SARÀ UN AUTUNNO DURISSIMO – LA BCE VEDE NERO NEL SUO BOLLETTINO ECONOMICO: “L’INFLAZIONE ELEVATA, LA GUERRA E L’INCERTEZZA STANNO GETTANDO PIÙ DI UN’OMBRA SULLE PROSPETTIVE PER LA SECONDA METÀ DEL 2022 E OLTRE” – “L’AGGRESSIONE INGIUSTIFICATA DELLA RUSSIA VERSO L’UCRAINA RAPPRESENTA UN PERSISTENTE FRENO ALLA CRESCITA E I PERDURANTI VINCOLI DAL LATO DELL’OFFERTA…”

-

Condividi questo articolo


christine lagarde 1 christine lagarde 1

(ANSA) - L'inflazione elevata, le strozzature all'offerta e l'incertezza "stanno gettando più di un'ombra sulle prospettive per la seconda metà del 2022 e oltre". Lo scrive la Bce nel Bollettino economico, notando che "l'aggressione ingiustificata della Russia verso l'Ucraina rappresenta un persistente freno alla crescita" e "l'impatto dell'elevata inflazione sul potere d'acquisto, i perduranti vincoli dal lato dell'offerta e la maggiore incertezza esercitano un effetto frenante sull'economia".

 

Le imprese - scrive la Bce - continuano a fronteggiare costi più elevati e interruzioni nelle catene di approvvigionamento, sebbene vi siano timidi segnali di un allentamento di alcune strozzature dal lato dell'offerta.

christine lagarde con mario draghi christine lagarde con mario draghi christine lagarde 4 christine lagarde 4 christine lagarde christine lagarde CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…