LA “CARTA” NASCOSTA DI VIVENDI – DA DOVE SPUNTA IL NOME DI LUCIANO CARTA, CHIAMATO DAI FRANCESI COME CONSIGLIERE D’AMMINISTRAZIONE DI TIM, AL POSTO DI ARNAUD DE PUYFONTAINE? IL TRAMITE SAREBBE STATO ANDREA PEZZI, GRANDE AMICO DELL’AD DI VIVENDI E IN OTTIMI RAPPORTI CON L’EX PRESIDENTE DI LEONARDO – LA STRATEGIA DI BOLLORÈ PER SPARIGLIARE: APRIRE UN CANALE POLITICO ISTITUZIONALE CON IL GOVERNO, PER LA PARTITA DELLA RETE MA NON SOLO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Claudio Antonelli e Tobia De Stefano per “La Verità”

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Martedì sera intervistato da Bloomberg in quel di New York, il numero uno di Cdp, Dario Scannapieco, è intervenuto sulla impasse della rete Tim. «Non ritiriamo l’offerta», ha detto, ma continueremo a trovare soluzioni con Macquarie per rispondere alle ulteriori richieste di Tim».

 

Il messaggio per certi versi non poteva essere diverso. Due settimane fa il Mef aveva diramato una velina per far comprendere a tutte le parti in causa, oltre a Cdp, il fondo australiano, anche Kkr e l’azionista di maggioranza Vivendi, che la soluzione migliore per il governo è quella condivisa. Il fatto che Scannapieco abbia deciso di parlare negli Usa forse non è casuale. Un microfono più vicino ai vertici di Kkr. Vedremo a breve quale sarà la risposta.

 

luciano carta foto di bacco luciano carta foto di bacco

Nel frattempo a sparigliare ci hanno pensato i francesi. Nella giornata di martedì hanno inviato alla società di tlc una lettera con richiesta di optare nel cda al posto di Arnaud de Puyfontaine l’ex numero uno dell’Aise e presidente di Leonardo, Luciano Carta. La mossa non è da poco. E chiaramente è mirata ad avviare un dialogo diretto con le istituzioni italiane.

 

In passato a gestire i rapporti di Vivendi in Italia era Andrea Pezzi. Emerse una serie di problematiche (rappresentate dal nostro quotidiano e anche da Report), il testimone è transitato a Daniele Ruvinetti, un passato in Telecom e un presente in MedOr, l’associazione di Marco Minniti con i fondi di Leonardo. Con l’ingresso in campo di Carta si inaugura un nuovo percorso con l’obiettivo di aprire un valico tra le Alpi.

 

ANDREA PEZZI ANDREA PEZZI

Fino ad oggi infatti erano mancati rapporti tra governo e governo. […] Eppure era chiaro che servisse un canale politico e al tempo stesso istituzionale. Per di più Carta conosce bene le dinamiche dell’ingresso di Vivendi in Italia, avendole osservate dalla tolda dell’Aise. Insomma, una figura chiave che avrà molto da correre. A breve c’è infatti da sbrogliare non una ma ben tre matasse.

 

Una riguarda la rete Tim, la seconda il ruolo dell’amministratore delegato, Pietro Labriola, su cui i francesi vorrebbero scaricare un po’ tutte le colpe, dopo averlo scelto all’indomani dell’uscita di Luigi Gubitosi e la terza riguarda la rete di Open fiber, un vero ginepraio di numeri.

 

BOLLORE' DE PUYFONTAINE BOLLORE' DE PUYFONTAINE

C’è la ricerca, insomma attraverso il coinvolgimento dei governi, di una strada diversa. Anche perché il progetto originario di Cassa depositi e prestiti di arrivare alla rete unica basandosi sul perno di Open fiber possedeva e possiede un grande limite, che è quello della stessa società voluta da Matteo Renzi. Il conglomerato nato per cablare il Paese non naviga in buone acque e la situazione sia finanziaria che industriale è sempre più pesante.

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Non è un mistero per nessuno che la società guidata da Mario Rossetti dovesse completare il cablaggio delle cosiddette aree bianche (a bassa densità abitativa) entro il mese di giugno. Si parlava di coprire più di sei milioni di abitazioni e siamo bene al di sotto della metà. A onor del vero non per colpa di Rossetti, ma per via dell’eredità che si è ritrovato a gestire. La speranza è quella di riuscire nell’operazione entro un anno, ma non sarà affatto semplice. Perché finanziariamente parlando le cose vanno pure peggio.

 

mario rossetti mario rossetti

Il bilancio 2022 ha chiuso con un indebitamento in crescita da 3,3 a 4,6 miliardi e un Ebitda (margine operativo lordo) di 179 milioni. Con questi numeri e le banche, tra le quali ci sono pure le francesi Bnp Paribas, Société Générale e Crédit Agricole, che hanno terminato la pazienza non stupisce affatto sentir parlare della richiesta ai soci di un nuovo aumento di capitale (400 milioni) e che si continui a bussare alle porte del Tesoro per chiedere compensazioni (altri 300 milioni?) per il cablaggio delle aree grigie (quelle a fallimento di mercato). […]

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA bollore e de puyfontaine assemblea vivendi bollore e de puyfontaine assemblea vivendi DE PUYFONTAINE BOLLORE DE PUYFONTAINE BOLLORE bollore de puyfontaine bollore de puyfontaine report su andrea pezzi 2 report su andrea pezzi 2 report su andrea pezzi 10 report su andrea pezzi 10 ANDREA PEZZI ANDREA PEZZI report su andrea pezzi 1 report su andrea pezzi 1 andrea pezzi cristiana capotondi andrea pezzi cristiana capotondi CRISTIANA CAPOTONDI E ANDREA PEZZI CRISTIANA CAPOTONDI E ANDREA PEZZI ANDREA PEZZI ANDREA PEZZI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...