UN “MONTE” DI ASSOLUZIONI - LA CORTE D’APPELLO DI MILANO RIBALTA LA SENTENZA DI PRIMO GRADO SUL CASO MPS: ASSOLTI TUTTI GLI IMPUTATI, DALL’EX PRESIDENTE MUSSARI ALL’EX DG VIGNI FINO A DEUTSCHE BANK E NOMURA - IL PROCESSO RIGUARDA LE PRESUNTE IRREGOLARITÀ NELLE OPERAZIONI DI FINANZA STRUTTURATA, ALEXANDRIA E SANTORINI, CHIANTI CLASSICO E FRESH, EFFETTUATE DAL MONTE DEI PASCHI TRA IL 2008 E IL 2012, PER COPRIRE LE PERDITE DOVUTE ALL’ACQUISIZIONE DI ANTONVENETA

-

Condividi questo articolo


ANTONIO VIGNI GIUSEPPE MUSSARI FOTO ANSA ANTONIO VIGNI GIUSEPPE MUSSARI FOTO ANSA

(ANSA) - La Corte d'Appello di Milano ha assolto tutti gli imputati, dall'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari all'ex dg Antonio Vigni fino alle banche Deutsche Bank AG, la sua filiale londinese e Nomura, nel processo sul caso Mps con al centro le presunte irregolarità nelle operazioni di finanza strutturata, Alexandria e Santorini, Chianti Classico e Fresh, effettuate da Rocca Salimbeni tra il 2008 e il 2012 per coprire le perdite dovute all'acquisizione di Antonveneta. Sono state revocate le confische agli enti per un totale di circa 150 milioni.

mussari vigni mussari vigni MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA GIUSEPPE MUSSARI ANTONIO VIGNI GIUSEPPE MUSSARI ANTONIO VIGNI nomura. nomura. MONTE DEI PASCHI DI SIENA MPS MONTE DEI PASCHI DI SIENA MPS nomura nomura monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena VIGNI MUSSARI VIGNI MUSSARI

 

Condividi questo articolo

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…