LA SENTI QUESTA MUSICA, BOLLORÉ? È IL SUONO DEI SOLDI - IL FINANZIERE FRANCESE FA CASSA PORTANDO IN BORSA LA UNIVERSAL MUSIC, SOCIETÀ SCORPORATA DA VIVENDI DA OGGI SUL LISTINO DI AMSTERDAM - È LA PRIMA CASA DISCOGRAFICA DEL MONDO DAVANTI A SONY E WARNER E VIENE VALUTATA 33 MILIARDI: CON IL BOOM DELLO STREAMING PUÒ CRESCERE ANCORA E I RICAVI DEL SETTORE STANNO SCHIZZANDO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giovanni Pons per "la Repubblica"

 

vincent bollore vincent bollore

Vincent Bolloré, il finanziere bretone proprietario del conglomerato francese Vivendi con propaggini in Italia (ha ancora il 23,8% di Mediaset e il 24,7% di Telecom Italia) si appresta a realizzare un altro dei suoi colpi finanziari. Da oggi, infatti, sarà operativa alla borsa di Amsterdam la quotazione separata di Universal Music, la prima casa discografica del mondo davanti a Sony Music e Warner Music, valorizzata alla cifra "monstre" di 33 miliardi di euro.

 

Bolloré aveva rifiutato un'offerta di acquisto di Universal da parte di Softbank nel 2013 che allora l'aveva valutata 8,5%, e quella scelta si è rivelata azzeccata. La diminuzione della pirateria e la sempre maggiore diffusione degli ascolti di musica in streaming, anche attraverso piattaforme a pagamento come Spotify e Apple Music, ha permesso ai ricavi globali del settore di tornare quasi ai livelli del 1999, toccando nel 2020 i 21 miliardi di dollari dai 14 miliardi di minimo del 2014.

universal music group universal music group

 

E la crescita dello streaming a un tasso annuo del 20% permette di pronosticare ulteriore valore per chi ha in portafoglio circa il 40% dei diritti della musica mondiale, senza più costi di distribuzione come ai tempi del vinile e dei Cd.

 

vincent bollore vincent bollore

Gli analisti stimano che Spotify e Apple Music paghino alle case discografiche più di due terzi degli incassi dei consumi musicali, ma Universal deve aggiornare la propria libreria costantemente come ha fatto nel 2020 acquistando i diritti dell'intero catalogo di canzoni di Bob Dylan che va ad aggiungersi a quelli dei Beatles e Lady Gaga, Kanye West e Amy Winehouse, EMI Records (Justin Bieber, Keith Richards, Metallica) e Capitol Records (Katy Perry, Paul McCartney).

 

Continua a leggere su:

vincent bollore vincent bollore

https://www.repubblica.it/economia/2021/09/20/news/bollore_fa_cassa_portando_in_borsa_la_musica_universal-318701536/amp/

 

universal music universal music vincent bollore emmanuel macron vincent bollore emmanuel macron vincent bollore vivendi vincent bollore vivendi vincent bollore vincent bollore vincent bollore vincent bollore vincent bollore al telefono vincent bollore al telefono vincent bollore vincent bollore assemblea vivendi vincent bollore assemblea vivendi vincent bollore

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...