CAFONAL DINO’S DARK ROOM! NEGLI SPAZI DELLA FONDAZIONE ALDA FENDI A ROMA, A PALAZZO RHINOCEROS, C'È TEMPO FINO A NOVEMBRE PER ASSISTERE ALLA PROIEZIONE GRATUITA DI “DINO'S DARK ROOM”, IL DOCUFILM DI CORRADO RIZZA SULLA STORIA DI DINO PEDRIALI, IL FOTOGRAFO CHE MISE “A NUDO” PASOLINI (DA QUEL MOMENTO FU PER TUTTI PIER PAOLO "PISELLINI") - LA COLLEZIONE DI SCATTI DEDICATA A MAN RAY – LE FOTO DELLA SERATA A PALAZZO RHINOCEROS BY LUCIANO DI BACCO…

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

Valentina Venturi per “Il Messaggero - edizione Roma”

 

pietro de silva e corrado rizza foto di bacco pietro de silva e corrado rizza foto di bacco

Ospiti, amici, artisti, curiosi o amanti dell'arte. Tante sono le sfaccettature e le caratteristiche di chi lo ha già scelto, ma per tutti la ragione è comunque sempre la stessa: la voglia di bellezza. E infatti la proposta artistica della rhinoceros gallery di Palazzo Rhinoceros, avamposto tra antico e iper-contemporaneo ideato da Alda Fendi e progettato dall'architetto premio Pritzker Jean Nouvel, con la linea artistica di Raffaele Curi non smette di accogliere visitatori.

 

Ecco arrivare in via del Velabro i premi Oscar Francesca Lo Schiavo Ferretti, Brendan Fraser per il film "The Whale", arrivato con i figli Leland di professione modello, mentre Holden ha scelto la carriera del padre ed è un attore. Alla "Fondazione Alda Fendi Esperimenti" si è vissuta una forte emozione per l'arrivo dell'architetto Nouvel che ha risieduto proprio nel palazzo da lui progettato insieme alla moglie Lida Guan: i due erano di passaggio a Roma per l'incontro voluto da Papa Francesco.

pietro de silva foto di bacco pietro de silva foto di bacco

 

Attraversano le sale all'interno del Palazzo Moira e Clementina di Robilant, Tristano Pedriali il figlio di Dino Pedriali e l'attore Pietro De Silva che interpreta il ruolo del fotografo da poco scomparso.

 

E ancora il Principe Hashem di Giordania, Paris Brosnan figlio dell'attore Pierce Brosnan che ha interpretato il mitico 007, le modelle Sano Turdiev e Kendra Bailey insieme al collega Mergim Shabani.

 

pietro de silva corrado rizza marco geppetti foto di bacco pietro de silva corrado rizza marco geppetti foto di bacco

C'è tempo fino a novembre per apprezzare le eccellenze d'arte contenute nel progetto "Lady Alda Presents", a cominciare dalla proiezione gratuita (tutti i giorni alle 18.30 fino al 19 novembre) di "Dino's dark room.

 

La storia del fotografo Dino Pedriali" il docufilm di Corrado Rizza che celebra le preziose collezioni di fotografie di Pedriali di proprietà di Alda Fendi: una dedicata a Man Ray e l'altra a Pier Paolo Pasolini. È poi per la prima volta in Italia il gallerista François Ghebaly mente ideatrice della mostra dei suoi artisti Neïl Beloufa, Ludovic Nkoth, Em Rooney e Max Hooper Schneider.

 

corrado rizza giorgio rutelli foto di bacco corrado rizza giorgio rutelli foto di bacco

Impossibile dimenticare l'installazione "Mr and Mrs Warhol" di Curi, disseminata tra le sale e i passaggi dell'hub polifunzionale a due passi dalla Bocca della Verità in cui lo scambio tra maschile e femminile è continuo, con le note dei Velvet Underground a fare da colonna sonora.

raffaele curi foto di bacco raffaele curi foto di bacco corrado rizza livia morellini foto di bacco corrado rizza livia morellini foto di bacco corrado rizza foto di bacco corrado rizza foto di bacco pietro de silva corrado rizza raffaele curi foto di bacco pietro de silva corrado rizza raffaele curi foto di bacco raffaele curi foto di bacco (2) raffaele curi foto di bacco (2) pietro de silva corrado rizza foto di bacco pietro de silva corrado rizza foto di bacco marco geppetti crescenzo mazza corrado rizza pietro de silva foto di bacco marco geppetti crescenzo mazza corrado rizza pietro de silva foto di bacco alessia caruso fendi e corrado rizza foto di bacco alessia caruso fendi e corrado rizza foto di bacco clementina di robilant foto di bacco clementina di robilant foto di bacco clementina di robilant e la mamma moira foto di bacco clementina di robilant e la mamma moira foto di bacco giorgio rutelli foto di bacco giorgio rutelli foto di bacco dino pedriali in foto dino pedriali in foto francesco scimeni foto di bacco francesco scimeni foto di bacco corrado rizza richard pfluger foto di bacco corrado rizza richard pfluger foto di bacco corrado rizza marco geppetti foto di bacco corrado rizza marco geppetti foto di bacco crescenzo mazza corrado rizza pietro de silva foto di bacco crescenzo mazza corrado rizza pietro de silva foto di bacco crescenzo mazza foto di bacco crescenzo mazza foto di bacco livia morellini foto di bacco livia morellini foto di bacco locandina locandina luca damiani francesco scimeni pietro de silva foto di bacco luca damiani francesco scimeni pietro de silva foto di bacco ottavio celestino foto di bacco ottavio celestino foto di bacco luca damiani foto di bacco luca damiani foto di bacco pier paolo pasolini fotografato da dino pedriali pier paolo pasolini fotografato da dino pedriali pietro de silva foto di bacco (2) pietro de silva foto di bacco (2) raffaele curi livia morellini foto di bacco raffaele curi livia morellini foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?