TE LO FACCIO VEDERE (IL BILANCIO) SE TU MI MOSTRI LA TUA (DATAROOM) - BANCO BPM E CREDIT AGRICOLE SI SONO DATI RISPETTIVO ACCESSO ALLE LORO INFORMAZIONI FINANZIARIE RISERVATE: È IL PRIMO PASSO PER VALUTARE SE UN MATRIMONIO S'HA DA FARE - DALLE PRIME SOMMARIE ANALISI, BANCO BPM POTREBBE ESSERE IL 55-60% DELLA BUSINESS COMBINATION

-

Condividi questo articolo

 

 

Rosario Dimito per ''Il Messaggero''

GIUSEPPE CASTAGNA GIUSEPPE CASTAGNA

 

IL RISIKO ROMA Banco Bpm e Credit Agricole si preparano ad aprire un negoziato vero e proprio per valutare l'ipotesi di fusione. E dopo alcuni colloqui telefonici fra i ceo Giuseppe Castagna e Philippe Brassac, nei giorni scorsi le parti, secondo quanto risulta al Messaggero, avrebbero sottoscritto un accordo di riservatezza, finalizzato allo scambio di informazioni e dati. E' un passaggio cruciale perché dimostra che «nell'esplorazione di tutte le possibili ipotesi in relazione ad una potenziale aggregazione», la pista verso il partner francese sta prendendo piede.

 

Anche perché, dopo Intesa Sanpaolo-Ubi Banca, il mercato e i regulator guardano a un nuovo giro del consolidamento nazionale e Piazza Meda, terzo gruppo bancario italiano, può essere il prossimo protagonista. Unicredit dal canto suo, avendo scelto Piercarlo Padoan come presidente in pectore, sembra destinato a ri-privatizzare Mps nei tempi però dettati dal piano di ristrutturazione da concordare con Francoforte e Bruxelles. Tra Milano e Parigi, quindi, da qualche giorno sarebbero in corso scambi di numeri e dati riferiti ai valori di libro dei due gruppi, per potersi conoscere meglio ai fini di una valutazione. Non ci sarebbero advisor con mandati formali, ma Lazard sta aiutando il team di Castagna, JpMorgan i francesi.

PHILIPPE BRASSAC CREDIT AGRICOLE PHILIPPE BRASSAC CREDIT AGRICOLE

 

I RAPPORTI DI FORZA

Dalle prime sommarie analisi, Banco Bpm potrebbe essere il 55-60% della business combination che nascerebbe da un'offerta di scambio che coinvolge Piazza Meda e Credit Agricole Italia. Da questi valori potrebbero discendere i rapporti di forza della nuova banca anche in termini di governance dove la maggioranza sarebbe della componente Banco, fermo restando però che il socio francese sarebbe unico, mentre gli azionisti italiani molto frazionati. Le parti non si sarebbero ancora incontrate di persona a causa del Covid, che ha impedito a Castagna di recarsi a Parigi.

 

carlo fratta pasini giuseppe castagna carlo fratta pasini giuseppe castagna

Si consideri che sul piatto, Brassac metterebbe la ex Cariparma, Friuladria e Agos di cui detiene il 61%, mentre il Banco ha il 39%. Del gruppo franco-italiano con sede a Parma, la capogruppo francese possiede l'85%, mentre il 15% è frazionato tra le Fondazioni di Parma, La Spezia, Piacenza. Nel Banco, il primo socio è un investitore finanziario anglosassone - Capital research and management company con il 4,99% - mentre c'è una presenza frazionata di Fondazioni guidate da Crt, che vanta l'1,9% e insieme alle altre (Lucca con l'1,2%, Alessandria lo 0,5% e Cariverona lo 0,5%) coagula il 4,1% circa. Anche se ancora i colloqui sono preliminari, comunque la sede sarebbe Milano e il nome dovrebbe comprendere i due brand. Così come è prematuro parlare di poltrone, anche se chi conosce Castagna è consapevole che almeno un altro mandato vorrà farlo, avendo 61 anni.

 

 C'è da considerare che alla presidenza di Piazza Meda da aprile scorso siede Massimo Tononi, figura brillante per la grande esperienza, competenza, relazioni, apprezzato all'esterno che dalla sua ha anche l'età adeguata (56 anni). Credit Agricole Italia è guidata da Giampiero Maioli, l'artefice dell'andamento brillante dell'istituto e dei risultati conseguiti anche a livello strategico: il gruppo opera con circa 1.000 filiali, ha 6,4 miliardi di patrimonio netto, 2 milioni di clienti, 3,5 miliardi di proventi operativi netti. A sua volta il Banco ha una rete di 1.800 filiali, un totale attivo di 179,4 miliardi, 116 miliardi di raccolta diretta, 76,1 miliardi di indiretta, 106 miliardi di impieghi.

giampiero maioli cariparma giampiero maioli cariparma

 

 

 

Condividi questo articolo

business

MEDIOSBANCA – NAGEL COME GIULIO CESARE: “SE NON PUOI BATTERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO!”; E PORGE IL RAMOSCELLO D’ULIVO: “CON LEONARDO DEL VECCHIO ESISTE UN PROFICUO RAPPORTO PROFESSIONALE E DI STIMA PERSONALE DA OLTRE 20 ANNI” – IN VISTA DELL'ASSEMBLEA DI DOMANI SU STATUTO E CONSIGLIO, BIVONA HA CHIESTO CONTO DELLA “REMUNERAZIONE DEL DOTTOR NAGEL” - OGGI I CONTI DEL TRIMESTRE. UNA MARCIA IN PIÙ POTREBBE ARRIVARE DALLE COMMISSIONI DEL CORPORATE AND INVESTMENT BANKING