ENEL FESTEGGIA 60 ANNI CON UN NUOVO SPOT FIRMATO DALLA STORICA AGENZIA BRITANNICA, “SAATCHI & SAATCHI” – PIÙ CHE UNA PUBBLICITÀ, UN FILM CON PROTAGONISTA L’ATTORE MARCO BOCCI, GIÀ INTERPRETE DI ALTRI FORMAT PER L’AZIENDA, E IL CICLISTA ALESSANDRO DE MARCHI - VIDEO: IL BACKSTAGE

-

Condividi questo articolo


 

 

IL BACKSTAGE DEL NUOVO SPOT ENEL - 60 ANNI DI FATTI CHE CONTANO

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 3 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 3

 

(Teleborsa) - Un’azienda che da 60 anni parla attraverso i fatti: dalla digitalizzazione delle reti alla diffusione delle tecnologie rinnovabili, dall’energia prodotta a zero emissioni ai servizi per i clienti, dalla mobilità elettrica al contributo alla formazione e assunzione di giovani, fino ad arrivare all’illuminazione pubblica e artistica.

 

Enel racconta "60 anni di fatti che contano" con uno spot TV firmato Saatchi & Saatchi (Publicis Groupe), on air a partire da domenica 16 ottobre, in cui vari protagonisti si alternano nel racconto di un’azienda che ha dimostrato, con i fatti, di essere al servizio del Paese.

 

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 2 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 2

Un vero e proprio film che si avvale della partecipazione di alcuni volti noti: Marco Bocci, anche questa volta nel ruolo di padre della piccola Giulia - in un fil rouge che si riallaccia al format narrativo che racconta la quotidianità dei consumatori Enel Energia - e Alessandro De Marchi, ciclista professionista e Maglia Rosa alla quarta tappa del Giro d’Italia 2021.

 

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 6 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 6

Lo spot - si legge nella nota - è un ulteriore importante tassello della campagna #IFattiContano lanciata a luglio dal Gruppo per raccontare su tutti i canali di comunicazione, attraverso la concretezza dei numeri, i risultati di progetti e attività al servizio della transizione energetica in Italia. Proprio i numeri sono i protagonisti dello spot grazie alla partecipazione corale dei personaggi che si alternano in scena, con uno storytelling moderno e un montaggio dinamico, per raccontare i risultati ottenuti quotidianamente da Enel in questi 60 anni.

 

 

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 7 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 7

“Dal mese di luglio stiamo raccontando su stampa e canali digitali 60 anni di azioni per le persone e per la crescita del Paese. Con la campagna TV vogliamo rafforzare questo messaggio, mostrando oltre ai numeri anche i principali asset aziendali come le centrali rinnovabili, i km di rete elettrica e i lampioni intelligenti con riferimenti diretti al mondo dell’elettrificazione. Per Enel, infatti, transizione energetica significa impegno per il futuro, ma soprattutto azioni tangibili: il modo di usare, consumare e produrre l’energia ha

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 5 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 5

un riflesso più che mai concreto sulla quotidianità delle persone e sull’ambiente. Oggi siamo l’energia di 32 milioni di famiglie e aziende e accompagniamo l’Italia verso l’elettrificazione” – commenta Costanza Barbara Tarola, Responsabile brand, adv e content, Comunicazione Italia, Enel

 

 

“In continuità con le ultime campagne del brand, ma con un elemento di novità quale il racconto corale, abbiamo portato sullo schermo i numeri del Gruppo con un trattamento del tutto inedito. Il risultato è un film dinamico e contemporaneo, ma allo stesso tempo fortemente concreto, in grado di coinvolgere gli spettatori creando una forte empatia” – aggiunge Manuel Musilli, Direttore Creativo Esecutivo di Saatchi &Saatchi Italia.

il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 9 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 9 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 1 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 1 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 8 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 8 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 4 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 4 enel 60 il nuovo sito di enel 1 enel 60 il nuovo sito di enel 1 enel 60 il nuovo sito di enel 9 enel 60 il nuovo sito di enel 9 enel 60 il nuovo sito di enel 10 enel 60 il nuovo sito di enel 10 enel 60 il nuovo sito di enel 11 enel 60 il nuovo sito di enel 11 enel 60 il nuovo sito di enel 13 enel 60 il nuovo sito di enel 13 enel 60 il nuovo sito di enel 12 enel 60 il nuovo sito di enel 12 enel 60 il nuovo sito di enel 1 enel 60 il nuovo sito di enel 1 enel 60 il nuovo sito di enel 3 enel 60 il nuovo sito di enel 3 enel 60 il nuovo sito di enel 2 enel 60 il nuovo sito di enel 2 enel 60 il nuovo sito di enel 6 enel 60 il nuovo sito di enel 6 enel 60 il nuovo sito di enel 7 enel 60 il nuovo sito di enel 7 enel 60 il nuovo sito di enel 4 enel 60 il nuovo sito di enel 4 enel 60 il nuovo sito di enel 4 enel 60 il nuovo sito di enel 4 enel 60 il nuovo sito di enel 3 enel 60 il nuovo sito di enel 3 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 10 il backstage del nuovo spot di enel 60 anni di fatti che contano 10

 

enel 60 il nuovo sito di enel 8 enel 60 il nuovo sito di enel 8 enel 60 il nuovo sito di enel 5 enel 60 il nuovo sito di enel 5 enel 60 il nuovo sito di enel 2 enel 60 il nuovo sito di enel 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…