì che si brucino i tempi, ha voluto dall’altra parte ribadire la sua sfida al comitato nomine presieduto da Paola Bonomo […] ma anche riaffermare il suo peso politico in una fase molto delicata, con l’avvicinarsi della deadline del 9 giugno in cui Kkr e la cordata Cdp-Macquarie saranno chiamati a presentare la loro offerta, rivista, su Netco (rete Tim e Sparkle).

 

La situazione […] sembra ancora molto fluida e […] bloccata su posizioni precedenti di “intransigenza”. A quanto risulta al Sole 24 Ore la scorsa settimana si sarebbe tenuto a Parigi un incontro fra rappresentanti di Kkr e di Vivendi, fra cui il ceo Arnaud de Puyfontaine. Un incontro per perorare la causa dell’offerta che però, a quanto risulta, non sarebbe andato a buon fine.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Da parte francese […] si sarebbe ribadita la contrarietà allo schema che parte dalla vendita della rete, oltre ai valori in campo che Vivendi ha sempre detto di considerare assolutamente non validi. Un’apertura ci sarebbe stata su future operazioni comuni (leggi Opa), anche con Cdp e Macquarie, ma andando oltre lo schema della vendita della rete.

 

Intanto però continua il lavoro da entrambe le parti – Kkr e Cdp-Macquarie – per arrivare a un’offerta il 9 giugno il cui esame è previsto nel successivo consiglio d’amministrazione del 22 giugno. Se tutto dovesse andare secondo i piani, quindi, il tutto con anche Carta seduto in consiglio d’amministrazione se la cooptazione dovesse avvenire a ridosso del 15 giugno […].

 

BOLLORE' DE PUYFONTAINE BOLLORE' DE PUYFONTAINE

[…] Ora la prossima data segnata in rosso in calendario è il 31 maggio, quando formalmente decade la validità dell’offerta (già rivista una volta) di Cdp e Macquarie. Quella data però non sarebbe considerata una tagliola per l’offerta non vincolante che comunque è in preparazione, come quella di Kkr. Quanto i valori possano discostarsi da quelli già noti, 21 miliardi per Kkr e 19,3 miliardi per Cdp-Macquarie, è argomento di dibattito ma al momento non sembrano esserci possibilità di grandi rilanci […]. […]

 

2. CDP PRONTA A RILANCIARE SULLA RETE TIM

Estratto dell’articolo di Sara Bennewitz per “la Repubblica”

 

henry kravis henry kravis

Anche Cdp e Macquarie stanno lavorando a un miglioramento della loro offerta per la Netco, la società che racchiude i cavi di Sparkle, e la infrastruttura primaria e secondaria di Telecom Italia. C’è fiducia nel riuscire a formalizzare la nuova offerta entro il 9 giugno.

 

Oltre a rispondere alle richieste di Tim, in tema di voucher ed eventuali rischi Antitrust, nella nuova proposta potrebbe esserci anche un ritocco al rialzo della componente economica. Kkr intanto va avanti per la sua strada, e […] resta convinto di poter fare l’offerta migliore, ma non prevede aumenti di prezzo considerevoli. […]

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO