DAGONEWS DA LEONARDO-FINMECCANICA - C'È GIANNI DE GENNARO DIETRO L'INGAGGIO DI UN MEMBRO DELL'''ANCIEN REGIME'' COME PAOLO MESSA A DIRETTORE DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI MA ANCHE NELLA NOMINA DI LUCIANO VIOLANTE A CAPO DELLA NUOVA FONDAZIONE LEONARDO (SERVIVA PROPRIO?) E DI PEPPINO CALDAROLA ALLA STORICA RIVISTA DELL'IRI ''CIVILTÀ DELLE MACCHINE'' - I RAPPORTI COL GOVERNO GIALLOVERDE? BRILLAVA L'ALTRA SERA AI 70 ANNI DI LEONARDO L'ASSENZA DELLA MINISTRA TRENTA. E I RAPPORTI TRA DE GENNARO E PROFUMO...

-

Condividi questo articolo


 

DAGONEWS

paolo messa paolo messa

 

Hanno addosso le impronte di Gianni De Gennaro tutte le ultime scelte in casa Leonardo. Prima di tutto l’ingaggio di Paolo Messa, editore del sito Formiche e della rivista di aeronautica Air Press, come nuovo direttore delle relazioni istituzionali. Funzione tolta – non senza una certa brutalità – a Raffaella Luglini, che fin dal suo arrivo in piazza Montegrappa Alessandro Profumo ha valorizzato come suo braccio destro.

 

gianni letta e gianni de gennaro gianni letta e gianni de gennaro

La scelta di Messa, già consigliere di amministrazione della Rai in quota Udc (Casini in particolare), ha destato stupore. Sia perché il quarantenne barese non ha mai ricoperto ruoli manageriali, sia soprattutto perché nella stagione del pentaleghismo andare a prendere un uomo del vecchio centro-destra (oltre a Casini gli altri riferimenti di Messa sono Berlusconi, Gianni Letta e Cesa) è sembrato ai più una stravaganza se non addirittura un azzardo.

 

luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano

Tant’è vero che qualcuno ha già notato gli attacchi che come editore Messa ha lanciato al governo Conte-Di Maio-Salvini sul tema della riduzione degli investimenti nel settore della difesa. Così l’unica spiegazione è che c’entri il rapporto che il presidente di Leonardo e il neo assunto hanno stretto nell’ambito del Centro Studi Americani, piccola lobby di cui De Gennaro è presidente e Messa direttore (a proposito, si dimetterà?).

 

Ma sono da ricondurre all’ex capo della Polizia anche i nomi di Luciano Violante e Peppino Caldarola, il primo scelto per presiedere la neo costituita Fondazione Leonardo (ma non c’è già la Fondazione Ansaldo, di cui proprio la Luglini è presidente?), il secondo per dirigere la storica rivista dell’Iri “Civiltà delle Macchine”, che Leonardo ha comprato da Fintecna.

 

PAOLO MESSA E SIGNORA PIERFERDINANDO CASINI PAOLO MESSA E SIGNORA PIERFERDINANDO CASINI

Entrambi di sinistra, uno nel Pd in quota propria, l’altro da sempre vicino a D’Alema e ultimamente al presidente della Regione Toscana Rossi, anche Violante e Caldarola sembrano fare a pugni con il nuovo regime politico. Allora perché queste scelte, tanto più in una fase in cui dal governo non vengono propriamente degli apprezzamenti nei confronti di quella che una volta si chiamava Finmeccanica e dei suoi vertici?

 

luciano violante luciano violante

Bastava dare un’occhiata l’altra sera alla festa per i 70 anni di Leonardo a chi c’era e chi non c’era a Villa Miani: del governo solo il viceministro dell’Economia Garavaglia. Persino la ministra della Difesa Trenta brillava per la sua assenza. Qualcuno sussurra che a piazza Montegrappa i rapporti tra De Gennaro e Profumo non siano più quelli di una volta…

garavaglia garavaglia Elisabetta Trenta Elisabetta Trenta paolo savona elisabetta trenta paolo savona elisabetta trenta alessandro profumo alessandro profumo PEPPINO CALDAROLA FOTO ANDREA ARRIGA PEPPINO CALDAROLA FOTO ANDREA ARRIGA

 

Condividi questo articolo

business

MI È SCAPPATO UN CETO (MEDIO) – STEFANO LEPRI RISPONDE A MASSIMO GIANNINI, CHE IERI IN UN EDITORIALE AVEVA PARLATO DEL “CETO MEDIO TRADITO”: “NEGLI ULTIMI 30 ANNI I REDDITI CHE DAVVERO SI SONO ABBASSATI SONO QUELLI DEI GIOVANI. SONO STATI INVECE PROTETTI I REDDITI DEGLI ANZIANI. DUE ESEMPI DI CETO MEDIO POSSONO ESSERE UN COMMERCIANTE E UN IMPIEGATO: IL PRIMO PAGA MOLTE MENO TASSE, LAMENTANDOSENE PERÒ PIÙ DEL SECONDO CHE SUBISCE TRATTENUTE A CUI HA FATTO L'ABITUDINE. PUÒ CAPITARE CHE A LAVORI CON MAGGIOR PRESTIGIO SOCIALE CORRISPONDANO REDDITI PIÙ BASSI. DAVVERO, CHE COSA INTENDIAMO PER CETO MEDIO?”

VA SEMPRE IN CULO AI DIPENDENTI – C’È ARRIVATA ANCHE BANKITALIA: LA MANOVRA ACCRESCE LA DISCREPANZA DI TRATTAMENTO TRA LAVORI DIPENDENTI E AUTONOMI. I PRIMI, CHE NON POSSONO EVADERE VISTO CHE LE IMPOSTE VENGONO LORO TRATTENUTE NELLO STIPENDIO, CONTINUERANNO A PAGARE LE TASSE PER TUTTI. E LE PARTITE IVA INVECE SARANNO ANCORA PIÙ  FAVORITE DALLA FLAT TAX: “IN UN PERIODO DI INFLAZIONE ELEVATA LA COESISTENZA DI UN REGIME A TASSA PIATTA E UNO SOGGETTO A PROGRESSIVITÀ COME L'IRPEF COMPORTA UN'ULTERIORE PENALIZZAZIONE PER CHI SOGGETTO A QUEST'ULTIMO"