NON SOLO MUSSARI: “MONTEPASCHI, PRESSIONI DALLA POLITICA PER L’ACQUISIZIONE DI ANTONVENETA” - A SCRIVERLO SONO I PM TITOLARI DELL’INCHIESTA SU MPS: “LA BANCA, IN REALTÀ, NON STAVA BENE E NON ERA IN GRADO DI AFFRONTARE L’OPERAZIONE”

Non solo: secondo i magistrati «attraverso condotte fraudolente, ovvero mentendo all’autorità circa il fatto che la Banca fosse in grado di sostenere le misure patrimoniali necessarie all’acquisto di Banca Antonveneta gli allora vertici dell’istituto senese avevano dato ad intendere che Mps potesse sostenerne l’acquisto…

Condividi questo articolo


La Stampa.it

Gli ex vertici di Mps, e in particolare l'ex presidente Giuseppe Mussari e l'ex dg Antonio Vigni, avevano «un modus operandi autoreferenziale, verticistico ed asservito al soddisfacimento di interessi in generale distonici da quelli dell'ente». A questi «interessi e sollecitazioni esterne alla banca, e ascrivibili in prima battuta al panorama politico locale e nazionale», loro avrebbero risposto anche quando venne decisa l'acquisizione di Antonveneta da parte di Mps.

monte-dei-paschi-di-siena-sedemonte-dei-paschi-di-siena-sede

A scriverlo sono i pm titolari dell'inchiesta su Mps nel decreto per la richiesta di archiviazione per la Banca, inizialmente indagata in base della legge 231 sulla responsabilità dell'azienda.

VIGNI MUSSARIVIGNI MUSSARI

Non solo: secondo i magistrati «attraverso condotte fraudolente, ovvero mentendo all'autorità circa il fatto che la Banca fosse in grado di sostenere le misure patrimoniali necessarie all'acquisto di Banca Antonveneta gli allora vertici dell'istituto senese avevano dato ad intendere che Mps potesse sostenerne l'acquisto.

«La banca, in realtà, non stava bene e non era in grado di affrontare l'operazione» si legge nel decreto depositato l'11 aprile dove i pm ribadiscono che il Fresh da 1 miliardo di euro era in realtà un prestito che «avrebbe solo aggravato la situazione debitoria» di Mps. I magistrati scrivono che le conclusioni, «incontrovertibili», non sono definitive in quanto ci sono indagini in corso.

Gianluca BaldassarriGianluca Baldassarri

L'inchiesta sull'acquisizione di Antonveneta era stata chiusa il 31 luglio 2013 con la richiesta di rinvio a giudizio per otto persone (oltre a Jp Morgan): Mussari, Vigni, Daniele Prondini, Raffaele Giovanni Rizzi, Tommaso Di Tanno, Piero Fabretti, Leonardo Pizzichi e Michele Crisostomo. Le accuse, a vario titolo, sono di manipolazione del mercato, ostacolo all'Autorità di Vigilanza, false comunicazioni sociali. Mussari è accusato anche di insider trading. La nuova udienza è stata fissata per il 6 maggio.

Ieri, al tribunale di Siena, si è svolta pure una nuova udienza del processo per la ristrutturazione del derivato Alexandria, dove Mussari, Vigni e l'ex responsabile dell'area finanza Gianluca Baldassarri sono accusati di ostacolo all'autorità di vigilanza. Due i testimoni sentiti: Flavio Borghese, uno dei trader dell'area finanza, e Giovanni Conti, all'epoca capo area Risk management. Dalle loro testimonianze è emerso il clima pesante che si viveva all'interno di Rocca Salimbeni, fatto anche di «minacce», di persone sollevate improvvisamente dal proprio incarico, di «muri di gomma». La prossima udienza è fissata per il 23 maggio.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?