ARSENICO, MERLETTI & ZONETTI - RAI INVASA DAI MELONIANI? MA QUANDO MAI, I NUMERI DICONO ALTRO. LA TANTO ATTESA MILITARIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO, CHE PREOCCUPAVA I TELE-SINISTRATI, ALLA FINE SI È ANNACQUATA: LE NOVE POLTRONE LASCIATE IN MANO AL PD SUPERANO LE CINQUE DI FRATELLI D'ITALIA, LE SETTE DELLA LEGA E LE TRE DI FORZA ITALIA – PIÙ CHE UNA RAI “MELONIANA” SEMBRA UNA TV “DEMOCRISTIANA”…

-

Condividi questo articolo


Marco Zonetti per Dagospia

 

giorgia meloni giorgia meloni

Più che una "nuova Rai meloniana", quella uscita dalle nomine in CdA di oggi è una Rai quanto mai "democristiana", nella quale - per paradosso - le poltrone lasciate in mano al Pd superano le cinque di Fratelli d'Italia (Corsini, Mellone, Rao, Chiocci, Petrecca), le sette della Lega (Pionati, Pacchetti, Casarin, Zappi, Mariella, Ciannamea, Giorgino) e di gran lunga le tre di Forza Italia (Preziosi, Santo, Volpi). 

 

L'area dem, a conti fatti, mantiene ben nove poltrone con: 1) Mario Orfeo al Tg3; 2) Stefano Coletta alla Distribuzione; 3) Simona Sala a Radio2; 4) Silvia Calandrelli a Rai Cultura; 5) Paolo Del Brocco Ad Rai Cinema; 6) la moglie Paola Marchesini capostaff dell'Ad Rai Sergio; 7) Maria Pia Ammirati a Rai Fiction; 8) Luca Milano a Rai Kids; 9) Elena Capparelli a RaiPlay e Digitale. 

 

marco chiocci marco chiocci

Aggiungiamoci le tre assegnate al M5s - Claudia Mazzola alla presidenza di RaiCom, Adriano De Maio alla direzione Cinema e Serie Tv e Giuseppe Carboni a Rai Parlamento - e avremo ben dodici poltrone affidate all'area di Centrosinistra, contro le quindici assegnate oggi all'area di Centrodestra, fra le quali contiamo la carica di Ad di RaiCom a Sergio Santo che proveniva in passato dall'area dem-renziana.

 

ROBERTO SERGIO ROBERTO SERGIO

Quella varata dal dirigente Rai di lungo corso ora divenuto Ad Roberto Sergio, molto stimato da Gianni Letta, sembra praticamente fatta con il manuale Cencelli. Sotto le spoglie del cavallo morente di Viale Mazzini, insomma, continua sempre a celarsi un vivo e vegeto gattopardo.

 

***

 

Il desiderio di una rivoluzione culturale e i propositi di rinnovamento della weltanschauung in chiave destrorsa da parte di Fratelli d'Italia e dei suoi esponenti, in primis il Dg uber-meloniano Giampaolo Rossi, sembrerebbero essersi scontrati con la realtà dei fatti, almeno in Rai. 

giampaolo rossi giampaolo rossi

La direzione Fiction è infatti rimasta saldamente in mano alla franceschiniana Maria Pia Ammirati; Rai Cultura permane affidata all'inossidabile Silvia Calandrelli, che ne mantiene la poltrona fin dal lontano 2011 quando ancora si chiamava Rai Educational; Rai Cinema è ancora appannaggio di Paolo Del Brocco vicino all'area dem. 

Le fiction dedicate alle avventure del gerarca Ettore Muti, i programmi culturali incentrati sull'opera di Alain De Benoist e i film su Italo Balbo possono aspettare. 

 

***

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

Chi aveva vagheggiato che Roberto Sergio si sarebbe limitato a fare l'Ad Rai "di facciata" per lasciare in mano al direttore generale Giampaolo Rossi tutte le decisioni importanti, potrebbe aver preso un grosso granchio. Le nomine varate oggi in CdA lo dimostrano, ma soprattutto lo conferma il piglio decisivo con il quale Sergio ha arginato nei giorni scorsi varie ipotesi piuttosto "ardite" di stravolgimento dei palinsesti e delle conduzioni. Roberto Sergio è stato nominato Ad e pare intenzionato a farlo appieno: se ne facciano una ragione un po' tutti, soprattutto coloro che pensavano di relegarlo a tagliare i nastri. Stiano invece attenti a non essere "tagliati" loro. 

paolo corsini paolo corsini

 

gian marco chiocci foto di bacco gian marco chiocci foto di bacco Giampaolo Rossi Giampaolo Rossi roberto sergio roberto sergio angelo mellone 2 angelo mellone 2 angelo mellone 2 angelo mellone 2 nicola rao nicola rao GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

paolo petrecca direttore rai news 24 foto di bacco paolo petrecca direttore rai news 24 foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…