UNICREDIT VUOLE LIBERARSI DALLA ZAVORRA DELLA CONTROLLATA RUSSA E IL TITOLO VOLA IN BORSA: IL PROBLEMA È TROVARE QUALCUNO CHE SE LA COMPRI! - PER ORA, COME FA NOTARE “BLOOMBERG”, SI TRATTA DI CONFRONTI PRELIMINARI CHE, DATA LA SITUAZIONE GEOPOLITICA, POTREBBERO ANCHE FALLIRE. SE INVECE L’OPERAZIONE ANDASSE IN PORTO, UNICREDIT POTREBBE DIVENTARE LA SECONDA USCITA DI UNA GRANDE BANCA EUROPEA DAL PAESE, DOPO SOCGEN…

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

 

unicredit in russia unicredit in russia

Unicredit vola in Borsa su indiscrezioni circa l’ipotesi di vendita della controllata russa (Unicredit Bank, che in Russia detiene poco più dell’1% del mercato). Secondo quanto riporta l’agenzia americana Bloomberg, il gruppo è stato contattato da acquirenti interessati all’operazione, che se arrivasse a termine potrebbe diventare la seconda importante uscita di una grande banca europea dalla Russia. Il titolo dell’istituto di Piazza Gae Aulenti guadagna in Borsa il 10,79% a 9,37 euro.

ANDREA ORCEL ANDREA ORCEL

 

I colloqui con i possibili acquirenti

Unicredit avrebbe attirato l’interesse non richiesto di istituzioni finanziarie e società interessate a ottenere una licenza bancaria all’interno della Russia. Secondo indiscrezioni, la cessione è una delle opzioni ma in ogni caso l’intenzione della banca è valorizzare la partecipazione. I colloqui tra Unicredit e la controparte non sottoposta a sanzioni sono iniziati di recente e sarebbero ancora in corso. Bloomberg fa notare che si tratta ancora di confronti preliminari e che, data la situazione geopolitica, potrebbero anche fallire.

 

Altre banche che hanno lasciato la Russia

Tra le altre banche più esposte in Russia, c’è anche la francese SocGen (Société Générale), la quale ha già accettato di vendere la sua controllata russa Rosbank Pjsc a Interros Capital, la società d’investimento fondato dall’oligarca Vladimir Potanin, uno dell’uomo più ricco della Russia. L’austriaca Raiffeisen di recente ha comunicato di essere stata avvicinata da acquirenti non richiesti. Unicredit la scorsa settimana, nel comunicare la trimestrale, ha indicato di avere ridotto l’esposizione sulla Russia di 2 miliardi di euro e di aver effettuato rettifiche per 1,3 miliardi.

 

In Borsa

andrea orcel di unicredit andrea orcel di unicredit

La notizia fa balzare il titolo di Unicredit a Piazza Affari, con un massimo toccato a 9,434 euro, quando il Ftse Mib sale del 2,84%. I titoli della banca sono partiti al rialzo fin dalla mattinata, spinti anche dalla notizia di un possibile piano di riacquisto azioni proprie per un importo massimo di 1,58 miliardi di euro e, in ogni caso, di non oltre 215 milioni di azioni, pari al 9,84% del capitale agli attuali corsi di Borsa.

andrea orcel andrea orcel Andrea Orcel Andrea Orcel andrea orcel andrea orcel

 

Condividi questo articolo

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…