STRANE COINCIDENZE - MARCO CARRAI ATTOVAGLIATO CON L’AMBASCIATORE ISRAELIANO IN ITALIA. ED AL TAVOLO SI E’ UNITO POI FRANCO BERNABE’ - CASUALMENTE, L’AMICO DI RENZI E’ IN AFFARI SIA CON TEL AVIV CHE CON IL FIGLIO DI BERNABE'. ED IL CONSIGLIERE D’AMMINISTRAZIONE DI TIM HA LA GRANA DELLA SPARKLE, SOCIETA’ CHE GARANTISCE L’80% DI INTERNET A GERUSALEMME E DINTORNI

-

Condividi questo articolo


 

Stefano Sansonetti per www.lanotiziagiornale.it

CARRAI IL CAFFE' DELLA VERSILIANA CARRAI IL CAFFE' DELLA VERSILIANA

 

Non sarà stato un pranzo kosher, visto che in quel ristorante il cibo servito si inserisce nella più classica tradizione gastronomica dell’Italia centrale. Di sicuro tra i commensali un certo filo conduttore israeliano si intuiva. Ieri, all’ora pranzo, in un ristorante romano a due passi dal ministero dell’economia si sono “attovagliati” Marco Carrai, detto “Marchino”, il Richelieu renziano col pallino per la cyber security, e Ofer Sachs, ambasciatore israeliano in Italia.

Ofer Sachs ambasciatore Israele Ofer Sachs ambasciatore Israele

 

Dopo qualche minuto si è aggiunto, per poi sostituire Carrai nella prosecuzione del pasto, Franco Bernabè, già capo di Telecom Italia e oggi consigliere di amministrazione dato molto in ascesa nella Tim a trazione francese.

 

E’ appena il caso di ricordare che Carrai e Bernabè sono soci della Cambridge Management Consulting Labs, società di consulenza nel cui azionariato compare anche Jonathan Pacifici, imprenditore italo-israeliano di stanza a Tel Aviv.

 

Franco Bernabè Franco Bernabè

Senza contare che in tempi recenti Carrai ha imbarcato un altro socio israeliano, Ofer Malka, nella Cys4, società che si occupa di cyber security. Sorpresa all’uscita del ristorante: quasi tutti gli uomini della scorta, che aspettavano fuori, se ne sono andati proprio con “Marchino”. Se ne deduce che erano uomini della sua scorta personale.

 

 

carrai renzi cybersecurity 5 carrai renzi cybersecurity 5 carrai renzi carrai renzi

 

Condividi questo articolo

business

FUMATA NERISSIMA - SALTA L’AGGREGAZIONE TRA MPS E UNICREDIT: IL GOVERNO, CHE ATTRAVERSO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA SI È RITROVATO AZIONISTA DELLA BANCA SENESE CON UNA QUOTA MAGGIORITARIA DEL 64% DOPO AVERNE EVITATO IL DEFAULT, SI PREPARA A INTERROMPERE IL NEGOZIATO CON IL GRUPPO MILANESE - LA RAGIONE DELLO STOP STAREBBE NELL’IMPOSSIBILITÀ DEL DICASTERO DI SODDISFARE LA RICHIESTE DI UNICREDIT SU UNA RICAPITALIZZAZIONE DA OLTRE 7 MILIARDI: “SFORZO FINANZIARIO TROPPO PUNITIVO PER I CONTRIBUENTI…”