VIA TIKTOK AI BAMBINI! - LA CINA LIMITA L'USO DEL SOCIAL A 40 MINUTI AL GIORNO PER I RAGAZZINI SOTTO I 14 ANNI: ANCHE LA VERSIONE CINESE DELL'APP PER I VIDEO BREVI, CHIAMATA DOUYIN, NON SARÀ PIÙ ACCESSIBILE DI NOTTE - NON SI TRATTA SOLO DI PROTEZIONE DEI GIOVANI: LA MOSSA VA LETTA IN CHIAVE DI RIPRESA DEL CONTROLLO DA PARTE DELLO STATO SUI MILIARDARI DELLA TECNOLOGIA…

-

Condividi questo articolo


Articolo di "Le Monde" dalla rassegna stampa di "Epr Comunicazione"

 

TIKTOK TIKTOK

ByteDance, la società madre di TikTok, ha annunciato sabato 18 settembre che la versione cinese della famosa applicazione di video brevi, chiamata Douyin, non sarà più accessibile agli utenti sotto i 14 anni per più di quaranta minuti al giorno e tra le 22 e le 6 del mattino. Come in Occidente, questa breve applicazione video è molto popolare in Cina, dove ha quasi 500 milioni di utenti - scrive Le Monde.

 

Douyin ora passa automaticamente i minori di 14 anni alla "modalità giovani", una versione alternativa del social network che include video sulle arti, la storia e la scienza. Per evitare che il blocco venga aggirato, ByteDance ha lanciato un concorso di caccia ai bug del software. Ma non è chiaro quanto diligentemente l'azienda controlli l'età e l'identità degli utenti che si iscrivono con un account falso, con ByteDance che consiglia anche ai genitori di registrare il loro bambino sulla piattaforma da soli o di attivare manualmente la "modalità giovani".

 

TIKTOK TIKTOK

Acquisizione da parte dello Stato

Può sorprendere che un importante social networker limiti l'uso dei suoi servizi da solo, tagliando le sue entrate pubblicitarie ed esponendosi alla concorrenza. Ma questo annuncio deve essere visto nel contesto molto particolare della ripresa del controllo da parte dello stato sui miliardari della tecnologia e le loro aziende e servizi nel periodo precedente la campagna di Xi Jinping per la rielezione al vertice dello stato cinese.

 

TIKTOK TIKTOK

A giugno, la Cina ha rivisto la sua legge sulla protezione dei minori, richiedendo ai social network di limitare il consumo. La legge specifica che "la società, le scuole e le famiglie devono condurre un'educazione ideale (...). Lo Stato incoraggia e sostiene la creazione e la diffusione di contenuti online che favoriscono la crescita sana dei minori". Fissa anche l'obiettivo di "impedire che i minori diventino dipendenti dalla rete".

 

tiktok 2 tiktok 2

Il 3 agosto, lo stato cinese è andato oltre e ha vietato ai minori di usare i videogiochi online durante la settimana, limitando il consumo settimanale a tre ore. Cinque mesi prima, la società leader mondiale dei videogiochi online, Tencent, aveva cercato di risolvere il problema del sovraconsumo segnalato dalle autorità imponendo un "blocco digitale" su alcuni giochi per i minori di 13 anni. Questa iniziativa è stata probabilmente troppo timida, poiché non ha dissuaso lo Stato dal legiferare.

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...