L’ALTRO CHARLOT - CHARLIE CHAPLIN TRATTAVA LA MOGLIE SEDICENNE IN MODO “CRUDELE E INUMANO”, SI LEGGE NELLE CARTE DEL DIVORZIO ORA IN VENDITA

Chaplin, allora 34enne, convinse la “virtuosa e inesperta” sedicenne a dormire con lui, promettendole le nozze. Tentò di farla abortire quando rimase incinta. La prima notte di nozze, Charlie confidò agli amici di preferire il matrimonio alla prigione...

Condividi questo articolo


Sam Matthew per “Mail On Line”

 

lita grey sposa di chaplin lita grey sposa di chaplin

Le carte di divorzio di Charlie Chaplin parlano di un trattamento “crudele e inumano”  riservato alla sua giovane moglie Lita Grey, di vent’anni più giovane. L’unione durò tre anni. Chaplin la portò a letto quando lei aveva 16 anni, le promise di sposarla ma tentò di farla abortire quando rimase incinta. La prima notte di nozze, Charlie confidò agli amici di preferire il matrimonio alla prigione.

divorzio chaplin in vendita a plymouth divorzio chaplin in vendita a plymouth

 

La copia originale delle carte del divorzio, redatta nel 1927, sarà venduta per 15.000 sterline alla “Parade Antiques” di Plymouth. Si legge che Chaplin, allora 34enne, convinse la “virtuosa e inesperta” sedicenne a dormire con lui, promettendole le nozze. Dopo il matrimonio, soleva dire a sua moglie: «Non durerà molto. Ti renderò così stufa di me che non vorrai più vivermi accanto». La chiamava “cacciatrice di dote”, la incolpava di volergli rovinare la carriera. Tenne nascosta la gravidanza il più possibile, per non far sapere che il bambino era stato concepito prima del matrimonio.

chaplin prese in sposa la sedicenne lita grey chaplin prese in sposa la sedicenne lita grey chaplin divorzio dopo tre anni chaplin divorzio dopo tre anni

 

Forse le accuse sono state esagerate dagli avvocati, per ottenere più soldi possibili dal divorzio. Lita fu liquidata con 800.000 dollari, una cifra enorme per l’epoca. Chaplin continuò la sua eccellente carriera.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

BERGOGLIO? UNO DI NOI: TE LO DO IO IL POLITICAMENTE CORRETTO! "NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" E QUINDI I VESCOVI DEVONO SEMPRE, LETTERALMENTE, "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE". PAPALE PAPALE! - LO RIFERISCONO, TRA IL BASITO E L’ALLEGRO, PARECCHI VESCOVI ITALIANI CHE QUESTA SETTIMANA SONO INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMOSESSUALI - BERGOGLIO DEL RESTO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)