ATTENTI AL LUPIN - IN TEMPI DI POLITICALLY CORRECT IL MONDO DEL CINEMA SI SPACCA SULLA NUOVA SERIE 'NETFLIX' E SULL'ATTORE OMAR SY - MARCO GIUSTI: “LE CRITICHE? TROVO SECONDARIO IL FATTO CHE SIA NERO. A ME PIACE MOLTO, HA QUESTO TONO DI GENTILUOMO CHE NON È SEMPLICE TROVARE NEL CINEMA DI OGGI E IN QUELLA PARTE CALZA A PENNELLO" – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

omar sy lupin omar sy lupin

Da mowmag.com

 

Pochi giorni di vita e si è già spaccato trasversalmente il mondo del cinema per il remake di Lupin, la nuova serie tv targata Netflix. La storia del ladro più eclettico di sempre viene raccontata ed interpretata dall’attore Omar Sy in una chiave più contemporanea. È proprio sul carisma del francese che sono emersi parecchi dubbi sull’autenticità della storia, considerato a tratti ripetitivo e senza personalità.

 

Non è assolutamente d’accordo però il celebre critico cinematografico Marco Giusti. L’autore televisivo di programmi storici del piccolo schermo italiano come Stracult e Garrincha, infatti, ha esaltato le qualità attoriali del protagonista definendolo raffinato e divertente: “Trovo molto interessante la scelta di Omar Sy, è una star mondiale che sta bene nella parte – ci ha raccontato –

omar sy lupin omar sy lupin

 

Ha questo tono di gentiluomo che non è semplice trovare nel cinema di oggi, trovo inoltre la serie piena di attrici bravissime come Ludivine Sagnier e Nicole Garcia”. Positivo il commento anche per quanto riguarda la trama, rispettoso del libro e degli altri film anche se, col passare degli episodi, tende a perdersi: “Come sempre capita gli episodi tendono a diluirsi. L’effetto nostalgia? In certe cose dobbiamo pensare che non è un romanzo, in parte, però, è stato raggiunto”.

 

Tra le molte critiche dirette alla regia oltre alla banalità della storia, è stata contestata la scelta, apparentemente forzata, di scegliere un attore nero per un ruolo che, sia storicamente che nelle precedenti uscite, è appartenuto ad un bianco. Anche da questo punto di vista, Giusti va controcorrente, esaltando ancora il nuovo Arsenio Lupin: “A me piace molto, trovo assolutamente secondario il fatto che sia nero. Anzi, in questo momento fa tutto il cinema attuale e in quella parte calza a pennello”.

omar sy lupin omar sy lupin

 

Se l’intenzione della triade di direttori Said, Leterrier e Bernard era quella di dividere il mondo cinematografico, l’esperimento è pienamente riuscito. Come si dice in giro e in piena personalità lupiniana: bene o male, l’importante è che se ne parli.

omar sy lupin omar sy lupin samba omar sy charlotte gainsbourg samba omar sy charlotte gainsbourg omar sy omar sy samba omar sy charlotte gainsbourg samba omar sy charlotte gainsbourg due agenti molto speciali omar sy e laurent lafitte in una scena della commedia due agenti molto speciali omar sy e laurent lafitte in una scena della commedia samba omar sy samba omar sy

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHRISTIAN RACCONTA VITTORIO DE SICA – “IL GIORNO DEL SUO FUNERALE AL VERANO C’ERA UNA “BUZZICONA”. SI È GIRATA E AVEVA LA MIA FACCIA. MI DISSE CHE ERA LA FIGLIA DI INES, LA SARTA DI MIO PADRE. CHIESI SPIEGAZIONI A MIA MADRE: “E QUESTA CHI È?”. E LEI MI DISSE…” - E POI QUEL “VECCHIO SCEMO” DI CHARLIE CHAPLIN, IL FILM DI ANDY WARHOL E QUEI “QUATTRO FROCI AMERICANI” – ROSSELLINI MI DISSE: “MEGLIO CHE CONTINUI A STUDIARE. FARE L’ATTORE È UN MESTIERE DA FANNULLONE” – LO SHOW DA FAZIO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute