LA "LIVELLA" DEL VIRUS: DANNEGGIA ANCHE I RICCONI – RAY DALIO, GRAN CAPO DI "BRIDGEWATER", PIÙ GRANDE HEDGE FUND GLOBALE,  AMMETTE CHE IL CORONAVIRUS STA FACENDO MALE PURE ALLA GRANDE FINANZA, NONOSTANTE NEI MESI SCORSI AVESSE SCOMMESSO 11 MILIARDI SULLA DISCESA DELLE BORSE EUROPEE – “LA PANDEMIA HA COLPITO NEL MOMENTO PEGGIORE PERCHÉ AVEVAMO UNA POSIZIONE LUNGA NELLE NOSTRE STRATEGIE. ABBIAMO INIZIATO A MONITORARE IL VIRUS A GENNAIO, MA…”

-

Condividi questo articolo

 

Da https://andreagiacobino.com/

 

RAY DALIO RAY DALIO

Il coronavirus graffia anche il più grande hedge fund manager globale e lo spinge a un inedito “outing”. Ray Dalio che a capo di Bridgewater Associates con masse per 160 trilioni di dollari è il maggiore gestore alternativo del mondo e che nei mesi scorsi aveva scommesso 11 miliardi di euro sulla discesa delle borse europee, deve registrare perdite anche nei suoi fondi.

bridgewater bridgewater

 

Così Dalio, con un’insolita trasparenza, ha deciso di condividere in un post su LinkedIn i risultati dei prodotti che abitualmente vengono comunicati solo ai suoi investitori.

 

IL CORONAVIRUS METTE A DURA PROVA IL TORO DEI MERCATI IL CORONAVIRUS METTE A DURA PROVA IL TORO DEI MERCATI

“I risultati delle performance – dice il numero uno di Bridgewater – sebbene deludenti, sono coerenti con precedenti periodi di scarso rendimento che prevediamo accadano circa una volta ogni 10-15 anni in circostanze straordinarie. Inoltre, i processi di controllo del rischio che abbiamo avviato stanno funzionando come previsto, riducendo le nostre perdite rispetto al mercato e a molti altri gestori”.

 

coronavirus mercati 3 coronavirus mercati 3

I fondi Bridgewater sono di due tipi: uno di mix strategico di allocazione degli asset, chiamati All Weather e l’altro che con fondi denominati Pure Alpha che operano a diversi livelli di rischio e rendimento attesi e talvolta sono combinati per creare fondi ibridi. A venerdì scorso, dice Dalio, i risultati netti dell’anno sono stati i seguenti: i fondi All Weather sono scesi tra il 9% e il 14%, i Pure Alpha tra il 7% e il 21%.

 

RAY DALIO RAY DALIO

“Cosa penso di queste performance? – si chiede l’hedge fund manager nel post – Anche se non è quello che vorrei, è coerente con quello che mi sarei aspettato dalle circostanze. Il coronavirus è una pandemia arrivata rapidamente e ci ha colpito nel momento peggiore possibile perché avevamo una posizione lunga nelle nostre strategie, posizionate per sfruttare la liquidità nel sistema finanziario. Inoltre i livelli dei tassi di interesse erano bassi rispetto ai rendimenti attesi di altre attività e non c’erano segni immediati di declino economico”.

Ray Dalio Ray Dalio

 

mercati mercati

“Abbiamo iniziato a monitorare il coronavirus – continua Dalio – a gennaio scorso. All’epoca abbiamo discusso se avremmo dovuto deviare dai nostri sistemi sottoposti a stress test per sovrascriverli in base a ciò che stavamo vedendo e abbiamo deciso di non farlo perché credevamo di non doverlo fare. Abbiamo anche pensato che questo sarebbe stato un altro dei tanti altri grandi rischi sconosciuti che avevamo già progettato per gestire con lo scopo di limitare le nostre perdite a importi tollerabili”.

RAY DALIO - I PRINCIPI DEL SUCCESSO RAY DALIO - I PRINCIPI DEL SUCCESSO

 

Bridgewater Bridgewater

Il numero uno di Bridgewater osserva che “questo è solo un altro dei tanti grandi shock che abbiamo attraversato nei nostri 45 anni di vita. Non abbiamo incontrato molti di questi momenti, come il crollo del sistema monetario nel 1971, gli shock petroliferi del 1971 e del 1973, la fiammata dell’inflazione e la crisi del debito del 1980-83, lo scoppio della bolla dot-com, l’attacco del World Trade Center e la crisi finanziaria del 2008”.

crisi mercati crisi mercati coronavirus e mercati coronavirus e mercati

 

E a proposito dell’anno d’inizio della grande crisi finanziaria Dalio ricorda con orgoglio che in quel periodo “abbiamo guadagnato molti soldi quando la maggior parte degli altri ne ha perso enormi quantità, perché “siamo stati in grado di adattare i nostri portafogli e conseguentemente produrre grandi performance nel 2010 e nel 2011”. Sarà così anche questa volta? Dalio farà ancora soldi alla faccia del coronavirus?

 

Condividi questo articolo

business