THE LIGRESTOS TRAGEDY? - I PM DI MILANO INDAGANO SU ISVAP E CONSOB, I VIGILANTES MANCATI SUGLI AFFARI DI TOTUCCIO E FAMIGLIA (IL FIGLIO DEL PRESIDENTE ISVAP IN FONSAI E QUELLO DELL’EX PRESIDENTE CONSOB CARDIA NEL PALAZZO DI DON SALVATORE) - UNA BANCAROTTA PREMAFIN SAREBBE LA FINE DI NAGEL E GHIZZONI - MEDIOBANCA VUOLE CHIUDERE IN FRETTA L’AFFARE UNIPOL-FONSAI PRIMA CHE LA PROCURA FACCIA SALTARE TUTTO…

Condividi questo articolo


Luca Fazzo per "il Giornale"

Giulia Paolo Jonella e Salvatore LigrestiGiulia Paolo Jonella e Salvatore Ligresti Salvatore LigrestiSalvatore Ligresti

Tre ore di interrogatorio per Flavia Mazzarella, vicedirettore generale dell'Isvap (l'autorità di controllo sulle assicurazioni) segnano ieri mattina l'apertura di un nuovo versante dell'inchiesta della Procura di Milano sulla crisi di Fonsai: il capitolo che chiama in causa gli organismi di vigilanza.

Man mano che emergono comportamenti anomali (per usare un eufemismo) del management della compagnia assicurativa di Salvatore Ligresti, tanto più robusti si fanno i dubbi del sostituto procuratore Luigi Orsi su come tutto questo sia potuto avvenire nell'indifferenza degli organi di sorveglianza interni (collegio sindacale e certificatori) ed esterni: Isvap e Consob.

Al nome di Salvatore Ligresti, già indagato per ostacolo all'attività di controllo, presto se ne aggiungeranno altri nel registro degli indagati, per i reati di aggiotaggio, insider trading e false comunicazioni sociali: la faccia scura con cui l'altro ieri Marco De Luca, legale dei Ligresti, ha abbandonato la stanza del pm Orsi non lascia presagire nulla di buono.

ALBERTO NAGELALBERTO NAGEL

Ma le preoccupazioni maggiori non riguardano solo i reati che vengono o che verranno contestai ai Ligresti e ai loro manager,ma l'altro ruolo che la legge assegna alla Procura della Repubblica: la tutela del mercato, con la facoltà (o meglio l'obbligo) di presentare istanza di fallimento in caso di dissesto irrecuperabile di società di capitali.

ALBERTO NAGEL E RENATO PAGLIAROALBERTO NAGEL E RENATO PAGLIARO

Ed è da questo versante che lo scenario è più cupo. La Procura non intende in alcun modo staccare la spina a Fonsai affossando il tentativo di salvataggio affidato da Mediobanca a Unipol: perchè Fonsai è una realtà imprenditoriale e occupazionale enorme. Ma è altrettanto certo che l'analisi compiuta finora dello stato patrimoniale del gruppo Ligresti ha convinto Orsi che si trovino in stato di sostanziale insolvenza non solo Fonsai ma anche e soprattutto le scatole finanziarie che la controllano, ovvero Premafin e Sinergia. Premafin, in particolare, se svalutasse la partecipazione in Fonsai che ne costituisce l'unico vero asset potrebbe considerarsi tecnicamente fallita.

FEDERICO GHIZZONIFEDERICO GHIZZONI

E se ci sono motivi di ordine pubblico per lasciare aperta la strada al salvataggio di Fonsai, non ci sono ragioni particolari per tenere in vita a tutti i costi le due finanziarie. É vero che il fallimento di Premafin penalizzerebbe Mediobanca e Unicredit, pesantemente esposte verso la holding, ma in situazioni analoghe (vedi Risanamento) la Procura milanese ha comunque ritenuto doveroso presentare istanza di fallimento per evitare l'aggravamento dello stato di insolvenza.

Federico GhizzoniFederico Ghizzoni

L'esito del caso Ligresti, insomma, potrebbe vedere separati i destini di Fonsai da quello delle holding a monte. Il salvataggio di Unipol (che nei piani di Mediobanca dovrebbe prendere il controllo di Premafin) riguarderebbe solo Fonsai. E se Premafin andasse al fallimento, molte storie che stanno venendo a galla potrebbero portare a formulare persino un'ipotesi di bancarotta fraudolenta.

Mediobanca prosege comunque con decisione sulla strada della pianificata integrazione industriale Unipol-Fonsai. Premafin ha invece chiuso il 2011 con una perdita di 440,3 milioni (-102,8 milioni nel 2010). I conti sono stati approvati ieri dal cda che ha svalutato il pacchetto Fonsai per 436,5 milioni, abbassando il valore di carico dei titoli da 7,4 a 3,95 euro sulla base degli impairment test di Pwc, e ha approvato il piano di risanamento.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”