DAGOREPORT! - CON LA CONQUISTA DI CRT DA PARTE DI PALENZONA, I POTERI FINANZIARI MILANESI STANNO STUDIANDO LA NUOVA MAPPATURA DEL POTERE - SI PARLA DI UNA “PACIFICAZIONE” CHE PORTEREBBE MEDIOBANCA NELLE MANI DI MILLERI (19,8%) E DI CALTAGIRONE (5,6%) MA CON NAGEL SEMPRE AL VERTICE – SI SCOMMETTE CHE LO STAR-BANKER DI UNICREDIT, ANDREA ORCEL, MIRI A PRENDERSI UN MONTE DEI PASCHI RIMESSO IN SESTO DAL MEF. MENTRE SALVINI-GIORGETTI NON SMETTONO DI PUNTARE ALLO SPOSALIZIO DI BANCO BPM CON MPS...

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

fabrizio palenzona fabrizio palenzona

Con la conquista della presidenza di Crt (fondazione che ha in tasca quote di Unicredit, Bpm, Generali) da parte di Fabrizio Palenzona, ricicciato sotto tutela di Banca Intesa, i poteri finanziari milanesi stanno studiando la nuova mappatura del potere e volano rumors, indiscrezioni, polpette avvelenate.

 

Ad esempio: cosa succederà alla prossima assemblea di Mediobanca, attesa per ottobre, tra i duellanti Nagel e Milleri-Caltagirone?

 

Pare che sia sbocciato un riavvicinamento tra l’amministratore delegato di Piazzetta Cuccia e l’erede del compianto Del Vecchio.

 

Alberto Nagel Alberto Nagel

Tant’è che si parla di una trattativa che porterebbe Mediobanca nella mani di Milleri (azionista del 19,8%) e di Caltagirone (5,6%) ma con Alberto Nagel sempre troneggiante al vertice.

 

Una ‘’pacificazione’’ che potrebbe convincere il duplex Milleri-Caltagirone perché così scavallerebbero il duro ostacolo dei requisiti bancari richiesti dalla Bce per Mediobanca che, non dimentichiamolo, ha in pancia il tesoretto del 13% di Generali,

 

FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO

Altro tema che agita le chiacchiere di Piazza Affari. La celebrazione di Andrea Orcel da parte del Wall Street Journal: ‘’Unicredit nel 2022 ha registrato il più alto utile da più di dieci anni. Andrea Orcel ha ereditato una banca in fase di ristrutturazione, in un Paese dalla crescita anemica, e l'ha portata al successo’’.

 

Ecco: l’Unicredit di Orcel è “una macchina da profitti”; non è più l’Unicredit in ginocchio di Mustier. E’ diventata un competitor reale di Intesa, prima banca italiana. Ed essendo una “banca di sistema”, Carlo Messina non può massimizzare i profitti come Orcel.

 

matteo salvini e giancarlo giorgetti 8 matteo salvini e giancarlo giorgetti 8

Non solo: al di là di tante dinieghi e smentite, pochi credono che Orcel non miri a prendersi un Monte dei Paschi che l’opera di ristrutturazione e di benefit del Mef ha reso di nuovo una preda golosa. Mentre Salvini-Giorgetti non smettono di puntare allo sposalizio di Banco Bpm con Mps. Insomma, la finanza italica ha ripreso a giocare…

CARLO MESSINA CARLO MESSINA ARTICOLO DEL WALL STREET JOURNAL SU ANDREA ORCEL STAR-BANKER ARTICOLO DEL WALL STREET JOURNAL SU ANDREA ORCEL STAR-BANKER

Andrea Orcel Andrea Orcel

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE