CENSURARE NON PAGA: TWITTER E FACEBOOK ZOPPICANO IN BORSA - IL GRUPPO FONDATO JACK DORSEY IER HA CHIUSO GLI SCAMBI CON -6%, QUELLO DI ZUCKERBERG -3% - NONOSTANTE LE BUONE PROSPETTIVE DI CRESCITA, SEMBRA CHE AVER STACCATO LA SPINA A DONALD TRUMP ABBIA DISINNESCATO L'ENTUSIASMO DEGLI INVESTITORI SU TWITTER...

-

Condividi questo articolo

Da "il Giornale"

 

TRUMP TWITTER TRUMP TWITTER

Twitter crolla in Borsa nella prima seduta dopo la rimozione dell' account di Donald Trump. Il titolo «social» ha cominciato la seduta a Wall Street segnando perdite dell' 11%, per poi recuperare a metà seduta ma restando sempre molto negativo. A un' ora dalla chiusura le azioni, quotate al Nasdaq, perdevano il 6 per cento. Negativo anche Facebook, con le azioni in calo di oltre il 3% per lo stesso motivo, quello della censura a Trump.

 

mark zuckerberg in audizione al senato mark zuckerberg in audizione al senato

Venerdì scorso 8 gennaio il Twitter ha annunciato di aver bandito definitivamente il presidente Usa uscente dalla propria piattaforma «a causa del rischio di ulteriori incitazioni alla violenza». Con la cancellazione dell' account di Trump, Twitter ha perso uno dei suoi più grossi megafoni all' interno della piattaforma. The Donald contava oltre 88,7 milioni di follower, un seguito enorme, tra i profili più seguiti sul social dopo Cristiano Ronaldo (90 milioni), Rihanna (104), Katy Perry (109), Justine Bieber (113) e Barack Obama (127).

dorsey twitter dorsey twitter

 

Secondo i dati raccolti da Investing.com, Twitter è in procinto di riportare per la prima volta vendite trimestrali superiori a un miliardo di dollari quando presenterà il bilancio il prossimo mese. Ma nonostante le buone prospettive di crescita, sembra che aver staccato la spina a Donald Trump abbia disinnescato l' entusiasmo degli investitori che comunque hanno contribuito alla crescita di Twitter negli ultimi anni.

 

 

 

Condividi questo articolo

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

AZIONE “CATTOLICA” - DOMANI IL CDA STRAORDINARIO DI CATTOLICA, CONVOCATO IN FRETTA E FURIA DOPO LE ACCUSE FORMULATE DALL’IVASS E IL DURISSIMO RICHIAMO DELLA CONSOB ALLA GESTIONE BEDONI - MOLTI CONSIGLIERI PENSANO A DIMISSIONI IN BLOCCO PER FAR DECADERE L’INTERO CDA - L’ALTRA IPOTESI: CHIEDERE DIRETTAMENTE LA TESTA DI BEDONI - MA LA PARTITA RIGUARDA ANCHE “GENERALI” CHE DI CATTOLICA HA APPENA COMPRATO IL 25% - CHE FARÀ DONNET? O RINUNCIA A METTERE BECCO NELLA RIFORMULAZIONE DEL CDA OPPURE…