SIAE O NON SIAE UNA SOCIETÀ PER AZIONI? - LA SOCIETÀ DEGLI AUTORI E DEGLI EDITORI DIVENTA UNA SPA: NEL NUOVO STATUTO, L’ASSEMBLEA ELETTA DAGLI ISCRITTI AVRÀ UN RUOLO PURAMENTE FORMALE - IL POTERE PASSERÀ NELLE MANI DEL CDA E DEGLI “ISCRITTI-AZIONISTI” CHE FATTURANO DI PIÙ - MA IL RUOLO DELLA SIAE QUAL È: TUTELARE IL DIRITTO D’AUTORE O SMISTARE DIVIDENDI?...

Condividi questo articolo

Luca Del Frà per "L'Unità"

SEDE SIAESEDE SIAE

A una prima lettura appare lampante come nel nuovo statuto l'assemblea, eletta da tutti gli iscritti, sia ridotta a organo puramente formale, mentre il potere passa nelle mani del «Consiglio di gestione», né più né meno che un CdA.

PALAZZO SIAEPALAZZO SIAE

Viene poi accresciuto il potere del voto pesante, per cui all'iscritto - editore o autore - che incassa di più corrisponde un voto che vale di più rispetto agli altri. Il modello, ben noto, è quello delle SpA, con gli iscritti trasformati in azionisti: una scelta per molti versi singolare. Infatti, la Società italiana degli autori e degli editori nasce non per spacchettare dei proventi del diritto d'autore, ma per tutelare il diritto d'autore e gli aventi diritto, ovvero gli autori e in seconda battuta gli editori, per la parte di diritto d'autore che gli autori cedono loro.

SIAESIAE

Le ripartizioni economiche sono quindi solo un compito, ancorché importante, di Siae. 

Il nuovo statuto è invece favorevole agli editori, tant'è che negli organi elettivi i rappresentanti restano divisi a metà, mentre nel resto d'Europa sono per due terzi appannaggio degli autori e solo per un terzo degli editori.

Tuttavia per la sua missione istituzionale e non solo economica, Siae gode, unica in Europa, di un regime di monopolio. Se ridotta a una SpA distributrice di soldi, si spalancherebbero le porte alla richiesta, avanzata già da tempo, di cessazione del monopolio e di creazione di analoghe società in regime di concorrenza.

 

 

Condividi questo articolo

business