ALLA FINE LUFTHANSA SI PRENDERA’ IL 40% DI ITA A PREZZO DI SCONTO – INVECE DEI 300 MILIONI DI EURO IPOTIZZATI, I TEDESCHI SONO DISPOSTI A SGANCIARE AL MASSIMO 200 MILIONI PER ENTRARE NELL'EX COMPAGNIA DI BANDIERA ITALIANA. D’ALTRA PARTE, ITA CHIUDE IL BILANCIO 2022 CON UNA PERDITA NETTA DI 468 MILIONI, UNA TRENTINA PIÙ DELLE PREVISIONI – OGGI L'INCONTRO TRA L'AD DI LUFTHANSA, CARSTEN SPOHR E IL MINISTRO DELL'ECONOMIA, GIANCARLO GIORGETTI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Aldo Fontanarosa per “la Repubblica”

 

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA

Ita Airways si prepara a volare tra le braccia, anzi tra le ali di Lufthansa. Per rimuovere l’ultimo ostacolo al matrimonio dei cieli, il gruppo tedesco invia oggi a Roma il suo numero uno Carsten Spohr.

 

L’amministratore delegato di Lufthansa vedrà il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti e il presidente di Ita, Antonino Turicchi. Le parti in campo (Lufthansa e il nostro governo) tenteranno un accordo su quello che lo stesso Spohr, ieri da Bruxelles, ha definito l’ultimo ostacolo alla firma del contratto. Oggi si parlerà di soldi, cioè della valutazione di Ita. […]

 

ita airways 9 ita airways 9

Lufthansa comprerà il 40% della compagnia italiana attraverso un aumento di capitale a lei riservato. Finora ha lasciato intendere che avrebbe versato tra i 250 e i 300 milioni. La stampa tedesca ipotizza che Spohr, oggi a Roma, metterà sul tavolo una somma più bassa: 200 milioni. D’altra parte Ita chiude il bilancio 2022 con una perdita netta di 468 milioni, una trentina in più delle previsioni.

 

Difficile però che Lufthansa possa muovere meno di 200 milioni. Intanto questi soldi non andranno allo Stato italiano. Finiranno semmai nel serbatoio di Ita, proprio perché sono un aumento di capitale. E Ita ha bisogno di un’iniezione di liquidità apprezzabile, per sostenersi.

 

GIANCARLO GIORGETTI GIANCARLO GIORGETTI

[…] L’Italia dispone di una ultima cartuccia. L’Unione Europea la ha autorizzata a versare ad Ita un ultimissimo assegno da 250 milioni nel 2023. Un solo euro in più rappresenterebbe un aiuto di Stato illegittimo.

 

In sintesi, Lufthansa non può impegnare meno di 200 milioni; mentre l’Italia non può spenderne più di 250. Alla luce di questi vincoli, la trattativa tra la compagnia tedesca e il nostro ministero dell’Economia verterà più sul futuro che sul presente.

 

ANTONINO TURICCHI ANTONINO TURICCHI

Le parti devono decidere quando Lufthansa comprerà - sempre dal nostro Stato - il restante 60% di Ita; quanto vale questo 60% in prospettiva (alla luce della crescita futura di Ita); quale premio andrà allo Stato (conun meccanismo di earn out ) se i conti del vettore miglioreranno.

 

[…] Più balla da sola, più Ita perde soldi e valore. Per questo Lufthansa considera alla portata la firma di un contratto entro il termine ultimo del 23 aprile. […]

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ita airways 7 ita airways 7 ita airways 6 ita airways 6 CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA 1 CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...