DAGOREPORT – LE MALELINGUE SOSTENGONO CHE FABRIZIO PALENZONA, PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE CRT, ABBIA “SVACCANZATO” NELL’ISOLA CARAIBICA DI CANOUAN, NELL’ARCIPELAGO DELLE GRENADINE, IN UN VILLONE DI PROPRIETÀ DEL “GENIO” ANDREA PIGNATARO – PIGNATARO, CON LA SUA “ION”, HA MESSO LE MANI SU PRELIOS, DI CUI “FURBIZIO” È PRESIDENTE. UN’OPERAZIONE DA 1,35 MILIARDI, CHE IL GOVERNO MELONI (SU INPUT DI FAZZOLARI) HA STOPPATO PER VALUTARE IL GOLDEN POWER. COME MAI TUTTO QUESTO SCETTICISMO NEL “MAGO DELLA FINANZA” PIGNATARO?

-

Condividi questo articolo


Andrea Pignataro Andrea Pignataro

DAGOREPORT

Tra le maldicenze di Natale, ne è circolata una piuttosto curiosa: alcuni sostengono che Fabrizio Palenzona, presidente della Fondazione Crt, abbia “svaccanzato” a Canouan, un’isola dei Caraibi che fa parte dello stato di St. Vincent e Grenadine, in un villone di proprietà di Andrea Pignataro.

 

A sorprendere i più è che il “genio della matematica” diventato miliardario con il colosso di dati “Ion”, ha messo le mani, con un’acquisizione da 1,35 miliardi su Prelios, gruppo di cui Palenzona è presidente.

 

fabrizio palenzona fabrizio palenzona

L’ex camionista è arrivato nel “buen retiro” caraibico con un passaggio del jet privato di Pignataro. Sulla cessione di Prelios il Governo di Giorgia Meloni sta valutando se esercitare il golden power, cioè un diritto di veto che può anche bloccare l’operazione o imporre specifiche condizioni.

 

Sorprende che l’esecutivo, su spinta del sottosegretario Fazzolari, possa intervenire, considerando Prelios un’azienda strategica per il Paese: il gruppo gestisce immobili e crediti deteriorati, ha piattaforme di analisi del rischio immobiliare, ma sembra molto lontana dai quei settori cruciali per la sicurezza dello Stato su cui in genere si può invocare il potere “dorato”.

 

PRELIOS PRELIOS

Anche perché allo stesso Pignataro è già stata venduta Cerved, che si occupa di informazioni commerciali, gestioni e recupero crediti. Come mai a Palazzo Chigi mostrano tutto questo scetticismo sullo spessore imprenditoriale del “golden boy” della finanza italiana?

ISOLA DI CANOUAN ISOLA DI CANOUAN fabrizio palenzona 7 fabrizio palenzona 7 37 fabrizio palenzona 37 fabrizio palenzona LOGO PRELIOS LOGO PRELIOS LA STRUTTURA DI ION - ANDREA PIGNATARO LA STRUTTURA DI ION - ANDREA PIGNATARO fabrizio palenzona foto di bacco (3) fabrizio palenzona foto di bacco (3) Andrea Pignataro Andrea Pignataro

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…